Siamo lieti di inviarle le notizie diffuse nell'ultima settimana da "Vaccari news".
Se desidera conoscerle in tempo reale, in qualsiasi momento può visitare la pagina www.vaccarinews.it, dove può trovare gratuitamente anche:

  • i programmi aggiornati di Italia, San Marino, Vaticano e Smom;
  • l'archivio di tutte le informazioni che abbiamo diffuso nel tempo (è possibile fare ricerche sia in ordine cronologico, sia per parola chiave, sia per area);
  • i comunicati diramati alla stampa;
  • l'elenco dei prossimi appuntamenti (mostre ed eventi).
Buona lettura
Lo staff di "Vaccari news"

Giu 16 2006 - 00:00

Smom

Dallo Smom la versione speculare della congiunta

Una congiunta... speculare: si potrebbe definire così il progetto “Opere assistenziali”, che il 19 giugno arriverà al tempo stesso da Smom e San Marino. Speculare perché gioca su due immagini diverse che, secondo i casi, diventano francobollo o vignetta associata.

Così, l’illustrazione che riguarda più direttamente il Sovrano militare Ordine di Malta (l’infermiera dalla croce ottagona, il medico ed il bambino con sullo sfondo l’ospedale romano di San Giovanni Battista) nella proposta dell’organizzazione umanitaria è la vera carta valore, in vendita a 2,20 euro. Mentre il riquadro con il medico che ausculta il piccolo paziente e i palazzi del monte Titano occupa l’appendice.

In questo caso gli emblemi dei due partner sono affiancati non dalla frase di Goethe ma dalla testimonianza raccolta da Matteo Evangelista, “Beati gli afflitti perché saranno consolati”.

Il caso opposto si pone per l’edizione sammarinese, già evidenziata da “Vaccari news” il 14 giugno.

La versione distribuita dallo Smom si articola in 35mila esemplari, confezionati in blocchi da dieci pezzi e dieci bandelle.


La scheda dell'ospedale «San Giovanni Battista»
Rispetto alla proposta di San Marino, per la serie «Opere assistenziali» lo Smom ha invertito il soggetto del francobollo con quello della vignetta
Giu 15 2006 - 00:00

Dall'estero

Trapianti - Per Cipro è record ed oggi arriva il francobollo

Esce oggi il francobollo con cui Cipro sottolinea lo sviluppo registrato nei trapianti medici

Il corpo umano associato ad un fiore nel pieno della sua vitalità. A condizione, beninteso, che non sia necessario intervenire chirurgicamente per evitare che appassisca. Dietro alla vignetta c’è un messaggio in favore dei trapianti.

È il francobollo da 13 centesimi che Cipro oggi lancia per promuovere “un’importantissima conquista medica del secolo passato grazie alla quale si è riusciti ad offrire alle persone che soffrono di un’insufficienza ad un organo vitale –per esempio ai reni, al cuore, al fegato, alla cornea- una migliore qualità di vita”.

Nell’isola mediterranea i primi trapianti riguardavano la cornea e furono introdotti su base sistematica solo nel 1975, mentre è di undici anni dopo il via agli interventi riguardanti i reni. Ad oggi sono centinaia i casi registrati, con una percentuale di successo dell’85-90%, “mettendo così Cipro ai primi posti a livello mondiale” sia dal punto di vista numerico che dell’esito.


Giu 14 2006 - 16:06

San Marino

Le opere assistenziali fanno... la congiunta

“La vocazione comune” per l’assistenza, la carità e l’amore verso chi soffre, gli ammalati, i portatori di handicap e gli ultimi. È questo lo spirito della congiunta con cui, il 19 giugno, San Marino e Smom parleranno di opere assistenziali.

Identica l’organizzazione, un francobollo accoppiato ad una bandella, identico il costo, pari a 2,20 euro, identiche le immagini. Ma a cambiare sono i ruoli: quello che sul monte Titano è il francobollo, nei palazzi del Sovrano diventa l’appendice e viceversa.

