Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria






Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

23 Mag 2009 - ore 02:27
Mag 23 2009
02:27

Libri e cataloghi

Gli editori contro l’iniziativa francese

Sia pure con qualche sfumatura, tutte le aziende che producono cataloghi mondiali concordano: i recenti 240 esemplari per le regioni (come gli analoghi casi registrati in altri Paesi) sono personalizzati e non verranno considerati

Pollice verso dai cataloghi mondiali: l’emissione regionale francese, articolata in 240 francobolli di fatto appartenenti alla categoria dei personalizzati, non è piaciuta. Se non altro per le oggettive difficoltà su come considerarla.

Non può, infatti, ritenersi una emissione come le altre né un normale personalizzato che chiunque si prepara utilizzando il servizio offerto in numerosi Paesi. È quella via di mezzo, già saggiata, ad esempio, da Australia, Austria e Israele, in cui è lo stesso servizio postale (o filatelico) ad utilizzare il sistema per produrre e mettere in vendita cartevalori dall’incerto status.

“Vaccari news” ha voluto saperne di più ed ha contattato tutte le case editrici. Le quali hanno espresso la loro opinione.

Per questi francobolli -precisa dalla redazione della tedesca Michel Oskar Klan- consideriamo l’attività di La poste come se fosse un’entità privata. Al pari delle simili produzioni austriache, non verranno elencate, se non considerando il semplice tipo di cornice. Nel nostro ultimo catalogo specializzato di Austria, in un capitolo a parte, abbiamo elencato per la prima volta le confezioni complete vendute ai collezionisti, ma solo quelle. Nel caso dovessimo, in futuro, realizzare un volume di approfondimento dedicato alla Francia, faremo la stessa cosa.

Dalla statunitense Scott, l’incaricato che si occupa delle novità, Martin Frankevicz, richiama le linee aziendali. Colpiscono tutte quelle emissioni che si allontanano dallo standard, perché sono proposte da realtà inesistenti, non hanno valore postale o non sono disponibili alla generalità del pubblico. Nel caso dei personalizzati, vengono considerate solo le cornici, mentre le immagini in esse contenute sono equivalenti; il discorso, insomma, è lo stesso se compare una foto del cliente o quella scelta dall’archivio di un servizio filatelico. Ciò che importa è l’impaginazione: se questa è già considerata nel mercuriale, non vi saranno altre aggiunte.

Hugh Jefferies, redattore dei volumi britannici Stanley Gibbons, li considera “semi personalizzati”. “Un cinico tentativo, ma di breve termine, per integrare le entrate”, nel momento in cui tanti collezionisti di lunga data hanno pensato che il troppo stroppia, scegliendo di concentrarsi sulle emissioni dal reale significato postale, invece di prediligere dei souvenir. La politica della ditta è sempre stata la medesima: i francobolli devono essere emessi da un’autorità postale nazionale riconosciuta e liberamente disponibili al nominale.

Idee chiare pure dall’italiana Unificato. Sempre più preoccupata -è la sottolineatura del direttore responsabile, Paolo Deambrosi- per queste produzioni difficili da gestire e che confondono i collezionisti. “Confermiamo -dice- le scelte precedenti: non consideriamo il francobollo personalizzato ma, in un capitolo apposito, ne cataloghiamo le diverse cornici, i valori facciali e i vari formati. In questo modo il collezionista potrà meglio capire cosa ha davanti”.

Anche la casa francese Yvert & Tellier ha deciso. Fermo restando -annuncia dalla direzione Sandrine Leclere- che si sta lavorando ad una nuova rubrica dedicata ai francobolli autoadesivi, la maxi serie di Parigi va considerata come personalizzata. Quindi, non sarà numerata, riprodotta o quotata.



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

 



https://www.vaccarinews.it/news/Gli_editori_contro_l___iniziativa_francese/6975