Vaccari News

www.vaccarinews.it


Philately
Books






The world of philately in one App

Vaccari Shop

Search in Vaccari News

Fill in one field or more to effect your search and press "search"

31 Lug 2019 - ore 13:23
Lug 31 2019
13:23

Dall'estero

Commercio elettronico/2 Cadenazzo quasi pronto

Quello del Canton Ticino è uno dei tre nuovi impianti regionali voluti dalla Posta svizzera. Dopo la centralizzazione del 1999, ora è cambiato l’approccio


La Svizzera postale impiega anche i treni

Non solo in Italia (notizia precedente). Ad esempio anche in Svizzera si potenzia il servizio pacchi. L’operatore nazionale, La posta, sta lavorando al nuovo centro regionale di Cadenazzo, nel Ticinese: secondo le stime, verrà inaugurato a settembre. In parallelo, due strutture analoghe sono in costruzione a Untervaz (Grigioni) e Vétroz (Vallese), per un investimento complessivo adesso valutato pari a 190 milioni di franchi. Altri presidi si aggiungeranno più avanti.

Quello di Cadenazzo sorge di fianco ad una seconda sede dell’operatore, che da undici anni smista automaticamente il corriere (quindi anche lettere), attività prima svolta in uffici postali e stazioni ferroviarie. Ogni giorno dal cantone, che ha 400mila abitanti scarsi, partono 500mila invii (a livello nazionale sono 18 milioni). Nel caso la macchina non interpreti l’indirizzo, l’immagine viene inviata a Coira o a Sion e di norma in 8 secondi, trasmissione dati compresa, il problema si risolve. Rispetto al Bel Paese, l’operatore impiega ancora il treno, ma solo per il corriere lento etichettato “B”, pari al 70% del totale. Il resto, ovvero quello con l’indicazione “A”, viaggia su gomma.

Tornando ai colli, il “gigante giallo” ha tirato le somme sugli impianti di Daillens (Vaud), Frauenfeld (Turgovia) e Härkingen (Soletta), operativi con il 31 maggio 1999: hanno trattato 3,1 miliardi di oggetti. Allora -chiosano dalla sede- “venne considerato l’evento del secolo nel settore della logistica”. Con 450 milioni di franchi, per la prima volta il processo di spartizione dei pacchi si svolgeva in modo automatizzato. Dal 2014 al 2016 l’azienda ha investito altri 60 milioni, incrementando così la propria capacità del 25%; oggi viene trattata quotidianamente una media di 800mila pezzi (nel periodo natalizio sale a 1,3 milioni).

Ma le prospettive cambiano. Mentre vent’anni fa la centralizzazione ha apportato grandi vantaggi, il futuro sarà nelle strutture a livello regionale, riducendo così i tempi e i tragitti. Ciò -viene ipotizzato- permetterà anche di preservare l’ambiente (fine).



VaccariNews


Copyright © March 2003 - Vaccari srl
all rights reserved

Law Court of Modena registration
n. 1854, 4 December 2007

editor Fabio Bonacina
publishing director Valeria Vaccari
editorial staff and press office Claudia Zanetti

Vaccari news runs on software designed, developed and maintained by internet images & fabioferrero.it.

All contents of this site, html pages and images included, are protected by copyright.
In case of publication or reference, please quote Vaccari News and advise the editorial staff at info@vaccari.it

Vaccari srl is not responsible for links (tested at first insertion) not properly functioning or that may cause problems.
A notice will be appreciated.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - VAT n. IT-1917080366

 



https://www.vaccarinews.it/news/Commercio_elettronico_2_Cadenazzo_quasi_pronto/27194