quotidiano online
direttore responsabile Fabio Bonacina

25333 news dall'8/3/2003

La relazione sulle attività del 2022 privilegia ovviamente il settore elettronico rispetto a quello tradizionale. La nuova struttura interna

La specialità oggi
La specialità oggi

Tutto sommato, delle attività tradizionalmente “cartacee” garantite dalla Polizia postale e delle comunicazioni resta ben poco. Almeno a livello di sintesi annuale. Basta vedere il bilancio sottoscritto per il 2022, dove -tra gli ambiti di intervento- spiccano la prevenzione e il contrasto alla pedopornografia on-line, la protezione delle infrastrutture critiche di rilevanza nazionale, la criminalità informatica finanziaria, le minacce eversivo-terroristiche.

Se si vuole, più vicino al comparto postale ecco il contrasto alle truffe digitali con 3.541 persone deferite all’Autorità giudiziaria, in particolare nel settore del commercio elettronico. In merito ai fenomeni di “phishing”, “smishing” e “vishing”, tecniche utilizzate per carpire illecitamente dati personali e bancari così da operare sui sistemi di “home banking”, sono state identificate e indagate 853 persone (+9% rispetto all’anno precedente).

Dal 21 ottobre scorso la specialità ha assunto una nuova organizzazione; i vecchi Compartimenti sono diventati Centri operativi per la sicurezza cibernetica (Cosc) e hanno competenza regionale; le Sezioni polizia postale e delle comunicazioni si chiamano Sezioni operative per la sicurezza cibernetica (Sosc) e operano nelle singole province.

Vi sono poi i Nuclei operativi per la sicurezza cibernetica (Nosc), presenti all’interno dei Cosc; svolgono anche la funzione di organo periferico per il ministero dell’Interno circa la regolarità dei servizi di telecomunicazione.

Alcuni uffici -viene precisato- “sono stati accorpati in ragione dei principi di razionalità organizzativa”. In particolare, i Compartimenti di Basilicata e Molise adesso sono Sezioni operative per la sicurezza cibernetica di livello distrettuale, alle dipendenze del Cosc Campania.




Copyright © 2023 - 2003 Vaccari srl
tutti i diritti riservati
realizzato a partire dal mese di marzo 2003
registrazione Tribunale di Modena n.1854 del 4 dicembre 2007
direttore responsabile Fabio Bonacina
responsabile editoriale Valeria Vaccari
redazione e ufficio stampa Claudia Zanetti
Vaccari srl - Via M. Buonarroti, 46
41058 Vignola (MO) - Italy
Tel (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06
Fax (+39) 059.760157
Cap.Soc. euro 100.000 i.v.
Registro delle Imprese di Modena n. 01917080366
P.IVA IT-01917080366
Il programma per la gestione di Vaccari news è stato appositamente creato e reso funzionante da fabioferrero.it.
Tutto il contenuto di questo sito, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright. In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it
Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento. Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati.