Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria






Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

02 Dic 2009 - ore 02:05
Dic 02 2009
02:05

Notizie dall'Italia

La posta pneumatica “risorge” in ospedale

Abbandonato dalle reti postali pubbliche (l’ultimo a dare forfait è stato il Vaticano), il sistema ha trovato una nuova vita in altri ambiti, come le casse dei supermercati. Ed ora è arrivato l’ospedale perugino…

Anche il Vaticano, di recente, ha chiuso con la posta pneumatica. Ma davvero la prestazione è superata? A guardare, ad esempio, cosa succede alle casse dei supermercati, il principio resta gettonatissimo: l’operatore infila il denaro nel bussolotto e questo nella conduttura; spinto dall’aria compressa (o aspirato dal vuoto), finisce in un luogo sicuro. Lo stesso sistema è impiegato in alcune grandi aziende per trasportare, ancora oggi, materiale cartaceo.

E può servire per altre esigenze, come insegna a Perugia l’ospedale Santa Maria della Misericordia, che ha organizzato un sistema analogo con cui inviare, oltre ai documenti, provette, sacche di sangue ed oggetti pesanti fino a due chili ad una velocità compresa tra i quattro e gli otto metri al secondo (può essere regolata in funzione delle esigenze).

Viene assicurato -spiegano dalla struttura- un collegamento nei due sensi tra unità di degenza e servizi, “permettendo così di velocizzare i trasporti e di razionalizzare il lavoro, limitando conseguentemente l’uso di preziose risorse umane che possono essere impiegate in altre mansioni”.

L’impianto conta su quattro linee di interconnessione e sessanta stazioni, presenti all’interno dei reparti. I bossoli sono realizzati in una plastica resistente agli urti e trasparente per vedere il contenuto; hanno un coperchio a chiusura ermetica per evitare l’apertura accidentale, mentre un microchip permette il riconoscimento e la lettura dei dati del mittente e del destinatario. Pure i tubi sono in plastica.

La sicurezza alle stazioni è garantita da badge e password. Tenuto conto della grande affluenza di campioni, il laboratorio analisi e quello di microbiologia sono stati dotati di stazioni multicarico particolarmente capienti. Il laboratorio centralizzato, che gestisce quasi cinque milioni di esami per un totale di 600mila utenti all’anno, è connesso in modo autonomo con il pronto soccorso, così da tagliare sui tempi. Alla rete accede, infine, il servizio immunotrasfusionale.



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

 



https://www.vaccarinews.it/news/La_posta_pneumatica____risorge____in_ospedale/7837