Siamo lieti di inviarle le notizie diffuse nell'ultima settimana da "Vaccari news".
Se desidera conoscerle in tempo reale, in qualsiasi momento può visitare la pagina www.vaccarinews.it, dove può trovare gratuitamente anche:

  • i programmi aggiornati di Italia, San Marino, Vaticano e Smom;
  • l'archivio di tutte le informazioni che abbiamo diffuso nel tempo (è possibile fare ricerche sia in ordine cronologico, sia per parola chiave, sia per area);
  • i comunicati diramati alla stampa;
  • l'elenco dei prossimi appuntamenti (mostre ed eventi).
Buona lettura
Lo staff di "Vaccari news"

Apr 03 2009 - 02:46

Appuntamenti

Ad Empoli con la storia postale

Mostra, convegno commerciale, conferenza, incontri ed altro ancora

Il numero unico della manifestazione si sofferma sul trasporto postale attraverso l'Atlantico (qui il “Britannia”)

La storia postale ritorna ad Empoli. Il centro in provincia di Firenze accoglie, nel fine settimana, “Toscana 2009”, l’appuntamento espositivo e commerciale voluto dall’Associazione per lo studio della storia postale toscana (Aspot) e dal Circolo filatelico fiorentino.

Sotto teca finiranno le collezioni di Leonardo Amorini “Per consegna”, Stefano Bicchi “Corrispondenza estera da Genova”, Luigi Maria Impallomeni “Corrispondenza transatlantica”, Saverio Imperato “Toscana: 10 centesimi bordo di foglio”, Franco Moscadelli “Corrispondenza con i «ferro di cavallo»” ed Alessandro Papanti “Uso dei bolli «Austria» e «T.A.» (transito Austria)”. Accanto, figurano il convegno mercantile (filatelia, numismatica, cartoline, cartografia, libri e documenti postali e storici) e l’asta Santachiara.

Tra gli appuntamenti in programma, la riunione regionale dei circoli filatelici (sabato alle 14.30), il premio “Piero Pantani” (alle 21, durante la cena), l’incontro dell’Aspot (domenica alle 9.45). In quest’ultimo contesto verranno proposte due relazioni: Franco Baroncelli parlerà della “Prima occupazione napoleonica della Toscana”, mentre Vanni Alfani di “Un comunicato del sottoprefetto di Montepulciano sui collegamenti postali nel Senese e nel Grossetano”.

Il numero unico, pubblicato per la prima volta da uno studio-ricerca di Luigi Maria Impallomeni ed organizzato in 60 pagine a colori, affronta la corrispondenza viaggiata attraverso l’Atlantico con i piroscafi postali “The Cunard line”.

L’iniziativa è ospitata al palazzo delle Esposizioni di piazza Guerra; verrà suggellata da un annullo in uso sabato e da una cartolina. Sarà visitabile venerdì dalle 14 alle 19, sabato dalle 9 alle 19, domenica dalle 9 alle 14. L’entrata è libera.


È bis per Empoli; l'iniziativa dell'anno scorso
Il premio “Piero Pantani” attribuito nel 2008
Apr 02 2009 - 20:18

Vaticano

Francesca Romana: dopo l’annullo, i francobolli

Confermata per il 20 maggio la prossima emissione da oltre Tevere

L'annullo impiegato a Santa Francesca Romana (Frosinone)

All’annullo impiegato dall’Italia il 15 marzo si aggiungeranno i due francobolli vaticani. Questi ultimi ricordano, a quattro secoli dalla canonizzazione (avvenuta però nel 1608), santa Francesca Romana, nobile nata nel 1384 e morta nel 1440 che si distinse per la fede e la generosità, fino ad organizzare una congregazione oggi intitolata alle oblate di santa Francesca Romana.

Da 0,85 e 1,00 euro, gli esemplari si ispirano ad una serie di affreschi del XV secolo, dovuti ad Antoniazzo Romano e conservati nel monastero delle stesse religiose in Tor de’ Specchi a Roma. Le immagini rappresentano, come si sapeva, due episodi biografici: la “Guarigione di un povero con il braccio ferito” e “Il miracolo dell’uva”.

“Il nostro monastero -è la precisazione che giunge dalla comunità religiosa- fonde contemplazione e azione: le attese della giovane Francesca di dedicarsi totalmente a Dio si armonizzano con la carità che, la matura Francesca, prodigò ai fratelli poveri e ai malati nel corpo e nello spirito. Attraverso gli uffici di Marta e Maria, infatti, le oblate prestano servizio ai fratelli, possono soccorrerli nelle loro necessità e cooperano al perfezionamento dell’opera divina della creazione”.

Le cartevalori sono tirate in 200mila copie e confezionate in fogli da dieci. Usciranno, è confermato, il 20 maggio insieme alle altre due emissioni: quella culturale per la “Giornata mondiale del libro e del copyright”, il centenario del Pontificio istituto biblico e il 75° Congresso ed assemblea generale dell’International federation of library associations and institutions (nominali da 0,60, 0,85 e 1,40 euro) nonché la PostEurop (60 e 65 centesimi).


Il sito del monastero
L'anticipazione di “Vaccari news”
I due francobolli vaticani
Apr 02 2009 - 17:36

Notizie dall'Italia

Terni? Accogliente e solidale

Non il solito stemma comunale, ma un messaggio che si fa notare

Lo slogan è stato scelto direttamente dal sindaco, Paolo Raffaelli, non a caso giornalista. Rappresenta uno dei punti salienti del suo programma lungo i due mandati amministrativi, dove si parla di “città accogliente, sicura e solidale”. Affiancato al viso del santo protettore della città, Valentino, è stato utilizzato nell’affrancatura meccanica del Comune.

Succede a Terni, dove con 190 euro più iva si è trasformata la “rossa” impiegata per la corrispondenza d’ufficio in qualcosa di più della semplice dimostrazione di avvenuto pagamento.

L’affrancatura -spiegano a “Vaccari news” dall’Ente- è uno dei mezzi più immediati di comunicazione. “Rispetto ad altra comunicazione istituzionale permette di raggiungere facilmente un gran numero di persone in tutto il territorio nazionale. Il riscontro avuto ne è una dimostrazione”.

L’idea, messa in opera dal 7 febbraio al 31 marzo, è stata proposta da un ex dipendente, collezionista.


Per conoscere Terni
Il caso di Alessandria
L’impronta che promuove la città
Apr 02 2009 - 14:51

Appuntamenti

Spazio, san Paolo e buoni risposta

Tre i fili conduttori della manifestazione ospitata al Museo Piana delle Orme di Borgo Faiti (Latina)

Uno degli annulli impiegati riguarda il quarantesimo anniversario dello sbarco sulla Luna

Mentre si susseguono le emissioni, soprattutto PostEurop, dedicate all’astronomia, Borgo Faiti (Latina) ricorda con una mostra filatelica il quarantesimo anniversario dello sbarco sulla Luna. Al Museo Piana delle Orme (Migliara Km 43,5), dal 3 al 5 aprile, si consumeranno le “Giornate del collezionismo pontino”, firmate dal Circolo filatelico “Tres tabernae” di Cisterna di Latina coinvolgendo l’Asitaf, ossia l’Associazione italiana di astrofilatelia, il Gruppo filatelico e degli hobbies Alatel, l’associazione “Terrasanta”.

