Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria






Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

01 Giu 2019 - ore 17:56
Giu 01 2019
17:56

Notizie dall'Italia

Bilancio/6 I risultati cifra per cifra

L’analisi del settore tradizionale da parte di Poste italiane conferma la linea degli ultimi anni: negativa la corrispondenza; di segno opposto, grazie al commercio elettronico, i pacchi


I colli fanno ancora faville

La lente adesso su volumi e ricavi, sempre riferiti al bilancio 2018 e riguardanti il gruppo Poste italiane nella sua totalità. La corrispondenza vede una riduzione -rispetto all’anno precedente- nell’ordine del 5,5% (pari a -173 milioni di invii) e del 2,5% (-68 milioni di euro), “essenzialmente ascrivibile al calo strutturale che interessa il mercato”, dice la “Relazione finanziaria annuale”. Nel dettaglio, la posta indescritta (-2,5%, equivalente a -34 milioni di invii), ha generato un calo dei ricavi del 4,4% (-35 milioni). Al contrario appare la descritta: 2,1% (+4 milioni di plichi) e 1,5% (+15 milioni di euro), questo grazie alle raccomandate internazionali contenenti piccoli oggetti legati al commercio elettronico. Il direct marketing segna un rallentamento nei volumi del 7,7% (-42 milioni di oggetti), con una contrazione dei ricavi del 10,8% (-15 milioni di euro). Negativi pure i servizi integrati (-4,0% e -7,6%), esito riconducibile prevalentemente alla conclusione del contratto con il Comune di Milano. La voce residua, che accoglie tra l’altro le stampe effettuate da Postel, mostra una discesa del 10,3% nei quantitativi (-100 milioni di spedizioni) e del 5,7% nei ricavi (-16 milioni di euro); in essa sono comprese le integrazioni tariffarie governative alle prestazioni editoriali (61 milioni di euro, 43 nel 2017). La parziale copertura dell’onere causato dal servizio universale è prevista dal contratto di programma; vale sempre 262 milioni.

E i colli? Gli esiti evidenziano una crescita dei volumi e dei ricavi rispettivamente del 12,6% (+14,2 milioni di invii) e del 9,8% (+68,2 milioni di euro). A “tirare” è il segmento da aziende a consumatori, il “B2C”, che ha conseguito ricavi per 301 milioni, lievitati del 27,8%, a fronte di 74 milioni di spedizioni. Aumentato pure il traffico professionale, il “B2B”, che nel 2017 aveva risentito delle agitazioni sindacali in Sda; evidenzia una crescita del 7,5% (+2 milioni di invii) e del 5,4% (+11 milioni di euro).

Nel contesto, vanno ricordati la progressiva implementazione del modello di consegna “joint delivery” (caratterizzato da passaggi pomeridiani e nei fine settimana), l’accordo triennale con Amazon, la nuova rete puntoposte degli armadietti (i locker) e dei punti di ritiro alternativi al domicilio. Si aggiungono gli interventi atti a migliorare i processi di smistamento puntando all’automazione, come i nuovi impianti per suddividere la corrispondenza operativi a Bologna e a Milano Peschiera Borromeo, nonché la riorganizzazione di sette stabilimenti nella rete di smistamento (si trovano a Bari, Bologna, Firenze, Napoli, Padova, Roma e Torino).

Quanto alla flotta aziendale, il gruppo ha puntato alla progressiva introduzione di mezzi ad alimentazione elettrica per il recapito dei pacchi: sono i veicoli a tre ruote (continua).



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

CHIUSURA ESTIVA

Uffici chiusi da lunedì 5 a venerdì 30 agosto.

Nel periodo di chiusura approfitta delle spese di spedizione GRATIS!
È possibile inviare gli ordini, che verranno evasi in ordine di arrivo alla riapertura.

Buone vacanze a tutti.

 



https://www.vaccarinews.it/news/Bilancio_6_I_risultati_cifra_per_cifra/26903