Nel caso della più antica Repubblica del mondo la carta valore, prodotta in 130mila copie e confezionata in fogli da dieci pezzi più dieci vignette, “ritrae un medico che ausculta un bambino, a significare che la cura di un piccolo paziente sia la cosa più delicata e difficile nel mondo della sanità”. A completare il francobollo vi sono la statua della Libertà e il palazzo Pubblico, “identificativi della Repubblica assieme al moderno ospedale di Stato, Istituto per la sicurezza sociale che campeggia nel fondo”.

L’etichetta si ispira all’esemplare firmato dallo Smom, che propone “un bambino circondato dalle amorevoli cure di un medico ed una infermiera che veste il mantello sul quale campeggia la croce ottagona, simbolo dell’Ordine”. In secondo piano, il portale d’ingresso della Magliana di Roma, dov’è situato l’ospedale San Giovanni Battista. Accanto agli emblemi delle due realtà coinvolte, la frase di Johann Wolfgang von Goethe “Solo i gesti concreti dimostrano la forza dell’amore”.


La sanità a San Marino
La versione sammarinese della congiunta con lo Smom; in questo caso il francobollo rappresenta il medico che visita il bambino
Giu 14 2006 - 00:00

Libri e cataloghi

La poesia dello “scrittore maledetto”? Passa per la posta

Con il supporto di Fernanda Pivano, Paolo Roversi ricostruisce la vita e le esperienze del portalettere poeta underground Charles Bukowski

Il “francobollo” presente sulla copertina è un semplice fotomontaggio. Ma il libro di Paolo Roversi “Bukowski – Scrivo racconti poi ci metto il sesso per vendere” è davvero postale, perché il suo protagonista, lo “scrittore maledetto” Henry Charles Bukowski (1920-1994), ha lavorato anche per conto di Usps, il network statunitense.

Fino a quando –era il 1969- il “manager di professione e appassionato di letteratura per vocazione” John Martin rimase impressionato dalle poesie del portalettere, “tanto da proporgli di lasciare l’impiego all’ufficio postale per dedicarsi alla scrittura”. Cento dollari al mese per scrivere soltanto.

L’esperienza tra raccomandate e pacchi rimarrà comunque nel bagaglio personale: persino il suo primo romanzo, uscito nel 1971, ha il tema già nel titolo, “Post office”. “Inutile dire –scrive Paolo Roversi- quanto di autobiografico ci sia in questo libro e, anzi, forse sarebbe più interessante sapere quanto ci sia di fantasia. Prima di diventare uno scrittore a tempo pieno, Bukowski ha lavorato per ben dodici anni presso le poste statunitensi e questo fu una sorta di diario postumo”.

Il libro, di 120 pagine, è realizzato con il supporto della giornalista Fernanda Pivano, amica personale dell’artista (edizioni Stampa alternativa, 10,00 euro).


Giu 13 2006 - 06:27

Smom

Anche lo Smom parla di guerra

Un tema, viste le cronache quotidiane, quanto mai attuale. Ed anche lo Smom parla di guerra, sia pure da un punto di vista peculiare, quello del soccorso. È il francobollo che ricorda i 130 anni di storia raggiunti dal Corpo militare che fa capo all’Associazione dei cavalieri italiani del Sovrano militare Ordine di Malta. E che collabora con l’Esercito italiano.

Il Corpo –ricordano i diretti interessati- “nasce il 20 marzo 1876 con la prima convenzione per la «cooperazione» con il servizio sanitario dell’Esercito”, al precipuo scopo di “provvedere all’assistenza sanitaria e spirituale dei malati e feriti in guerra”. Presente ad esempio in Libia e durante i due conflitti mondiali, si è attivato pure durante le calamità naturali, come ad Agadir nel 1960, a Tuscania nel 1971, in Friuli e nel Polesine nel 1976, in Campania nel 1980, in Umbria e nelle Marche nel 1997, in Molise e in Puglia nel 2002. Dal 1991 partecipa inoltre alle attività di polizia internazionale nei territori della ex Jugoslavia.

Ma l’aspetto distintivo è la presenza nelle situazioni belliche, come lo stesso francobollo ricorda. Francobollo che vale 3,00 euro ed è prodotto in ventimila copie. Uscirà il 19 giugno, insieme ai tributi per san Giovanni Battista (singolo da 65 centesimi e blocco da 8,00 euro) e, in congiunta con San Marino, per le opere assistenziali (2,20 euro).


