Siamo lieti di inviarle le notizie diffuse nell'ultima settimana da "Vaccari news".
Se desidera conoscerle in tempo reale, in qualsiasi momento può visitare la pagina www.vaccarinews.it, dove può trovare gratuitamente anche:

  • i programmi aggiornati di Italia, San Marino, Vaticano e Smom;
  • l'archivio di tutte le informazioni che abbiamo diffuso nel tempo (è possibile fare ricerche sia in ordine cronologico, sia per parola chiave, sia per area);
  • i comunicati diramati alla stampa;
  • l'elenco dei prossimi appuntamenti (mostre ed eventi).
Buona lettura
Lo staff di "Vaccari news"

Gen 20 2006 - 00:00

Dall'estero

Anche le isole Samoa citano l’Italia

Il 25 lire rosso “Europa Cept” del 1958 come non l’avete mai visto: ovvero, affiancato ad ulteriori tagli del popolare giro e proposto dalle isole Samoa. Perché anche il Paese del Pacifico, così come diverse altre realtà, ha partecipato al ciclo di emissioni che ricordano il mezzo secolo dalla prima emissione continentale. Da cui ebbe origine la Conferenza europea delle amministrazioni delle poste e delle telecomunicazioni, molto più tardi trasformatasi in PostEurop.

Quattro gli esemplari usciti, disponibili in fogli e in un foglietto che li raduna tutti. Il blocco offre, sullo sfondo, una carta dell’Europa Occidentale anomala, in quanto i confini risultano piuttosto casuali.

Il dentello italiano figura, variamente posizionato, sul 60 sene e sul 4 tala; nelle altre due cartevalori, cioè il 3 ed il 10 tala, si vede pure il 50 lire verde proposto da San Marino nel 1969.

Alcune delle emissioni inserite nel progetto per l’anniversario sono state segnalate da “Vaccari news” il 17 giugno scorso.


Il foglietto che ingloba i quattro francobolli di Samoa dedicati al giro europeo; fra le citazioni, il 25 lire italiano del 1958. Da notare i confini incompleti posti nella carta disegnata a sinistra. La serie è stata emessa il 7 dicembre
Gen 19 2006 - 00:00

Libri e cataloghi

Il catalogo marcofilo dei Paesi Bassi? È su cd

L’equivalente di quasi duemila pagine A4 raccolto in un normale cd

In un compact disc l’equivalente di quasi duemila pagine A4. È l’“Hanboek nederlandse poststempels”, di Cees Janssen.

Cataloga, illustrandole, le obliterazioni dei Paesi Bassi impiegate tra il 1865 ed il 1902. Non mancano le quotazioni, dovute a Peter Rozema.

La scheda introduttiva è realizzata in inglese.

Lo studio è ottenibile utilizzando l’e-mail info@vaccari.it; costa 20,00 euro.


Una pagina del lavoro
Gen 18 2006 - 16:43

Emissioni Italia

Un febbraio intenso, e c’è anche il pro beneficenza

Ancora un francobollo con sovrapprezzo ed ancora una volta destinato a raccogliere fondi per la lotta al tumore del seno. Esattamente come il 41+21 centesimi uscito quattro anni fa

Ma quella del carnet (notizia precedente) non è l’unica novità di Poste italiane. Il programma 2006 è infatti stato messo a punto in più dettagli: qualche cambiamento di data ma, soprattutto, la definizione di alcune voci che nel giorno di uscita o anche nel valore nominale restavano imprecisate.

Così, la promozione dentellata di “Torino 2006” (notizia che “Vaccari news” ha pubblicato il 4 ed il 5 gennaio) viene anticipata di un giorno, l’8 febbraio invece del 9. Preceduta dalla serie dedicata a scuole ed università, finora fissata in marzo.

Febbraio sarà un mese impegnativo: a queste proposte vanno infatti sommate quelle già fissate (rivista “Quattroruote”, Società dalmata di storia patria, Andrea Mantegna) ed ora si aggiungono i tributi per il 28° Congresso internazionale di salute occupazionale (un taglio da 60+30 centesimi, in favore della ricerca e della prevenzione dei tumori al seno) nonché i sessantesimi riguardanti la Costituente (62 centesimi) ed il riconoscimento del diritto di voto alle donne (60 centesimi).