Quello cosmico non sarà l’unico filo conduttore. A livello espositivo verrà citato anche il bimillenario della nascita di san Paolo, mentre sabato alle 11 si terrà il primo incontro degli appassionati ai buoni risposta internazionali e domenica alle 9.30 quello della stessa Asitaf.

La manifestazione sarà visitabile venerdì dalle 14 alle 19, sabato dalle 9.30 alle 19, domenica (senza la parte mercantile) dalle 9.30 alle 13; l’ingresso è gratuito.


Il Museo
L'Asitaf
Apr 02 2009 - 02:24

Dall'estero

Svizzera bocciata in italiano

Un’altra svista sui bordi della confezione; questa volta riguarda l’1,00 franco per la campagna a sostegno delle aree fredde

Praticamente una lingua diversa, quella che si parla nella Svizzera Italiana. Si avvicina alla nostra, ma qualche volta impiega termini inesistenti a sud delle Alpi. Per avere un saggio basta leggere “La lente”, la rivista per gli amici dei francobolli edita dalla Posta, dove i vocaboli inconsueti non mancano mai.

Sicuramente un errore è invece quanto compare sul bordo del minifoglio contenente dieci esemplari da 1,00 franco dedicati alla campagna “Preserva le regioni polari ed i ghiacciai”. Qui campeggia il titolo “Per la tutela di ghiacciai”, invece del corretto “Per la tutela dei ghiacciai”. Una svista, sicuramente meno forte dell’inimitabile “dritti del fiancullo” apparso nel 2004 sulle cimose della serie “Pro juventute”.


I dettagli sul francobollo
Nel 2004 i “dritti del fiancullo”
Altre emissioni dedicate alla campagna per salvaguardare poli e ghiacciai
La parte superiore del minifoglio con il testo errato
Apr 01 2009 - 23:36

Emissioni Italia

I granatieri invadono Torino

Il 16 aprile il francobollo commemorativo, dal 17 al 19 le iniziative per i tre secoli e mezzo

Il logo della manifestazione

È festa grande per i granatieri di Sardegna, che dal 17 al 19 aprile celebreranno i 350 anni del corpo convergendo nel capoluogo subalpino.

Le iniziative troveranno, il giorno precedente, la sottolineatura postale. Si tratta di un francobollo (e dell’annullo fdc, impiegato allo sportello filatelico di Torino Centro) che, al costo di 60 centesimi, propone il passato ed il presente, attraverso il richiamo alla divisa del 1659 e a quella attuale.

La specialità -spiegano dall’Associazione nazionale granatieri di Sardegna- “è la più antica del nostro Esercito”. Discende dal “Reggimento delle guardie” dell’Armata piemontese, che il duca Carlo Emanuele II, sciogliendo le milizie mercenarie, fondò a Torino il 18 aprile 1659. Formando, così, un esercito nazionale costituito da reggimenti di ordinanza, ognuno composto da 1.500 uomini e suddiviso in dodici compagnie. Il primo ad essere creato fu appunto il “Reggimento delle guardie”, chiamato in questo modo “perché composto dagli uomini più valorosi e fisicamente più forti cui erano affidati, in pace e in guerra, particolari compiti di onore e di prestigio”. Oggi è la Brigata meccanizzata, introdotta nel 1976, a portare l’antico nome. Si compone di un reparto comando, due reggimenti granatieri, uno di cavalleria ed uno d’artiglieria.


La Brigata meccanizzata
L'Associazione nazionale
Il nuovo francobollo; uscirà il 16 aprile
Apr 01 2009 - 21:12

Appuntamenti

Una mostra via l’altra. Succede a Trieste

Attivissimo il Museo postale e telegrafico della Mitteleuropa: oggi ha chiuso il percorso per le vecchie poste; domani ne comincia un altro sulle cartoline austroungariche

Il libro

“Il racconto delle cartoline imperial regie”: è il titolo della nuova mostra che verrà aperta domani al Museo postale e telegrafico di Trieste (piazza Vittorio Veneto 1). Ad ingresso libero, sarà visitabile fino al 30 maggio dal lunedì al sabato nell’orario 9-13; resterà chiusa il 13 ed il 25 aprile nonché l’1 maggio.

A firmarla è Roberto Todero dell’Associazione culturale Zenobi. Lo stesso “collezionista di atmosfere” (così si autodefinisce) che nel dicembre scorso ha partecipato alle manifestazioni organizzate dal Comune per ricordare i novant’anni della prima “redenzione” cittadina, presentando il carteggio della famiglia di Giuseppe Seunik.

Il nuovo percorso coincide con l’uscita del volume “Il racconto delle cartoline imperial regie, società esercito e guerra nel mondo di ieri”. Dovuto allo stesso Todero, illustra la storia delle cartoline militari prodotte nell’Impero Austro Ungarico sino al 1918. La rassegna -afferma l’autore- “valorizza da una parte gli effetti postali, dall’altra consente di trarre spunti e riflessioni su costumi e abitudini di quel periodo”.

Circa 130 schede tratte dal libro sono state collocate nella sala centrale del Museo. Oltre alle cartoline originali, il curatore ha voluto esporre diversi oggetti correlati, ad esempio calamai, penne, album d’epoca per la raccolta delle cartoline. Messi accanto ad altri materiali d’antan, come portasigarette e borracce nonché ad una scatola da munizioni sul cui coperchio un soldato scrisse il proprio indirizzo. Nell’esposizione ha trovato spazio la fotografia di un graffito prodotto da un milite austroungarico all’interno di una caverna del Carso che riporta i suoi dati postali.

Domani sarà impiegato anche un annullo.

Aggiornamento del 21 maggio 2009: la mostra è stata prorogata al 21 giugno.


La mostra che ha chiuso oggi
Roberto Todero e la “prima redenzione”: il catalogo della mostra…
…e la conferenza
Alcuni dei documenti proposti
Apr 01 2009 - 18:59

Notizie dall'Italia

Musical dentellato, ma è un “pesce”

Un “francobollo” italiano ben fatto? No, uno scherzo

La presunta carta valore

Persino più accattivante dei francobolli italiani, e con qualche dettaglio (tipo il fondino azzurro) che rivela una certa conoscenza dell’ambiente postale. Però, il 60 centesimi dedicato alla coprotagonista di “High school musical - Lo spettacolo”, cioè la cantante ed attrice Denise Faro, non si farà. Soltanto perché è una burla, un “pesce” lanciato da “Musical.it”.

“Questo tipo di scherzo -precisa a «Vaccari news» il responsabile del portale, Massimo Davico- rappresenta ormai una tradizione dei siti del nostro settore, ma per noi è la prima volta”. E il richiamo al francobollo? “Soltanto un’idea, non c’è una motivazione particolare”.

