Vaccari News

www.vaccarinews.it


Filatelia
Editoria






Tutta la filatelia in una App

Vaccari Shop

Cerca in Vaccari News

Compilare uno o più campi per effettuare la ricerca e premere su "cerca"

27 Gen 2011 - ore 13:52
Gen 27 2011
13:52

Appuntamenti

Shoah - Torna sul palco il romanzo epistolare

Fino al 13 febbraio in scena al teatro Verdi di Milano la trasposizione di “Destinatario sconosciuto”, pubblicato nel 1938 da Katherine Kressman Taylor

Nel 1932, Martin, tedesco, e Max, ebreo statunitense, amici e soci in affari, si separano quando il primo decide di lasciare la California per tornare, con la famiglia, a vivere in Germania. Comincia una corrispondenza caratterizzata da lettere colme di partecipazione affettiva. Ma l’ombra del Nazismo si espande sul loro destino. Martin guarda al futuro della nuova Germania prima con diffidenza, poi con crescente entusiasmo. L’affetto tra i due amici si incrina, i contrasti ideologici precipitano fino a diventare insanabili e raggiungere una svolta clamorosa, che determina la conclusione della tragedia umana. Tragedia suggellata dal richiamo postale, quell’annotazione sulla missiva respinta che dà il titolo all’opera e nella vicenda piomba due volte: “Destinatario sconosciuto”.

È il romanzo epistolare della giornalista Katherine Kressman Taylor, pubblicato già nel 1938, quando gli orrori non erano ancora di dominio pubblico, nella rivista “Story magazine” (dal 2000 nella traduzione italiana di Ada Arduini edita da Rizzoli). Sul palco è interpretato da Massimiliano Lotti e Marco Pagani, la cui recitazione ruota intorno al momento di leggere la missiva appena giunta o di scrivere la nuova.

Fino al 13 febbraio, in concomitanza con il “Giorno della Memoria”, la pièce viene firmata dal Teatro del buratto in collaborazione con Otto&Marvuglia al milanese teatro Verdi, in via Pastrengo 16 (da martedì a sabato ore 21, domenica 16.30; biglietti 18,00-9,00 euro).

Dopo aver letto -dice il regista Gabriele Calindri- la prima volta “questo piccolo, delicato e implacabile libriccino di strepitosa bellezza, la prima sensazione avuta, me la ricordo bene, è stata di profondo dolore per la fine di un’amicizia… Un messaggio chiaro nel nostro spettacolo è che appena perdiamo il contatto con l’essere umano, non possiamo aspettarci niente di buono. Ogni piccolo conflitto può trasformarsi in un conflitto più grande e a quel punto ci perdiamo per strada. Di questi tempi non riesco ad immaginare qualcosa di più importante su cui riflettere”.

“Ho tolto -aggiunge lo scenografo, Marco Muzzolon- alcune lettere dal buio di un cassetto e le ho collocate all’interno di cornici importanti, sospese nel vuoto. Queste lettere silenziose raccontano, guardano, ricordano… Un tempo in un cassetto esistevano delle lettere, esisteva un fraterno affetto. Ora non rimane altro che un disperato dolore”.



VaccariNews


Copyright © 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003

registrazione Tribunale di Modena
n.1854 del 4 dicembre 2007

direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti

Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da internet images & fabioferrero.it.

Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.


Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v. - Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366 - P.IVA IT-1917080366

AUGURI DI BUONA PASQUA

I migliori auguri
a tutta la nostra
affezionata clientela.

 



https://www.vaccarinews.it/news/Shoah___Torna_sul_palco_il_romanzo_epistolare/9700