Tra le altre modifiche c’è pure una buona notizia: il celebrativo per l’Olimpiade degli scacchi, che dovrebbe essere disponibile dal 20 maggio, non costerà più 3,00 euro ma 62 centesimi.

L’aggiornamento completo è scaricabile dal sito di “Vaccari news” all’indirizzo www.vaccarinews.it, cliccando poi il pulsante “tutte le emissioni”.


Il foglietto e la serie per le Olimpiadi usciranno non il 9 febbraio, ma il giorno prima. È uno dei cambiamenti annunciati ora da Poste italiane
Gen 18 2006 - 16:43

Emissioni Italia

Carnet bis per Montecitorio

Le “voci” che si rincorrevano ormai da tempo hanno adesso una conferma formale: il 60 centesimi, programmato per il 9 febbraio e destinato a promuovere la mostra filatelica a Montecitorio, avrà una versione librettata.

Quattro gli esemplari contenuti, per un valore complessivo di 2,40 euro. Ancora non chiarite tiratura e, soprattutto, modalità distributive.

L’allestimento, dedicato al Regno d’Italia, si svolgerà dal 9 al 16 febbraio.


Dopo il discutibile libretto di tre anni fa (nella foto), la nuova mostra filatelica programmata a Montecitorio originerà un secondo carnet
Gen 18 2006 - 00:00

Dall'estero

I pompieri tedeschi invadono l’Italia. O è il contrario?

È Berlino ad essersi appropriata del Tricolore? Oppure è l’Italia che in inglese preferisce qualificarsi come “Germany”?

Misteri... africani: sono quelli diffusi dal Sierra Leone, che ha recentemente emesso una serie dedicata agli automezzi impiegati dai pompieri in alcuni stati, fra cui appunto il Bel Paese.

L’unico problema è che la piattaforma idraulica dal taglio da 1.500 leoni è qualificata come appartenente alla Germania, anche se la bandiera posta in alto risulta inequivocabilmente a strisce verticali verde, bianca e rossa. In base alle apparenze, sembrerebbe dunque un semplice errore.

Speriamo almeno che i vigili del fuoco, quando chiamati per un’emergenza, non sbaglino!


Il francobollo, che ha la bandiera italiana accanto alla parola «Germany», appartiene ad una recente serie dedicata ai mezzi antincendio di vari Paesi
Gen 17 2006 - 10:19

Appuntamenti

A Prato l’economia e la geografia delle comunicazioni postali

A palazzo Datini il 18 febbraio si discuterà di comunicazioni postali

Si intitola “Economia e geografia delle comunicazioni postali nella penisola italiana in prospettiva storica” il colloquio che l’Istituto di studi storici postali, in collaborazione con il Coordinamento fra le associazioni di storia postale italiana, ha organizzato per il 18 febbraio.

L’incontro si svolgerà a Prato presso palazzo Datini (via Ser Lapo Mazzei 43), dalle ore 9 alle 17; è patrocinato da Comune e Provincia. A 360 gradi gli argomenti possibili, per esempio le convenzioni tariffarie, gli inoltri, gli itinerari, le vie di percorrenza, la censura, la posta in tempo di guerra e così via.

Come i precedenti –spiega il direttore dell’Istituto, Andrea Giuntini- “rappresenta una occasione rivolta ad accademici, studiosi e collezionisti che vogliono confrontarsi, ognuno portando esperienze e modalità di lettura specifiche”.

Per aderire occorre iscriversi entro il 10 febbraio, ad esempio utilizzando la e-mail issp@po-net.prato.it; la partecipazione è gratuita.


Il modulo di iscrizione con i dettagli (file rtf)
Gen 16 2006 - 00:00

Dall'estero

L’Ue si interroga sui servizi postali

L’Europa a 25 si interroga sui servizi postali nazionali (logo: Ue)

Un questionario in formato elettronico al quale tutti possono rispondere, scrivendo naturalmente in italiano. È la “Consultazione pubblica europea sul settore postale”, cui è possibile partecipare entro il 27 gennaio.