Se fosse stato vero, l’esemplare avrebbe rappresentato una primizia, in quanto il musical in Italia non è stato citato in cartevalori postali, dove invece compaiono altri generi, come la lirica, la classica e recentemente (in particolare con “Nel blu dipinto di blu” e “Tintarella di luna”) il repertorio leggero.

Tra i non molti esempi stranieri, l’omaggio austriaco a “Elisabeth”, dell’1 ottobre 2003.


Il lancio della burla
Denise Faro
Un vero francobollo dedicato al settore. Viene dall'Austria
Rassegna stampa (file pdf)
Apr 01 2009 - 11:13

Vaticano

Appuntamento a maggio

Le anticipazioni sulla prossima tappa del programma 2009

Tre francobolli a carattere culturale, la PostEurop e l’omaggio a santa Francesca Romana: sono queste le emissioni che -in base a quanto raccolto da “Vaccari news”- usciranno intorno al 20 maggio.

La prima iniziativa raccoglie soggetti in qualche modo assimilabili: il centenario della fondazione del Pontificio istituto biblico, la “Giornata mondiale del libro e del copyright” e il 75° Congresso ed assemblea generale dell’International federation of library associations and institutions. Tre grandi eventi -fanno sapere da oltre Tevere- “che nobilitano il sapere”; saranno rappresentati da altrettanti immagini, ispirate ad antichi manoscritti.

Il giro PostEurop, invece, propone due quadri del Seicento oggi conservati ai Musei vaticani. Illustrerebbero le fasi lunari, in coerenza, quindi, con il tema astronomico scelto dall’organizzazione continentale.

L’ultima proposta dentellata riguarda, a quattro secoli dalla canonizzazione, la protettrice degli automobilisti e delle vedove, di cui vengono rappresentati, in due cartevalori, altrettanti miracoli.


L'Ufficio filatelico e numismatico vaticano lavora per la prossima emissione
Apr 01 2009 - 01:22

San Marino

Non solo fauna ittica, ma tutti gli animali domestici

L’iniziativa, firmata dall’Azienda autonoma, è dedicata a chi risiede nell’antica Repubblica. Il termine ultimo per partecipare è il 30 aprile

Uno dei francobolli emessi il 4 giugno 1991

Cani e gatti, tartarughe e chi più ne ha più ne metta. Naturalmente, vanno bene anche i pesci, visto che oggi è l’1 aprile, ma l’iniziativa è seria.

L’emissione “Animali nell’arte antica”, inizialmente programmata da San Marino per settembre, cambia titolo e data di uscita; in base alle ultime informazioni si chiamerà “Animali domestici” e slitterà ad ottobre.

La vera notizia è un’altra: i soggetti saranno scelti attraverso un concorso a partecipazione gratuita, aperto fino al 30 aprile a chiunque risieda nell’antica Repubblica. L’iniziativa, definita “Fotografa il tuo animale domestico”, vuole “testimoniare l’amore ed il rispetto dei sammarinesi verso la fauna”, ritraendo piccoli e grandi ospiti di casa.

Ciascun concorrente può partecipare con un massimo di tre proposte, ognuna caratterizzata da un titolo e, facoltativamente, da “un pensiero, una riflessione, uno stato d’animo che l’immagine vuole evocare”. Il plico con il cd va indirizzato all’Azienda autonoma di stato filatelica e numismatica, piazza Garibaldi 5, 47890 San Marino. Le foto, in formato jpg, possono essere in bianco e nero o a colori nel formato cartaceo di 15x20 centimetri, con una risoluzione minima di 1.500x2.000 pixel (sono ammessi ritocchi digitali e fotomontaggi). Devono essere, però, nuove, originali, inedite e non in corso di pubblicazione; il concorrente garantisce di possedere i diritti sull’opera, senza ledere gli interessi di terzi.

Le opere saranno scelte da una commissione designata dall’Azienda ed esposte durante l’evento in programma tra il 5 ed il 6 settembre a Serravalle. Oltre alla trasformazione delle immagini in cartevalori, i vincitori otterranno in regalo una confezione filatelica ed una moneta d’oro da due scudi.

Non è la prima volta che sul monte Titano si punta alla quotidianità, come con la serie pluriennale “Cose, gesti e affetti di ogni giorno”, nata il 4 giugno 1991.


La manifestazione di Serravalle
Il regolamento (file pdf)
Mar 31 2009 - 21:28

Dall'estero

Gli uccelli prendono il volo, il tariffario no

Svizzera: usciranno lo stesso i due tagli progettati per l’aggiornamento dei prezzi, poi bocciato dall’autorità garante

Il Sorvegliante dei prezzi ha risposto picche, e la Posta svizzera ha rinunciato ad aumentare, da domani, le tariffe. Ma i due contestuali francobolli, programmati per far fronte alle esigenze del nuovo listino, usciranno regolarmente.

Raffigurano un gallinaceo, più esattamente la coturnice, e un rapace, nel caso specifico un nibbio reale. I tagli sono da 1,40 e 1,90 franchi, appartenenti alla serie ordinaria “Uccelli locali”. Nonostante l’inconveniente, “hanno una validità illimitata -viene precisato agli sportelli- e possono, come tutti gli altri francobolli, essere utilizzati per l’affrancatura”.

La soluzione concordata con l’autorità garante concerne da un lato le misure previste per l’1 aprile relative ai pacchi del servizio interno e agli invii per l’estero, dall’altro quelle attese l’1 luglio, riguardanti le lettere nazionali indirizzate. Il secondo gruppo di provvedimenti è legato alla prossima fase di liberalizzazione della posta-lettere, ossia alla riduzione del limite di monopolio a 50 grammi.


I due esemplari, almeno per ora senza un'applicazione specifica
Mar 31 2009 - 14:56

Libri e cataloghi

I bambini di Aurelio Bertiglia

In cinque volumi (ora è disponibile il primo) si vuole repertoriare l’intera produzione dell’illustratore torinese

Il lavoro dell'illustratore torinese

I bambini di Aurelio Bertiglia, come le donne di Gino Boccasile: inconfondibili, almeno nella maggior parte dei casi. E soprattutto numerosi, utilizzati per affrontare argomenti politici o militari, esaminare il mondo del lavoro, strizzare l’occhio con allusioni e parodie, riscoprire la storia e la geografia, formulare gli auguri...

Lo documenta il libro “Le cartoline di A.Bertiglia” realizzato dal Cartolinea club. Sono 650 le produzioni, tutte a colori, contenute. È il primo volume di una serie di cinque, che vedrà il completamento in funzione del consenso e dell’interesse suscitati dal progetto. In 266 pagine (40,00 euro) si occupa soltanto dell’area dedicata ai doppi sensi, alla musica, alle arti e ai mestieri, al costume e alla società.

Nel suo complesso, il repertorio è ricavato dalla trentennale collezione di Giulio Alsona Bertazzi. Il materiale è quotato con una graduatoria a dieci livelli, equivalenti ad un minimo di 10,00 e un massimo di 200,00 euro.


