Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria






Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

31 Gen 2010 - ore 18:54
Gen 31 2010
18:54

Dall'estero

In asta la “Rivoluzione culturale”

Ad Hong Kong i francobolli prodotti dalla Cina Popolare alla fine degli anni Sessanta e poi bloccati


Il francobollo monco con Lin Biao

Particolarmente interessanti dal punto di vista iconografico e storico (lo ha recentemente ribadito Duccio Dogheria sul periodico “Charta”), i francobolli realizzati dalla Cina Popolare durante la “Rivoluzione culturale” risultano gettonati anche dal lato economico, e non mancano veri e propri pezzi da novanta.

I più significativi sono stati messi oggi all’incanto ad Hong Kong dall’Interasia auctions. Nel catalogo figura, ad esempio, l’8 fen uscito per poche ore il 25 novembre 1968. Si chiama “L’intero Paese è rosso”, ma qualche imprecisione e soprattutto un’incoerenza indusse Pechino a ritirarlo: Taiwan, allora come adesso indipendente, nella vignetta era rimasta bianca e questa presenza contraddiceva il titolo dell’emissione. La decisione arrivò troppo tardi, perché qualche esemplare finì venduto e addirittura utilizzato. Sul mercato è tornata una coppia con bordo di foglio, stimata tra gli 1,8 e i 2 milioni di dollari locali (al cambio, un dollaro vale 0,09 euro), una busta con il singolo da 1,2-1,5 milioni, e un “libretto rosso” in cui il dentello, precedentemente usato, è stato appiccicato insieme con altri valori comuni e per questo sconta una valutazione di 250-300mila dollari.

In vendita c’è pure una seconda versione con lo stesso soggetto, ma orizzontale. L’ipotesi della ditta è che fosse ritenuta di formato troppo grosso, e per questo venne fermata prima della sua uscita; nonostante ciò, propone un esemplare nuovo (3,5-4,5 milioni) ed uno timbrato il 6 febbraio 1970 (3-4 milioni).

Andò alla stessa maniera con un taglio analogo, dedicato alla vittoria della stessa “Rivoluzione culturale” e databile sempre al 1968. Qui il problema era la presenza, accanto a Mao Zedong, del comandante dell’Esercito e ministro alla Difesa Lin Biao, in quel periodo protagonista di un acceso confronto con il “Grande timoniere” (morirà in un misterioso incidente aereo il 13 settembre 1971). Sul mercato, con una stima tra i 5 ed i 6 milioni, è stata immessa una quartina con margine.

Più articolata è la vicenda in un’ulteriore carta valore, di cui rimane -unica traccia nota- soltanto la metà destra. Si tratta di un celebrativo che, per il quarantesimo anniversario, nel settembre 1967 avrebbe dovuto commemorare la base di Jinggangshan. L’immagine completa comprendeva Mao e ancora Lin Biao, insieme sul podio in piazza Tien An Men. “Le circostanze che caratterizzarono questa emissione e il successivo blocco -dicono dall’azienda- sono ancora avvolte nel mistero”, persino nel numero di esemplari, due o quattro, che avrebbero dovuto costituire la serie. Una delle ipotesi è che il richiamo a Pechino non fosse ritenuto coerente con il contesto; un’altra è la mancanza dell’allora coprotagonista Zhu De; ancora, si suppone un’opposizione dello stesso Lin Biao o, più banalmente, un ritardo nelle lavorazioni. Il mozzicone è stato proposto a 600-800mila dollari.



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

 



https://www.vaccarinews.it/news/In_asta_la____Rivoluzione_culturale___/8067