La politica comunitaria in questo ambito -precisano i promotori- “ha lo scopo di completare il mercato interno dei servizi postali e di garantire che tutti i cittadini dell'Ue possano accedere a servizi postali efficaci, affidabili e di buona qualità a un prezzo ragionevole”.

L’indagine (di cui esiste pure una seconda parte più specialistica, in inglese) offre la possibilità di trasmettere contributi ed opinioni sugli sviluppi del comparto nonché di indicare in quali direzioni potrebbe orientarsi la politica continentale.

Una trentina i quesiti, che puntano soprattutto sulle valutazioni attuali in fatto di qualità e prezzi e quelle attese per il futuro, quando il processo di liberalizzazione verrà approfondito.

Le opinioni, integrando gli studi realizzati dalla Commissione, “aiuteranno a valutare le importanti ripercussioni sociali ed economiche di eventuali ulteriori riforme”.

Una sintesi dei risultati verrà successivamente resa pubblica.


La versione in italiano del questionario
Gen 15 2006 - 00:00

Libri e cataloghi

Anche la posta ricostruisce l’iconografia

La storia di un’epoca e di una società letta attraverso la vita e gli atti di Benito Mussolini. È l’opera “Ieri ho visto il duce”, dovuta a Terzo Maffei, Alessandro Raspagni e Fausto Sparacino.

In tre volumi vengono passati in rassegna biografia cronologica e memorabilia (primo tomo), autografi, medaglie e distintivi (secondo), cartoline e propaganda (terzo).

L’elemento postale è sempre presente. Vuoi sotto forma di carteggio personale, evidenziato nella prima e nella seconda parte –dove ci si occupa degli scritti-, vuoi sotto forma di cartoline, fattore protagonista della terza parte. In quest’ultima sono presentati pure i non molti francobolli (essenzialmente la serie “Fratellanza d’armi” nelle varie versioni) e diversi chiudilettera.

In più, sculture, dipinti, medaglie, distintivi, tessere, ex libris, calendari, quaderni, manifesti ed ancora altro completano la visione di insieme.

Ogni volume si articola tra le 216 e le 256 pagine a colori o in bianco e nero e costa 28,00 euro.


La trilogia
In tre volumi l'intero apparato iconografico che il Novecento ha attribuito a Benito Mussolini
Gen 14 2006 - 00:00

San Marino

Il “nuovo” Arengo ha cent’anni

L’Arengo sammarinese dei capifamiglia ha cent’anni, e presto pure tre francobolli. Sono quelli posti in calendario per l’1 febbraio, in vendita a 0,45, 0,62 ed 1,50 euro.

L’Arengo –spiegano dal monte Titano- rappresenta la prima forma di governo della Repubblica; era l’assemblea di tutti i capifamiglia che si riunivano al suono della campana della pieve per decidere questioni importanti riguardanti la vita locale. Finché il numero dei sammarinesi restò esiguo, l’organo rimase operativo e deliberativo; quando la popolazione crebbe, nacque l’esigenza di individuare altri organismi politici più adeguati.

Ma il lento declino fu interrotto il 25 marzo 1906, quando l’Arengo si riunì con un nuovo obiettivo: “divenne un momento della vita comunitaria che si svolgeva due volte all’anno, in aprile ed in ottobre, in corrispondenza dell’elezione delle nuove reggenze”. Formula confermata ancora oggi: ogni sei mesi i cittadini possono inoltrare al Consiglio, tramite le nuove reggenze, le istanze d’arengo, petizioni d’interesse generale con cui sottopongono problemi che abbiano un interesse per la comunità. Entro un mese la Reggenza deve decidere se le richieste presentate sono conformi, e quelle ritenute tali devono essere discusse in Consiglio nel semestre. Tale istituto “è molto utilizzato dai sammarinesi, e permette spesso di stimolare il Parlamento ad interessarsi di problemi particolarmente sentiti”.

Nei tre francobolli sono raffigurati i simboli più significativi della Repubblica di San Marino: il palazzo Pubblico, la statua della Libertà e la basilica del Santo. Ogni esemplare è caratterizzato da una fotografia d’epoca tratta dal Museo dell’emigrante. Le cartevalori sono prodotte in fogli da sedici pezzi; la tiratura ammonta a centodiecimila serie.