Il Corpo militare che fa capo allo Smom
«Il Corpo militare nell'esercizio della sua attività umanitaria in zona di guerra»: è il soggetto del 3,00 euro, in distribuzione dal 19 giugno
Giu 12 2006 - 00:00

Appuntamenti

Conferenza della filatelia: quattordici i relatori di Riccione

Sarà Antonio Catricalà, presidente dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato e presidente della Commissione per lo studio e l’elaborazione delle carte valori postali del ministero delle Comunicazioni, a presiedere la “Conferenza nazionale della filatelia”, in programma al palazzo del Turismo di Riccione venerdì 1 settembre.

Organizzata dall’Unione stampa filatelica italiana con il supporto del Comune di Riccione e della divisione filatelia di Poste italiane, si svolgerà nell’ambito degli eventi collezionistici internazionali “Riccione 2006”.

La Conferenza –spiegano i promotori- “è una iniziativa ed un evento senza precedenti nella storia del collezionismo. E la sua articolazione ed i suoi obiettivi la contraddistinguono incontrovertibilmente da quei congressi filatelici tenutisi in anni ormai lontani”. “Siamo convinti –aggiunge lo stesso presidente dell’Usfi, Renato Russo- che ne possano scaturire indicazioni preziose per il futuro del settore dando una qualche risposta alla costante pressante domanda: quale filatelia aspetti noi e le generazioni future”.

Il programma prevede quattordici interventi, quattro al mattino e dieci al pomeriggio. Alcuni saranno accompagnati da immagini. Ognuno, però, non dovrà superare i dodici minuti. “È la durata massima in cui, secondo studi recenti sulle problematiche congressuali, l’attenzione dell’ascoltatore medio non presenta caduta di attenzione”.

Nel file allegato a questa notizia il programma aggiornato ad oggi.


Il programma (file pdf)
Quest'anno a Riccione, oltre ai tradizionali appuntamenti, anche la «Conferenza nazionale della filatelia»
Giu 11 2006 - 00:00

Notizie da Vaccari

La British library chiama, Vaccari srl risponde

Agli abbonati di «Vaccari magazine» anche la newsletter firmata dalla British library – philatelic collections

Non solo gli articoli degli esperti (news precedente): il numero trentacinque di “Vaccari magazine” contiene in omaggio anche la newsletter in inglese firmata dalla British library.

“La nostra collaborazione con il direttore delle collezioni filateliche che fanno capo alla prestigiosa istituzione, David R.Beech, è di antica data”, spiega Paolo Vaccari. Otto anni fa, ad esempio, abbiamo iniziato a pubblicare la catalogazione di quanto presente nella celebre raccolta Tapling, una delle perle possedute dalla biblioteca. L’aver, ancora una volta, messo a disposizione il nostro semestrale è un supporto in più per promuovere i loro servizi e far conoscere il patrimonio che conservano”.

Ottomila le copie del bollettino prodotte e veicolate attraverso la stessa British library, la Royal philatelic society di Londra e, appunto, gli abbonati a “Vaccari magazine”.


L'intera newsletter (fila pdf da 3,5 mega)
Giu 11 2006 - 00:00

Giornali, riviste e siti

Dall’800 all’oggi con “Vaccari magazine”

È disponibile il nuovo numero, il trentacinquesimo, del semestrale edito da Vaccari srl

“Francobolli dell’800” (di Paolo Vaccari), “I rapporti postali del Regno Lombardo-Veneto con il Ducato di Parma 1815-1859” (Lorenzo Carra), “Cronache postali del Granducato – I «rieccoli» d’Arcidosso” (Giuseppe Pallini), “Cambiato il papa, resta la serie dei viaggi” (Valeria Vaccari), “La Sicilia nelle guide dei viaggiatori” (Giuseppe Marchese), “I collegamenti postali nell’Italia del Sud dall’8 settembre 1943 al 10 febbraio 1944” (Luigi Sirotti): sono alcuni degli articoli pubblicati dal nuovo numero, il trentacinquesimo, del semestrale “Vaccari magazine”.