La scheda con l'indice
Mar 31 2009 - 08:21

Notizie dall'Italia

Costantino Gironi resta presidente Aida

Sostanzialmente confermato il gruppo di lavoro dell’Associazione italiana di aerofilatelia

Costantino Gironi

Dopo le elezioni, lo spoglio e il consiglio direttivo. L’Associazione italiana di aerofilatelia ha sostanzialmente confermato il gruppo di lavoro uscente, con Costantino Gironi alla presidenza per altri quattro anni.

Vicepresidenti restano Lino Lensi e Romano Savini, segretario Roberto Gottardi. In consiglio siedono Romano Bini, Bruna Corsari, Nanni Davò, Flavio Riccitelli (unica “new entry”, in sostituzione di Carlo Milanesi) e Mario Villa. “Per ora -precisa Costantino Gironi a «Vaccari news»- abbiamo assegnato solo le cariche, non gli incarichi specifici”.

Intanto, si tirano le somme del seminario svoltosi nel quadro di “Milanofil” e introdotto, in rappresentanza della Federazione, da Bruno Crevato-Selvaggi e Paolo Guglielminetti. “La parte pratica -prosegue- è andata molto bene, con parecchia attenzione e domande. Non è servita, però, a individuare nuovi potenziali giurati”. Circa quindici i collezionisti presenti, “che hanno approfittato dell’occasione per sciogliere i propri dubbi”.

L’incontro ha dato l’opportunità all’Aida di predisporre una guida sulla specializzazione, organizzata in 44 pagine. Può essere richiesta al segretario (mail: roberto.gottardi@libero.it), al costo di 10,00 euro, spese postali comprese.


Il seminario
La mostra di giugno a Torino
Due momenti del seminario svoltosi all'interno di “Milanofil”: la parte teorica e quella pratica davanti alle collezioni
Mar 30 2009 - 22:59

Emissioni Italia

Nuova ordinaria: una busta con la scia tricolore

Dai primi dati sarà autoadesiva, fustellata, non fluorescente ed in fogli da cinquanta

La busta, la scia, il richiamo al Tricolore: facile ricordare questo francobollo del 1994

Una busta che, idealmente, spicca il volo, seguita da una scia formata con i colori della bandiera italiana. In più, il logo di Poste italiane, la scritta “Italia” ed il valore nominale.

È questo, in estrema sintesi, quanto caratterizzerà per gli anni a venire i plichi che avranno ancora una vera affrancatura. Ossia, è il soggetto della nuova ordinaria per la posta non massiva, almeno fino a quando la società oggi guidata da Massimo Sarmi rimarrà la fornitrice del servizio universale.

Il francobollo tipo è stampato in calcografia a quattro colori: verde, rosso e due, di cui uno di sicurezza, variabili secondo il valore. Il singolo esemplare misura 40x24 millimetri, l’area stampata 36x20. La dentellatura, 11, viene “effettuata con fustellatura”, mentre la carta impiegata è autoadesiva non fluorescente. Il foglio comprende cinquanta pezzi, “recanti tracciature orizzontali e verticali del supporto siliconato per il distacco facilitato di ciascun esemplare”.

Per quello che è dato da immaginare, la lettera con scia ricorda il vecchio logo dell’Ente pubblico economico, ideato da Franco Maria Ricci e in uso a metà degli anni Novanta, anche sulle cartevalori. In uno dei 750 lire usciti il 18 novembre 1994 (poi replicato il 9 dicembre 1995 con un formato più piccolo e un valore da 850 lire) figura persino il richiamo al Tricolore.

Nessun elemento, ancora, su tagli e data di emissione, quest’ultima subordinata -come ha detto venerdì scorso la responsabile della filatelia di Poste italiane, Marisa Giannini- allo smaltimento delle ordinarie precedenti.


Le recentissime dichiarazioni di Marisa Giannini
Cosa disse in ottobre
Rassegna stampa (file pdf)
Mar 30 2009 - 21:10

Dall'estero

E Baghdad pensa all’ambiente

L’obiettivo del Governo iracheno è dare una parvenza di normalità

Il nuovo francobollo

Mentre persino gli Usa studiano la strada migliore per disimpegnarsi dall’Irak, il Paese asiatico cerca di dare una parvenza di normalità alla vita quotidiana. Nonostante le violenze che ogni giorno vengono registrate. L’impegno è sottolineato anche dai francobolli, come dal 1.000, inflazionati, dinari uscito ieri.

Dedicato alla salvaguardia dell’ambiente, propone due possenti ciminiere che inondano con il loro fumo nero un’atmosfera giallognola, per il sole o per lo smog.

Analogamente alle ultime produzioni dentellate, la carta valore è stampata in Libano dalla Green glory privet printing house.


La serie precedente, dedicata ai beni archeologici trafugati
Mar 30 2009 - 17:48

Notizie dall'Italia

Trasloco in vista per Roserio

Il presidente della Provincia di Milano, Filippo Penati: “Potrebbe spostarsi all’ex Alfa di Arese”. Poste italiane disponibile

Il presidente della Provincia di Milano, Filippo Penati, sull'area dove sorgeranno i padiglioni

L’impianto milanese di Roserio torna a far parlare di sé. Questa volta, però, non per i disservizi o, come un anno fa, per i camion che -secondo quanto affermato da un réportage televisivo e poi ripreso dalla Lega- avrebbero portato al macero le giacenze.

A prendere l’iniziativa, ad un anno esatto dall’assegnazione a Milano dell’“Expo 2015”, è stato questa mattina il presidente della Provincia, Filippo Penati, in visita all’area che ospiterà i padiglioni.

Il primo problema affrontato è il posizionamento del centro postale, che determina il continuo passaggio di tir proprio all’intersezione tra la Fiera di Rho-Pero e il sito espositivo. La sua permanenza nella sede attuale -ha dichiarato Filippo Penati- e il traffico che produce mal si conciliano con un evento che porterà milioni di persone su quella porzione di territorio, di fatto schiacciata tra la stessa Fiera e il carcere. Per questo la Provincia ha chiesto al Comune di Milano e ai sindaci che hanno promosso il Patto per il territorio del Nord Ovest Milano “di valutare con Poste italiane la possibilità di trasferire il centro” nell’area ex Alfa di Arese.

“Nei mesi scorsi -è la risposta della società- l’azienda ha avuto contatti con le amministrazioni interessate”. Già dai primi incontri, Poste italiane si è resa disponibile a liberare lo spazio e a spostare le attività di lavorazione e smistamento della corrispondenza in una zona diversa, “che dovrà naturalmente rispondere a caratteristiche infrastrutturali e logistiche quali ad esempio la vicinanza ai nodi autostradali”. I tempi necessari per il trasferimento “al momento non sono quantificabili, ma possiamo assicurare il massimo impegno” affinché, una volta definita l’ubicazione, il cambiamento avvenga in tempo utile per l’“Expo”.


