Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria






Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

16 Giu 2010 - ore 12:02
Giu 16 2010
12:02

Notizie dall'Italia

È requiem per l’Issp?

A Prato “zingarata” pubblica per informare sulla possibile chiusura dell’Istituto, dopo quasi trent’anni di attività


Palazzo Datini parato a lutto

Una conferenza stampa alla quale sono intervenuti, come “testimoni”, rappresentanti del mondo accademico e scientifico, postale e collezionistico; l’edificio che a Prato ospita la sede con lunghi drappi neri alle finestre; il sito internet oscurato per una settimana; due “fantasmi” in giro per il centro storico a distribuire volantini informativi ai passanti...

È il primo bilancio della “zingarata” -termine toscano che richiama la saga cinematografica di “Amici miei”- organizzata tra lunedì e martedì per spiegare come l’Istituto di studi storici postali sia a rischio chiusura. “«Zingarata» -ha precisato il direttore dell’Issp, Andrea Giuntini- non vuol dire «pagliacciata». La situazione è molto seria. I ventilati tagli ministeriali previsti quest’anno per noi costituiranno una batosta, che si aggiunge a tutte le restrizioni registrate negli ultimi bilanci. Abbiamo già tagliato iniziative, abbiamo ridotto le attività, probabilmente saremo costretti a rinunciare agli spazi che abbiamo in affitto, ma non possiamo andare avanti così. L’assegno 2009 del ministero per i Beni e le attività culturali, ad esempio, ha rappresentato il 41% dei contributi pubblici complessivi. Ma anche le altre realtà pubbliche gradualmente sono state costrette a stringere i sostegni”.

“Dopo quasi trent’anni di lavoro e presenza sul territorio, è arrivato il momento di cominciare a chiederci: ma ha ancora senso operare in queste condizioni?”.

“Il problema -ha poi aggiunto- non è avviare progetti straordinari, per i quali, di fronte a proposte serie, i soldi si trovano, come dimostrano i lavori finanziati, ad esempio, da Anas e Cesvot. La nostra difficoltà è garantire l’attività ordinaria. Nel 2009, tanto per dire, il costo di personale, affitto ed utenze è stato di 63mila euro, contro un’entrata da strutture pubbliche per 21mila. E non è che i soldi avuti per i progetti possano essere dirottati per queste esigenze...”.

Anche il possibile scioglimento presenta problemi, anzi garantisce il paradosso. “In base allo statuto, se l’Istituto dovesse chiudere, sarà obbligato a cedere il patrimonio librario (oltre 28 mila tra volumi ed articoli, 1.179 testate specialistiche...) al sistema bibliotecario provinciale, e i costi per la conservazione in carico a quest’ultimo di certo saranno maggiori di quelli attuali. Non conviene, dunque, trovare una formula che possa accogliere le nostre esigenze?”.

Intanto, Prato parla, anche attraverso giornali e televisioni; si rende conto che potrebbe perdere una realtà priva di confronti in Italia. E che in Europa si interfaccia con strutture come il Comité pour l’histoire de la poste, la Conference of european communication museums, l’International philatelic libraries association.



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

 



https://www.vaccarinews.it/news/___requiem_per_l___Issp_/8731