Che conferma la tradizionale linea editoriale. “È un periodico di approfondimento –ricorda il direttore del semestrale, Paolo Vaccari- dedicato principalmente alla filatelia e alla storia postale classiche, riguardanti cioè l’Ottocento. Un’epoca in cui, nonostante il tempo passato e gli studi effettuati, sono ancora possibili scoperte”.

“Ma guarda anche in avanti: aderendo alle richieste dei nostri lettori, parte delle pagine sono riservate ad argomenti più recenti, al XX e addirittura al XXI secolo”.


«Vaccari magazine»
Il sommario (file pdf)
Giu 10 2006 - 19:23

Dall'estero

Un francobollo per il “tg” di Emilio Fede? Semplice omonimia...

Il francobollo che Dublino, il 6 giugno, ha dedicato ai dieci anni del «Tg4»

Chissà se qualche lettera partita in questi giorni da Dublino e spedita agli studi della testata diretta da Emilio Fede porta il 48 centesimi con cui l’Eire ricorda il “Tg4”.

Una semplice omonimia, resa ancora più bizzarra dal fatto che l’immagine è molto simile al logo del telegiornale italiano e che ancora una volta si parla di televisione. Per essere precisi, del quarto canale irlandese.

“Tg4”, nel caso specifico, sta per “Teilifise gaeilge”, emittente che nel 2006 compie dieci anni. Il suo obiettivo –ricordano in posta- è fornire una programmazione di alta qualità in irlandese e in altre lingue. Intenzionati a soddisfare tutte le fasce di età, i nuovi ed innovativi programmi di «Tg4» sono stati concepiti per promuovere la creatività” e sostenere un modo tutto “Irish” con cui proporre sport, musica, commedie e cultura. In base ai dati statistici, gli spettatori giornalieri sono oggi oltre 800mila.


Il canale televisivo irlandese (sito in inglese)
La testata giornalistica italiana
Il logo della testata giornalistica italiana, diretta da Emilio Fede
Giu 10 2006 - 00:00

Notizie dall'Italia

Anche per l’Aicpm le collezioni sono on-line

Non solo le mostre tradizionali; internet mette a disposizione anche una modalità virtuale

Niente spostamenti né lunghe sequenze di quadri da guardare in piedi e magari con un occhio all’orologio. Sempre più spesso le mostre diventano virtuali. Nel senso che le collezioni si possono studiare pure su internet, scaricandole e addirittura archiviandole per il proprio impiego.

È la scelta adottata per esempio dall’Associazione italiana collezionisti posta militare, che sta gradualmente implementando il proprio sito aggiungendo i lavori dei soci. L’ultimo studio inserito è “Deutsche Besetzung Zara”, di Emanuele Gabbini; si articola in trentasei fogli, tutti disponibili nella versione elettronica. Ma i titoli on-line sono ormai numerosi, trattano dell’Amgot come della Libia, del Congo o del Dodecaneso.

Nata nel 1974 da un gruppo di collezionisti interessati alla storia postale in generale e in particolare alla posta militare, l’Aicpm ha iniziato le proprie attività con un bollettino ciclostilato. Oltre al sito, oggi pubblica quattro numeri annui della rivista “Posta militare e storia postale” nonché un volume da duecento pagine.


Nel sito dell'Aicpm, pure le collezioni dei soci
Lo studio di Emanuele Gabbini «Deutsche Besetzung Zara», così come diversi altri, oggi è ammirabile senza spostarsi dalla propria scrivania
Giu 09 2006 - 17:51

Dall'estero

Con Dino Zoff il buon auspicio?

C’è anche Dino Zoff nel recente (è uscito il 2 giugno) foglietto maltese

Mancano ormai pochi minuti a “Deutschland 2006” ma la filatelia guarda anche al passato. E ricorda uno dei grandi protagonisti dei Campionati di Spagna. Le cui braccia che innalzano la coppa vennero riprese dal 1.000 lire dovuto a Renato Guttuso, uscito il 12 settembre 1982 dopo la vittoria italiana. È Dino Zoff, mitico portiere della Juventus che ora compare nel taglio più alto con cui Malta celebra grandi protagonisti del passato: accanto al portiere della Juventus e della Nazionale, anche Franz “Kaiser” Beckenbauer (che poche settimane fa ha ricevuto un ulteriore tributo dentellato dall’Austria, come segnalato da “Vaccari news” il 12 aprile), Edson Arantes do Nascimento, più noto come Pelé, e Bobby Charlton.