Un anno fa la polemica sui tir di Roserio diretti al macero
A Milano l'“Expo 2015”. La decisione del 31 marzo 2008
L'attuale impianto di Roserio
Mar 30 2009 - 12:49

Notizie dall'Italia

Riaperta Roma Ostiense

Rinnovata la storica sede di via Marmorata. I lavori, avviati in settembre, proseguono nelle aree non aperte al pubblico

L'esterno dello storico immobile

Nuova vita per lo storico palazzo di via Marmorata 4 a Roma, costruito negli anni Trenta su progetto degli architetti Adalberto Libera e Mario De Renzi. “Modernissimo -commenta il docente di Storia dell’architettura Mauro Cozzi nel terzo volume di Laterza «Le Poste in Italia»- e perfino inatteso in quel tratto di città”, presso la piramide di Caio Cesto, le mura Aureliane e la porta di San Paolo.

Diverse -prosegue l’esperto- sono le invenzioni formali che caratterizzano il progetto originario. “Dalla nuova cassetta per l’impostazione all’intera e profetica texture della facciata posteriore che farà da sfondo a un giardino, dalla aerodinamica silhouette del bancone che propone un’inedita contiguità tra pubblico e servizio agli sportelli, dai pilastri metallici alla soluzione adottata per la balaustra delle scale, agli apparecchi per l’illuminazione”.

La complessità della composizione geometrica, la varietà e l’autonomia delle forme e la combinazione dei riferimenti stilistici, rendono la struttura particolare: un volume massiccio a forma di “C”, al centro del quale è stata messa la sala con i vari servizi e, ai piani superiori, gli uffici.

I lavori, iniziati in settembre ed ora completati perlomeno nelle parti di pertinenza del pubblico, hanno permesso di ricavare diciotto sportelli: sette dedicati alle prestazioni finanziarie, sei per quelle postali e cinque riservati ai titolari di carta “Postamat”.

Come nel passato, vi sono uno sportello automatico, un chiosco multimediale utilizzabile per il pagamento dei bollettini e tre aree per i prodotti finanziari, una delle quali destinata all’offerta di finanziamenti. Nuovo, invece, è il gestore automatico delle attese, che dà facoltà di restare seduti mentre si attende il proprio turno. Il dispositivo consente, inoltre, di monitorare i tempi, così da distribuire meglio il personale in funzione delle esigenze.

In fatto di sicurezza, adesso i locali sono sorvegliati 24 ore su 24 da un sistema di telecamere a circuito chiuso; ogni sportello è dotato di “roller cash”, un dispensatore di denaro a tempo volto a ridurre la presenza di contante in cassa.

Annunciate, infine, tre ulteriori aree destinate ai prodotti finanziari ed una self-service, accessibile 24 ore su 24, nella quale si potrà usufruire di due chioschi multimediali e di altrettanti sportelli automatici.


Il volume citato di Laterza
Uno sguardo ai rinnovati interni
Mar 30 2009 - 02:16

San Marino

Torino all’aria

Per la terza edizione dei “World air games”, in calendario nel capoluogo piemontese, arriveranno quattro francobolli. Ma dal Titano

Se non ci pensa l’Italia, ecco che arriva San Marino, con una commemorazione dentellata specifica. Torino ospiterà la terza edizione dei “Giochi mondiali dell’aria”, l’evento di aviazione sportiva più importante al mondo. Vi saranno rappresentate dieci discipline, dall’acrobazia al volo a vela, dal paracadutismo al deltaplano, dal parapendio agli elicotteri, dagli aerostati all’aeromodellismo, dagli ultraleggeri ai velivoli sperimentali.

Il calendario si svilupperà tra il 6 e il 14 giugno attraverso gare, dimostrazioni, air show, simulazioni dedicate al pubblico.

Per l’occasione, dall’antica Repubblica giungeranno quattro francobolli (nominali da 0,60, 0,85, 1,50 e 1,80 euro) che rappresentano in modo allegorico l’evento. I fogli sono da venti pezzi; la tiratura ammonta a 90mila serie. L’emissione è fra le quattro programmate al 14 aprile.

Per salutare l’iniziativa, l’Associazione dei circoli e sezioni filateliche di Torino e provincia, insieme all’Associazione italiana di aerofilatelia, organizzerà dal 6 al 7 giugno una mostra di aerofilatelia presso il circolo Arca di via Assarotti 6 (orario 10-19, ingresso libero).

Ndr: con comunicazione del 6 aprile, le emissioni sammarinesi previste il 14 aprile sono state rinviate all'8 maggio.


Le altre emissioni del 14 aprile: “Verso Shanghai 2011”…
…la Conferenza europea dell'Interpol…
…la PostEurop
La serie per le Olimpiadi dell'aria
Mar 29 2009 - 16:46

Appuntamenti

“Italia 2015”: sì, però...

Dopo la proposta del presidente della Federazione fra le società filateliche, intervengono i rappresentanti degli operatori commerciali e della stampa

Reazioni a caldo sulla proposta, lanciata ieri sera dal presidente della Federazione fra le società filateliche italiane, Piero Macrelli, di una mondiale a Milano per il 2015.

Innanzi tutto sull’opportunità di organizzare la manifestazione durante un evento di portata così ampia come l’“Expo”, scelta che comporterebbe, fra l’altro, difficoltà a carattere logistico (disponibilità di alberghi e, più in generale, di ambienti adeguati per le iniziative collezionistiche). E poi, da qui al 2015, quale sarà il fornitore del servizio universale, visto che nel 2011 dovrebbe scattare la liberalizzazione del mercato? La società appaltatrice avrà un punto di riferimento rivolto al collezionismo, paragonabile all’attuale divisione? Come si comunicherà?

Sull’idea di Piero Macrelli, “Vaccari news” ha voluto sentire i presidenti dell’Associazione filatelisti italiani professionisti e dell’Unione stampa filatelica italiana.

“È meglio -ha detto Carlo Catelani- prepararsi per tempo. Va bene se serve per gratificare i collezionisti, ma non è così che si diffonde la filatelia nei confronti del grande pubblico. L’iniziativa, poi, è utile se non blocca altri investimenti nel settore”.

“È giusto -aggiunge Danilo Bogoni- che ci siano luoghi dove i grandi collezionisti prendano premi, ma la filatelia va oltre. Sono manifestazioni che il tempo ha fatto diventare vecchie e non guardano al futuro. Non possiamo affidare solo a queste la diffusione del settore”.

Intanto, oggi pomeriggio si sono spente le luci sull’edizione 2009 di “Milanofil”. Ora, si pensa ad “Italia 2009”...


La proposta di Piero Macrelli
I risultati della manifestazione a concorso
Alcuni dei temi sollevati all'inaugurazione
Si spengono le luci su “Milanofil”
Mar 29 2009 - 12:06

Libri e cataloghi

Specializzazione - Austria, Svizzera e Liechtenstein

Dalla Michel due volumi di approfondimento dedicati ai tre Paesi alpini

Oltre le emissioni standard, studiando nei dettagli quanto la filatelia mette a disposizione degli appassionati, in tutte le sue varianti. Quindi, dentellature, tirature successive, varietà, usi particolari, interi, tariffe e così via.

La centenaria Michel è uscita sul mercato rinnovando due dei suoi volumi, entrambi specializzati ed articolati in 608 pagine: da una parte l’Austria; dall’altra la Svizzera e il Liechtenstein. Illustrati quasi sempre a colori, in Italia sono commercializzati a 53,00 euro l’uno. La lingua impiegata è il tedesco.