Monumenti-simbolo e foto d’epoca per ricordare i cent’anni trascorsi dal ripristino di un’antica formula assembleare: l’Arengo dei capifamiglia
Gen 13 2006 - 11:44

Emissioni Italia

“Quattroruote” - Per il francobollo scelta la copertina dell’esordio

Riprende la prima copertina di mezzo secolo fa il francobollo per «Quattroruote»

Mezzo secolo fa il “numero uno” e presto, esattamente mercoledì 1 febbraio, il francobollo.

Così anche la posta rende omaggio alla rivista “Quattroruote”, lanciata nel 1956.

“«Quattroruote» -spiegano dall’Editoriale Domus- ha scandito e positivamente influenzato la storia della motorizzazione italiana. «Quattroruote» ha accompagnato ed educato gli italiani -che si affacciavano al sogno della mobilità di massa- ai valori civili di un uso consapevole dell’automobile. In questo senso, «Quattroruote» appartiene a buon diritto alla storia d’Italia degli ultimi cinquant’anni e ne costituisce un elemento non secondario”. Ed ora il ministero delle Comunicazioni, “con grande sensibilità”, ha deciso di emettere il francobollo.

Francobollo prioritario che vale 62 centesimi e si ispira alla copertina del primo numero, dovuta a Gianni Mazzocchi (1906-1984), il fondatore della testata.

L’annullo primo giorno verrà impiegato a Rozzano (Milano), dove la società ha sede.


La rivista
Gen 13 2006 - 09:42

Emissioni Italia

Diciottenni, al via la promozione

La locandina promozionale comincia ad essere affissa negli uffici postali

Due bottiglie di spumante per i diciottenni. È l’immagine che accompagna il testo delle locandine, destinato a promuovere l’iniziativa del ministero. Con una inesattezza: non è vero, come invece si legge, che “i francobolli saranno disponibili dal 1° gennaio”: lo stesso calendario reso noto da Poste italiane fissa infatti al 23 febbraio la prima consegna. E persino una mancanza: da nessuna parte si dice che tali oggetti saranno regalati, a condizione di seguire una determinata procedura.

La comunicazione, che comincia a vedersi negli uffici postali, dovrebbe essere divulgata anche nelle scuole superiori, sostituendo così la lettera ipotizzata agli inizi e destinata singolarmente ai ragazzi.

Secondo la società di recapito, “per la prima volta in assoluto ogni cittadino italiano che compirà la maggiore età nell’arco del 2006 avrà in dono dal ministero delle Comunicazioni e Poste italiane un francobollo” che ricorda un evento particolarmente significativo nella vita di ciascuno.

Il progetto, sempre in base a quanto evidenziato dall’azienda, è stato ideato per movimentare il mercato filatelico, incrementare il numero dei collezionisti, far entrare la filatelia in 600mila famiglie italiane.

Non tutto, però, sembra così lineare; il dibattito negli ambienti collezionistici si fa sempre più articolato e le critiche spaziano ormai in diversi livelli. Dai dubbi sull’opportunità di promuovere la filatelia all’esterno attraverso una forma speculativa alle disquisizioni più formali, collegate al fatto che la non disponibilità generale dell’oggetto sarebbe contraria ai principi stabiliti dall’Unione postale universale nel suo codice deontologico.

Altri ancora si domandano il motivo della serie “normale”, la versione cioè distribuita dall’1 gennaio scorso: presentando una vignetta diversa, non costituisce più un surrogato di quella regalata ai diciottenni.


Il modulo che i diciottenni debbono compilare (file pdf)
È con due bottiglie di spumante che Poste italiane intende catturare l’attenzione dei diciottenni
Se ricevete questa mail è perché vi siete iscritti a Vaccari news
Per ISCRIVERSI, CANCELLARSI o MODIFICARE l'indirizzo email basta collegarsi qui http://www.vaccari.it/_ISCRIVITIVNEWS

Copyright © 2019 - 2003 Vaccari srl - tutti i diritti riservati
registrazione Tribunale di Modena n. 1854 del 4 dicembre 2007
direttore responsabile Fabio Bonacina
Tutto il contenuto di questa newsletter, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati. Redazione: info@vaccari.it

VACCARI srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel. (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157