I francobolli sono confezionati in un blocco e si associano alle numerose celebrazioni dentellate prodotte per quest’evento in tutto il mondo. Nella lista, naturalmente, non manca la Germania: l’ultima produzione è un foglietto comprendente quattro precedenti francobolli appoggiati sul prato del campo, adornato dalle bandiere delle squadre partecipanti. Fra cui, ovviamente, figura l’Italia.


Il sito dei Mondiali (in varie lingue)
Il francobollo per Franz Beckenbauer
L’ultima serie tedesca per «Deutschland 2006», disponibile dal 4 maggio
Giu 09 2006 - 15:35

Emissioni Italia

Mezzo secolo di Poligono: ora il francobollo, poi la festa

A cinquant'anni di attività l'omaggio per il Poligono sperimentale e di addestramento interforze operativo a Salto di Quirra

L’ipotesi formulata ieri da “Vaccari news” è stata confermata. Il 60 centesimi per il Poligono sperimentale e di addestramento interforze operativo a Salto di Quirra, in Sardegna, arriverà il 13 giugno. Ed avrà l’annullo commemorativo allo “Spazio filatelia” di Roma.

L’emissione celebra il mezzo secolo di attività dell’impianto che, come ricordano dall’“Arma azzurra”, venne costituito il 20 agosto 1956 sotto il nome di Poligono di armamento aeronautico. Solo in un secondo momento assunse una caratteristica interforze, diventando “un vitale e rilevante centro di sperimentazione e di esperienze in campo militare”.

Il dentello anticipa i festeggiamenti ufficiali, previsti per il prossimo 28 giugno; offre il profilo della Sardegna dove viene evidenziato, con una stella, il Comune di Perdasdefogu (Ogliastra) il cui territorio ospita la struttura. Lo stemma, la scia tricolore e le tre stelle, che ricordano le Forze armate, la completano.

I francobolli non dovrebbero più essere accompagnati dalla vecchia etichetta per il corriere veloce essendo, con gli ultimi cambiamenti, diventata inutile.


Giu 09 2006 - 15:34

Emissioni Italia

Doppio tributo per la Finanza

Due anniversari, una sola serie, sia pure composta da due cartevalori distinte. Valgono 60 centesimi e usciranno il 21 giugno i dentelli che salutano il Comando generale e la Legione allievi della Guardia di finanza, entrambi al giro di boa dei cento anni.

Il saluto dedicato al Comando generale ne propone le sedi romane: in primo piano quella attuale, che si trova in viale XXI Aprile; sullo sfondo quella storica, situata in via XX Settembre.

Ancora un edificio -in questo caso ubicato a Maddaloni (Caserta)- anche per la Legione allievi, ora affiancato al militare che indossa un’uniforme d’epoca.

Gli annulli fdc saranno disponibili agli sportelli filatelici di Bari e Napoli.

L’Italia ha già reso omaggio alla Polizia economica attraverso due emissioni, uscite il 21 giugno 1974 per il bicentenario del Corpo (tagli da 40, 50, 90 e 180 lire) ed il 13 aprile 1996 per il secolo dell’Accademia (750 lire).


Il sito istituzionale
Due i nuovi francobolli per la Guardia di finanza; si aggiungono a quelli usciti nel 1974 e nel 1996
Se ricevete questa mail è perché vi siete iscritti a Vaccari news
Per ISCRIVERSI, CANCELLARSI o MODIFICARE l'indirizzo email basta collegarsi qui http://www.vaccari.it/_ISCRIVITIVNEWS

Copyright © 2019 - 2003 Vaccari srl - tutti i diritti riservati
registrazione Tribunale di Modena n. 1854 del 4 dicembre 2007
direttore responsabile Fabio Bonacina
Tutto il contenuto di questa newsletter, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati. Redazione: info@vaccari.it

VACCARI srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel. (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157