Nel primo caso è raccolta l’intera produzione di Vienna, da quella asburgica del 1850 (utilizzata anche in Lombardo-Veneto, al quale è dedicato un intero capitolo) alle iniziative degli ultimi anni, che per soggetti ed applicazioni tecnologiche si mostrano scrupolosamente attente al marketing. Il volume comprende, fra l’altro, automatici, rotoli, libretti, etichette per raccomandate, stampe in nero. Si completa con i francobolli locali, risalenti alla Prima e alla Seconda Repubblica, e con quelli per le presenze all’estero (da Creta alla Cina) e di occupazione (fra cui la Bosnia-Erzegovina, che ha avuto dentelli imperialregi tra il 1879 e il 1918).

La Svizzera è affrontata iniziando con accenni al periodo prefilatelico e con le serie cantonali. I capitoli più corposi riguardano i libretti e, naturalmente, le cartevalori di servizio, sia per le istituzioni federali, sia per le internazionali (le serie Onu in franchi svizzeri, invece, non sono presenti, poiché catalogate a parte). Ulteriori aree si concentrano sulle produzioni locali, in particolari per gli alberghi. L’opera, infine, analizza le emissioni targate Campione d’Italia e Liechtenstein.


La scheda del volume per l'Austria…
…quella riguardante Svizzera e Liechtenstein
La Michel centenaria
La lente sulla filatelia dei Paesi alpini
Mar 29 2009 - 03:20

Appuntamenti

Nel 2015 la mondiale?

È l’ipotesi lanciata ieri sera durante il palmarès dal presidente federale Piero Macrelli

Nel prossimo ottobre l’internazionale a Roma, ma perché non pensare già ora ad una mondiale, da organizzare nel 2015, l’anno dell’“Expo”, a Milano? È la proposta lanciata ieri sera, durante il palmarés di “Milanofil”, dal presidente della Federazione fra le società filateliche italiane, Piero Macrelli. Potrebbe essere il momento giusto; una manifestazione planetaria “mette in moto i collezionisti, i commercianti”.

“Adesso, facciamo questa” ma -è il suo invito- si cominci a guardare avanti, visto che per organizzare le cose bene occorre tempo.


Il palmarès di “Milanofil”
Il sito dell'“Expo 2015”
Sopra: il ringraziamento, ieri sera, a Poste italiane, rappresentata da Silvana Zeppieri. Sotto: un ruolo importante, durante la manifestazione milanese, è stato sostenuto da Unione filatelica lombarda e Associazione italiana di storia postale, qui rappresentate dai presidenti Giorgio Khouzam (a sinistra) ed Angelo Simontacchi (a destra). Al centro, il presidente federale Piero Macrelli
Mar 29 2009 - 01:59

Appuntamenti

Pioggia di ori su Milano

L’impegno dei collezionisti che ambivano a partecipare all’internazionale riconosciuto dalla giuria. La manifestazione resta aperta ancora oggi, dalle 9.30 alle 14

Marco Occhipinti e Mariagrazia De Ros

Gran premio sezione competizione con 97 punti a Bernardo Naddei per lo studio “I Matraire del Regno d’Italia”; premio speciale in filatelia tradizionale con 94 punti a Renzo Aldighieri per “La IV emissione di Sardegna”; premio speciale in storia postale con 93 punti a Pietro Giribone per “Introduzione ed uso dei bolli di déboursés nei dipartimenti napoleonici italiani”; premio speciale per le altre classi con 95 punti a Francesco Dal Negro per “Assedio di Parigi - ballons montés”. Sono i riconoscimenti più vistosi dell’esposizione nazionale, classe competizione, decisi dalla giuria di “Milanofil - Milanexpo”, diretta da Mario Mentaschi.

In classe campioni, il gran premio con 96 punti è andato a Giuseppe Riccardo Spampinato, per “I bolli di posta per i domini al di là del faro”.

Nella “un quadro”, infine, il miglior punteggio (91, equivalente all’oro grande) è andato a Pietro Giribone, presente con “La Guerra delle Alpi (1793-96) - Il servizio postale militare piemontese nella guerra rivoluzionaria”.

“Il comitato organizzatore -ha detto il presidente dell’Unione filatelica lombarda, Giorgio Khouzam- nei mesi scorsi ha cercato di organizzare al meglio, con 96 partecipazioni a concorso e 38 ad invito. È la più importante manifestazione dopo Saluzzo degli ultimi venti anni, con molte collezioni inedite”.

Il presidente dell’Associazione italiana di storia postale, Angelo Simontacchi, ha ricordato e ringraziato gli espositori e le presenze dei sodalizi europei. Sottolineando, inoltre, la disponibilità di Patrick Maselis e Mario Mentaschi, che sabato hanno illustrato le loro collezioni agli interessati.

“Una nazionale importante”, ha aggiunto il presidente della Federazione fra le società filateliche italiane, Piero Macrelli. “Erano anni che non si organizzava una manifestazione di questo livello, ma è perché c’è «Italia 2009»”. Il delegato federale ha poi ricordato i quattrocento ragazzini che “hanno portato una ventata di freschezza”, attraverso “un lavoro veramente terribile”. Lavoro concretizzato -ha precisato- grazie principalmente a Marco Occhipinti e Mariagrazia De Ros.

“Milanofil”, ospitata a Fiera Milano city con ingresso da via Gattamelata, resterà aperta ancora oggi, dalle 9.30 alle 14; l’entrata è libera.


“Milanofil” in sintesi
Tutti i risultati (file pdf)
Due dei premiati del palmarès: Giuseppe Riccardo Spampinato (con Piero Macrelli e Emanuele Gabbini) e, sotto, Renzo Aldighieri (con Piero Macrelli)
Mar 28 2009 - 13:53

Notizie dall'Italia

Poste al buio, per un’ora

Nessun blackout, ma l’adesione simbolica alla campagna del Wwf “Earth hour”. L’iniziativa, programmata in sette sedi, questa sera dalle 20.30

Tra i sette edifici postali che aderiranno all’iniziativa, quello fiorentino di via della Pellicceria

Uffici postali al buio, dalle 20.30 alle 21.30 di questa sera. Non si tratta di un guasto, né di manutenzione straordinaria. Rappresenta, invece, l’adesione della società alla campagna “Earth hour”, firmata dal Wwf.

L’“Ora della Terra” è un evento mondiale che intende “sensibilizzare singoli individui, istituzioni e aziende sulla problematica dei cambiamenti climatici”.

Per questo in alcune sedi di Poste italiane verranno spente le luci, così da “testimoniare simbolicamente l’impegno del gruppo a favore del clima e per sottolineare l’importanza di ridurre le emissioni di gas serra”.

L’iniziativa toccherà gli edifici di Firenze (via della Pellicceria), Lecce (piazza Libertini), Mestre (polifunzionale di via Torino), Milano (polifunzionale di piazza Cordusio), Napoli (piazza Matteotti), Palermo (monumentale di via Roma) e Roma (direzionale dell’Eur).

