Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria






Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

27 Mar 2010 - ore 12:41
Mar 27 2010
12:41

Notizie dall'Italia

“Distinguere tra mail art ed e-mail art”

Secondo Vittore Baroni, la prima ha chiuso il suo ciclo vitale, “ma continua ad essere praticata da veterani e anche da molti giovani”. Internet, però, ha aperto nuove strade...


Vittore Baroni ritratto dall'artista postale Guglielmo Achille Cavellini

“Anche se il percorso di «Arte postale!» è terminato qui (news precedente, ndr), ciò non vuol dire che questa sarà la mia ultima pubblicazione o il mio ultimo progetto di mail art. Al contrario, ci sono già nuove idee in elaborazione per il 2010, sia progetti personali che eventi collettivi”, promossi anche dall’associazione Bau. Fra cui una riflessione sulle catene postali intitolata “«Reazione a catena»”.

Così si esprime Vittore Baroni, che dal 1979 ad oggi ha realizzato la pubblicazione “Arte postale!”. Cos’è, adesso, la mail art? “È un movimento artistico spontaneo che ha avuto origine negli anni Sessanta, partendo dalla necessità di molti artisti operanti nei più diversi campi espressivi di creare una rete planetaria aperta di contatti interpersonali, svincolata dai meccanismi del mercato e della critica. Muovendo dalle intuizioni e dalle liste di contatti di alcuni personaggi singolari come Ray Johnson, George Maciunas, Ken Friedman, il gruppo canadese General Idea, il sudamericano Damaso Ogaz, il fenomeno si è diffuso internazionalmente fino a toccare, negli anni Ottanta-Novanta, punte stimate in alcune centinaia di migliaia di praticanti. La mail art ha anticipato i social network di internet, che oggi contano milioni di iscritti, ed è nel web che sono confluiti molti dei progetti e delle idee un tempo circolanti con francobollo. Oggi la mail art, svolto per mezzo secolo il suo compito di rete sotterranea alternativa all’arte ufficiale, ha quindi in gran parte esaurito la sua spinta vitale, ma continua ad essere praticata da veterani e anche da molti giovani, dato che il fascino del’oggetto fisico, la sorpresa di scoprire nuovi «regali» nella buca delle lettere, è difficilmente paragonabile al semplice scambio di dati virtuali. In questa fase, da un lato la mail art è in (difficoltoso) corso di storicizzazione, dall’altro continua a tramandarsi nella pratica di un numero di irriducibili, calcolabile comunque in svariate migliaia di operatori nei diversi continenti, con un continuo ricambio di energie”.

Ha senso praticarla ancora, a livello cartaceo o elettronico? “Per come la intendo io, è solo quella cartacea (e tridimensionale) o comunque trasmissibile per i canali postali tradizionali. Davanti ai circuiti informatici e digitali dobbiamo parlare di e-mail art, net art, phone art o altro, con tutta una serie di diverse caratteristiche e problematiche. La disponibilità di un mezzo di comunicazione sempre più accessibile, economico e duttile qual è internet ha reso obsoleti, in effetti, molti elementi della mail art tradizionale, semplificando e velocizzando i passaggi. Internet può essere d’aiuto alla mail art, facilitando la diffusione di inviti, favorendo l’attivazione di nuovi contatti... Ma, nel momento in cui viene a mancare del tutto lo scambio con «francobollo», direi che ha poco senso continuare ad usare il termine di «arte postale». Ha ancora senso, se non il mantenimento di una costosa struttura di scambio unicamente cartacea, perlomeno la preservazione di un patrimonio di idee libertarie e democratiche che hanno caratterizzato questa libera forma espressiva, e che possono ancora servire da utile modello anche a progetti che utilizzano differenti mezzi di comunicazione”.



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

CHIUSURA ESTIVA

Uffici chiusi da lunedì 5 a venerdì 30 agosto.

Nel periodo di chiusura approfitta delle spese di spedizione GRATIS!
È possibile inviare gli ordini, che verranno evasi in ordine di arrivo alla riapertura.

Buone vacanze a tutti.

 



https://www.vaccarinews.it/news/___Distinguere_tra_mail_art_ed_e_mail_art___/8317