Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria






Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

31 Lug 2019 - ore 13:23
Lug 31 2019
13:23

Dall'estero

Commercio elettronico/2 Cadenazzo quasi pronto

Quello del Canton Ticino è uno dei tre nuovi impianti regionali voluti dalla Posta svizzera. Dopo la centralizzazione del 1999, ora è cambiato l’approccio


La Svizzera postale impiega anche i treni

Non solo in Italia (notizia precedente). Ad esempio anche in Svizzera si potenzia il servizio pacchi. L’operatore nazionale, La posta, sta lavorando al nuovo centro regionale di Cadenazzo, nel Ticinese: secondo le stime, verrà inaugurato a settembre. In parallelo, due strutture analoghe sono in costruzione a Untervaz (Grigioni) e Vétroz (Vallese), per un investimento complessivo adesso valutato pari a 190 milioni di franchi. Altri presidi si aggiungeranno più avanti.

Quello di Cadenazzo sorge di fianco ad una seconda sede dell’operatore, che da undici anni smista automaticamente il corriere (quindi anche lettere), attività prima svolta in uffici postali e stazioni ferroviarie. Ogni giorno dal cantone, che ha 400mila abitanti scarsi, partono 500mila invii (a livello nazionale sono 18 milioni). Nel caso la macchina non interpreti l’indirizzo, l’immagine viene inviata a Coira o a Sion e di norma in 8 secondi, trasmissione dati compresa, il problema si risolve. Rispetto al Bel Paese, l’operatore impiega ancora il treno, ma solo per il corriere lento etichettato “B”, pari al 70% del totale. Il resto, ovvero quello con l’indicazione “A”, viaggia su gomma.

Tornando ai colli, il “gigante giallo” ha tirato le somme sugli impianti di Daillens (Vaud), Frauenfeld (Turgovia) e Härkingen (Soletta), operativi con il 31 maggio 1999: hanno trattato 3,1 miliardi di oggetti. Allora -chiosano dalla sede- “venne considerato l’evento del secolo nel settore della logistica”. Con 450 milioni di franchi, per la prima volta il processo di spartizione dei pacchi si svolgeva in modo automatizzato. Dal 2014 al 2016 l’azienda ha investito altri 60 milioni, incrementando così la propria capacità del 25%; oggi viene trattata quotidianamente una media di 800mila pezzi (nel periodo natalizio sale a 1,3 milioni).

Ma le prospettive cambiano. Mentre vent’anni fa la centralizzazione ha apportato grandi vantaggi, il futuro sarà nelle strutture a livello regionale, riducendo così i tempi e i tragitti. Ciò -viene ipotizzato- permetterà anche di preservare l’ambiente (fine).



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

CHIUSURA ESTIVA

Uffici chiusi da lunedì 5 a venerdì 30 agosto.

Nel periodo di chiusura approfitta delle spese di spedizione GRATIS!
È possibile inviare gli ordini, che verranno evasi in ordine di arrivo alla riapertura.

Buone vacanze a tutti.

 



https://www.vaccarinews.it/news/Commercio_elettronico_2_Cadenazzo_quasi_pronto/27194