Più in generale, l’evento attraverserà 25 fusi orari disattivando città, monumenti simbolo, istituzioni, imprese, case in tutto il mondo. Quest’anno hanno aderito 83 Paesi e 2.700 città, di cui 100 in Italia. L’obiettivo è coinvolgere un miliardo di persone per chiedere ai leader del pianeta di agire contro i cambiamenti climatici.


Mar 28 2009 - 10:06

Appuntamenti

In palio il “Gronchi rosa”

“Milanofil” aperta ancora oggi e domani mattina

Partecipare all'estrazione è gratuito: basta compilare il modulo…

Un’altra giornata intensa per “Milanofil”, ospitata a Fiera Milano city oggi fino alle 18.30, domenica dalle 9.30 alle 14 (ingresso libero da via Gattamelata).

Intanto, i contenitori dell’estrazione a premi continuano a riempirsi. Anche perché in palio ci sono vistosi omaggi. Per ottenere i quali basta compilare la scheda, in distribuzione gratuita, e poi sperare di essere fra i cinquanta scelti durante il sorteggio, che verrà effettuato entro il 30 maggio. Il più fortunato porterà a casa un “Gronchi rosa”, il secondo un trittico della “Crociera nord atlantica”.

Le altre vincite sono una collezione di Italia dal 1962 al 1985 (dal 3° al 7° sorteggiato), una serie di Antichi Stati (8°-12°), cinquemila francobolli mondiali (13°-22°), un libro annuale di Poste italiane (23°-30°), cinquecento francobolli italiani (31°-40°), il periodo del Pontificato di Paolo VI (41°-50°).

L’iniziativa, ormai una tradizione, è organizzata dall’Associazione filatelisti italiani professionisti e dalla Borsa filatelica nazionale.


Gli appuntamenti del salone
La cerimonia inaugurale
L'estrazione riguardante la “Milanofil” 2008
…ed imbucarlo nel contenitore
Mar 28 2009 - 08:43

Emissioni Italia

Saluti con le barre

A sorpresa, il codice per la lettura automatica è presente in basso a sinistra nella cartolina uscita per sottolineare la manifestazione “Milanofil - Milanexpo”

Che l’indirizzo fosse ormai organizzato diversamente e con lo spazio per il codice di avviamento postale incorporato al resto delle indicazioni riguardanti il destinatario era stato notato.

Ma la cartolina emessa ieri per la manifestazione filatelica nazionale “Milanofil - Milanexpo” offre un’altra novità: il codice a barre, posizionato in basso a sinistra, praticamente al posto in cui fino ad ora si trovava il cap.

Anche l’immagine distribuita una decina di giorni fa da Poste italiane ne risulta priva.


L'osservazione sul nuovo blocco indirizzo
I dati dell'emissione
La versione in vendita dell'intero
Mar 28 2009 - 04:33

Dall'estero

Lufthansa Italia chiama i... carabinieri

Domani l’annullo speciale britannico per il primo volo tra Heathrow e Malpensa della nuova compagnia. Che offre una particolarità

L'obliterazione britannica

Mentre Alitalia discute con Trenitalia per le “Frecce”, la presenza tedesca a Malpensa si estende, passando da... Heathrow.

Non è l’ennesima mossa di finanza creativa per conquistare un’ulteriore fetta di cielo ma, più banalmente, l’inaugurazione di un servizio firmato dalla neonata Lufthansa Italia. Servizio che metterà in comunicazione l’aeroporto londinese con quello di Milano.

Il primo volo, previsto per domani, verrà sottolineato da un annullo impiegato nel Regno Unito, che offre una curiosità: accanto all’ala dell’aeromobile con il logo della compagnia, figurano il copricapo del “bobby” e quello col pennacchio di un carabiniere.

Almeno per ora, non si hanno notizie di sottolineature marcofile da parte italiana. Il 28 gennaio la società aveva chiesto un manuale, proprio a Malpensa, per il battesimo di due airbus “A319”.


Il decennale di Malpensa
Il sito di Lufthansa Italia
Mar 27 2009 - 23:46

Speciale «Italia 2009»

I primi dati del “Festival”

Le candidature superano del 71% gli spazi previsti dalla manifestazione

Giancarlo Morolli

Risultano 584 le collezioni che si sono candidate per “Italia 2009”, senza contare le 143 partecipazioni nella classe letteratura. Sono due delle cifre snocciolate oggi pomeriggio da Giancarlo Morolli, a nome del comitato organizzatore della manifestazione.

Si annuncia, comunque, “una selezione molto impegnativa”, perché gli spazi non sono in grado di accogliere tutti coloro che vorrebbero esporre. Ragionando in fogli, la differenza tra il numero possibile (2.197) e quello messo a disposizione dai collezionisti (3.754) è notevole, pari al 71%.

Il 48% delle 584 candidature -altro elemento interessante- non è mai stato esposto ad una internazionale, “segno che non sono i soliti a partecipare”.

Gli studi ammessi saranno intorno ai 320, di cui all’incirca 94 italiani. Per la squadra tricolore, “Milanofil” rappresenta l’ultima chance possibile. Poi, da lunedì, i giochi saranno fatti.


Gli altri interventi alla cerimonia inaugurale
L'attuale esposizione a concorso
Una panoramica dei quadri a “Milanofil”
Mar 27 2009 - 23:01

Appuntamenti

Giovani, promozione, pubblicità

Sono aspetti che mirano a divulgare il comparto verso chi non è ancora collezionista

I bambini questa mattina ospiti del salone

Quattro pilastri: le Poste, i collezionisti, le associazioni e i commercianti, riuniti insieme per “Milanofil”. Ha sottolineato questo elemento il presidente della Federation of European philatelic associations, Pedro Vaz Pereira, presente alla cerimonia inaugurale della manifestazione. E “particolarmente impressionato” -così si è detto- dal programma condotto da Poste italiane e Federazione fra le società filateliche in favore dei giovani.

Anche il presidente della Fsfi, Piero Macrelli, ha ricordato il lavoro con le scuole, reso possibile dal sostegno degli sponsor -fra i quali figura Vaccari srl- e dei volontari, che già oggi hanno intrattenuto gli alunni in visita al salone.

Dal canto suo, il presidente dell’Associazione filatelisti italiani professionisti, Carlo Catelani, ha rivolto una “pressante preghiera” affinché la divisione filatelia spenda una parte consistente del denaro incassato investendolo nel settore, magari in pubblicità.

Più investimenti li chiede, a nome dei giornalisti, il presidente dell’Unione stampa filatelica italiana, Danilo Bogoni. L’Usfi -ha aggiunto- “aveva una visione del «Festival internazionale» diversa ma, una volta che la formula è stata scelta, si è adeguata”. Se da una parte plaude al ritorno della lingua italiana nelle cariche interne di Poste, dall’altra segnala che la rivista rivolta ai dipendenti della società, cioè “Il gabbiano”, non ha più una rubrica fissa di filatelia, che servirebbe “per dare la carica a chi lavora”, informandolo e avvicinandolo al francobollo e a quanto esso rappresenta.


