Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria






Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

08 Giu 2019 - ore 01:01
Giu 08 2019
01:01

Notizie dall'Italia

Notifiche/1 Poste rivede il listino

L’obiettivo è far pagare al mittente, in un’unica soluzione, l’invio dell’atto giudiziario e le eventuali comunicazioni di notifica e deposito. La modifica, non l’unica, sarà operativa dal 10 giugno

A partire dal 10 giugno, “in linea con le modifiche recentemente apportate alla legge 890/1982 e con le delibere attuative dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni in tema di notifiche a mezzo del servizio postale, varieranno le condizioni di offerta del servizio atto giudiziario”. È quanto annuncia Poste italiane. Quattro i punti chiave.

Uno spiega che sarà possibile richiedere la restituzione dell’avviso di ricevimento inerente all’atto giudiziario (è il modello “23L”) via posta elettronica certificata e non più attraverso il canale fisico.

La seconda novità chiede ai clienti contrattualizzati di inglobare forfettariamente il corrispettivo della comunicazione di avvenuta notifica (Can) e della comunicazione di avvenuto deposito (Cad) nel costo dell’invio base, ovvero dell’atto giudiziario stesso (attualmente sono addebitate alla restituzione del “23L”). Insomma, il supporto sarà più caro di 2,70 euro: lo scaglione base per le lettere entro i venti grammi passerà dunque da 6,80 a 9,50. L’ammontare aggiunto -precisa l’operatore- “è stato calcolato tenendo conto, su base nazionale, della effettiva incidenza percentuale di tali comunicazioni sull’insieme complessivo”; “potrà essere soggetto a revisioni annuali” con un preavviso di trenta giorni.

Il terzo cambiamento si concentra sulle condizioni economiche riguardanti il servizio integrato notifiche (“Sin”). Qui già la cifra era unificata (comprende l’invio dell’atto, la reintegrata Can e la Cad); ora è stata attualizzata aumentandola di 10 centesimi, da 9,40 a 9,50.

Quanto alle nuove versioni di buste e moduli da utilizzare così come deciso di recente dalla stessa Agcom, saranno disponibili con il 22 settembre; previsto un periodo transitorio di dodici mesi, durante il quale saranno accettati sia i vecchi, sia i nuovi formulari (continua).



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

CHIUSURA ESTIVA

Uffici chiusi da lunedì 5 a venerdì 30 agosto.

Nel periodo di chiusura approfitta delle spese di spedizione GRATIS!
È possibile inviare gli ordini, che verranno evasi in ordine di arrivo alla riapertura.

Buone vacanze a tutti.

 



https://www.vaccarinews.it/news/Notifiche_1_Poste_rivede_il_listino/26934