Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria






Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

26 Set 2008 - ore 20:37
Set 26 2008
20:37

Notizie dall'Italia

Postini da record: in bici tra Cracovia e Venezia

L’iniziativa, che si è conclusa oggi con l’arrivo al fondaco dei Tedeschi, ha voluto ricordare i 450 anni della linea postale tra la Polonia e Venezia


I tre protagonisti dell'iniziativa, Dariusz Malon, Malgorzata Wesolowska e Ludwik Sieczkowski

Sono partiti il 10 settembre da Cracovia. Si chiamano Dariusz Malon, Malgorzata Wesolowska, Ludwik Sieczkowski e di professione fanno i portalettere a Lublino, centro situato a 150 chilometri da Varsavia.

In bicicletta intendevano percorrere i 1.300 chilometri dell’itinerario tracciato tra la Polonia e, passando da Vienna, Venezia. Esattamente come facevano i messaggeri imperiali 450 anni fa, nel XVI secolo. Un progetto impegnativo, tanto è vero che la ragazza ha rinunciato e al traguardo sono arrivati soltanto in due, dopo aver pedalato per 1.282 chilometri. Hanno raggiunto la sede di Poste italiane a Mestre e poi, questa volta con un passaggio in motoscafo, lo storico fondaco dei Tedeschi, sede delle Poste centrali cittadine. Qui hanno consegnato un messaggio da parte del loro direttore generale.

“Il collegamento permanente fra le tre città -ricordano da Varsavia- fu stabilito da re Sigismondo Augusto il 18 ottobre 1558, per mantenere buone relazioni diplomatiche ed economiche. Le comunicazioni erano garantite attraverso corrieri a cavallo”. Il primo responsabile fu proprio un italiano, Prospero Provana.

“Bravi -commenta l’esperto Clemente Fedele- i postali polacchi a festeggiare il 1558, anche se di fatto i desideri reali di impiantare un moderno sistema di posta cavalli su tale asse si scontrarono con il problema dei costi. Quella prima gestione si arenò in fretta e anche in seguito risultò difficile stabilire contatti stabili diretti con l’Italia. La soluzione fu di far arrivare le lettere a Vienna, in modo che trovassero coincidenza con l’ordinario diretto a Venezia. Anche in seguito, per i polacchi, Vienna sarebbe stata la porta postale d’Italia”.



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

 



https://www.vaccarinews.it/news/Postini_da_record__in_bici_tra_Cracovia_e_Venezia/5922