All'inaugurazione di oggi pomeriggio: il videomessaggio del ministro Claudio Scajola…
…l'intervento della responsabile della filatelia di Poste italiane, Marisa Giannini
Il tavolo con i relatori all'inaugurazione: da sinistra, Giancarlo Morolli, Pedro Vaz Pereira, Marisa Giannini, Piero Macrelli, Carlo Catelani e Danilo Bogoni
Mar 27 2009 - 21:21

Emissioni Italia

La congiunta sulla lingua si farà

Lo ha confermato il responsabile della filatelia di Poste italiane, Marisa Giannini. Pronta la nuova ordinaria

La responsabile della filatelia di Poste italiane, Marisa Giannini

Il capo dell’Ufficio filatelico e numismatico vaticano, Pier Paolo Francini, lo aveva anticipato a metà febbraio. Ed oggi, durante l’inaugurazione di “Milanofil”, il responsabile della filatelia di Poste italiane, Marisa Giannini, lo ha confermato. Per promuovere “Italia 2009” e, in particolare, la giornata della lingua italiana, si organizzerà un’emissione congiunta che coinvolgerà Italia, San Marino e Vaticano.

Non è l’unica novità emersa oggi pomeriggio. La nuova ordinaria è già stata stampata. Sostituirà i francobolli prioritari con la “P”, che -ha ricordato il presidente degli operatori commerciali, Carlo Catelani- promuovono un servizio ormai cancellato.

“Stiamo aspettando -ha continuato Marisa Giannini- che finiscano le scorte” della serie precedente, per poi organizzare la commercializzazione della nuova.

A proposito di aspetti economici, secondo la rappresentante di Poste, il settore filatelico va bene. Un primo confronto del 2009 sull’analogo periodo del 2008 dà un 35% di utile in più. “Un trend in crescita, nonostante la crisi”. “I conti sono in regola, i collezionisti ci sono”. “Quanto agli investimenti, abbiamo fatto tanta pubblicità, senza contare il «Progetto scuola»”. Inoltre, “il ministro ci ha promesso una mano per la televisione”.

La difesa dell’operato riguarda pure la qualità del francobollo italiano. Ci sono il presidente Antonio Catricalà, la stessa Commissione per lo studio e l’elaborazione delle cartevalori e postali, da lui diretta, il Poligrafico: “Nulla è lasciato all’ultimo momento”.


La congiunta a tre secondo Pier Paolo Francini
Nuova ordinaria: nell’ottobre 2008 la prima conferma
Mar 27 2009 - 20:18

Appuntamenti

Il ministro Claudio Scajola: “Filatelia vitale”

Tra gli obiettivi che il dicastero si è posto: più praticità per il francobollo, promozione fra i giovani, coinvolgimento delle scuole

“Il settore della filatelia è vitale”; lo dimostra l’interesse suscitato da manifestazioni come “Milanofil” o “Romafil”. A dirlo è il ministro allo Sviluppo economico, Claudio Scajola, presente con un videomessaggio all’inaugurazione, svoltasi questo pomeriggio, del salone meneghino. “Un modesto appassionato” -come si è autodefinito- che però vorrebbe riportare il francobollo non solo negli album dei collezionisti, ma nella posta di tutti i giorni. Per questo, oltre a ribadire i concetti che “Vaccari news” ha anticipato ieri, pensa a cartevalori “facili da usare”, autoadesive. Si sta lavorando -ha annunciato- ad un progetto pilota per realizzare in tale modo pure emissioni celebrative e tematiche.

Il rappresentante del Governo ha speso parole in favore della promozione verso i giovani, affinché si avvicinino ad un “sano, gradevole passatempo”. Un ruolo, in questo senso, “può essere svolto dal settore scolastico”.


I concetti principali dell'intervento anticipati ieri
L'annuncio del protocollo d'intesa con il ministero alla Pubblica istruzione. Era il 2006

La cerimonia inaugurale di “Milanofil”: l'intervento del ministro Claudio Scajola e, sotto, il pubblico
Mar 27 2009 - 13:22

Appuntamenti

Stand, gente, emissioni, collezioni...

Aperta questa mattina “Milanofil”. Uscite le tre emissioni italiane

Il presidente del comitato organizzatore di “Milanexpo”, ma anche dell'Associazione italiana di storia postale, con la “sua” cartolina uscita oggi

Gli stand riempiti, il pubblico (nonostante il giorno lavorativo) impegnato tra francobolli da vedere e da acquistare, le emissioni italiane (il 2,80 euro dedicato alla Valcamonica, i due promozionali per “Italia 2009” da 60 ed 100 centesimi e la cartolina da 60 per “Milanexpo”) in vendita. E poi i bambini, l’attesa degli espositori per il lavoro della giuria, gli incontri.

La “tre giorni” meneghina è entrata nel vivo. Grazie a Poste italiane, che organizza la manifestazione, ma grazie anche agli operatori commerciali e alla ventina di volontari. “Vorrei ricordare -la sottolineatura è del presidente del comitato organizzatore di «Milanexpo», Angelo Simontacchi- il ruolo di questi ultimi. Dal gruppo che si è incaricato di montare e smontare i quadri a quanti accolgono e intrattengono gli scolari, dalla giuria a chi ha curato la pubblicazione del catalogo o si sta occupando degli aspetti minuti. Senza considerare coloro che, dall’Associazione italiana di storia postale e dall’Unione filatelica lombarda, ci hanno aiutato con un contributo economico. Pur magari con qualche difficoltà, l’équipe ha reso possibile, anche questa volta, il complesso di iniziative che si affianca al convegno commerciale vero e proprio. Vorrei, in particolare, ringraziare Marco Occhipinti: in qualità di factotum (anche se la sua qualifica è di «addetto al coordinamento generale»), si è davvero speso, con entusiasmo e dedizione”.

Particolarmente corposa è la parte espositiva, suddivisa in due aree. La prima è a concorso, quindi valevole per le selezioni dell’internazionale di ottobre, e si articola su 320 quadri da due vetrine; in più va aggiunta la seconda, fuori gara, cui concorrono società europee, con altri 43 pannelli. “È la prima volta -conclude Angelo Simontacchi- che ad una nazionale italiana si invitano partecipazioni straniere e che, allo stesso tempo, si organizzano delle spiegazioni pubbliche per alcuni degli studi in mostra”.


Il programma della manifestazione
La pagina promozionale di Poste italiane
I dati sulla cartolina di “Milanexpo”
Protagonisti i bambini: intrattenuti dagli incaricati e, sotto, allo stand di Vaccari srl
Se ricevete questa mail è perché vi siete iscritti a Vaccari news
Per ISCRIVERSI, CANCELLARSI o MODIFICARE l'indirizzo email basta collegarsi qui http://www.vaccari.it/_ISCRIVITIVNEWS

Copyright © 2019 - 2003 Vaccari srl - tutti i diritti riservati
registrazione Tribunale di Modena n. 1854 del 4 dicembre 2007
direttore responsabile Fabio Bonacina
Tutto il contenuto di questa newsletter, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati. Redazione: info@vaccari.it

VACCARI srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel. (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157