Siamo lieti di inviarle le notizie diffuse nell'ultima settimana da "Vaccari news".
Se desidera conoscerle in tempo reale, in qualsiasi momento può visitare la pagina www.vaccarinews.it, dove può trovare gratuitamente anche:

  • i programmi aggiornati di Italia, San Marino, Vaticano e Smom;
  • l'archivio di tutte le informazioni che abbiamo diffuso nel tempo (è possibile fare ricerche sia in ordine cronologico, sia per parola chiave, sia per area);
  • i comunicati diramati alla stampa;
  • l'elenco dei prossimi appuntamenti (mostre ed eventi).
Buona lettura
Lo staff di "Vaccari news"

Apr 10 2009 - 01:31

San Marino

Il Bologna diventa dentellato

L’Azienda autonoma aggiorna il programma. Tra le sorprese, il saluto alla società calcistica e al trentennale “Meeting per l’amicizia fra i popoli”

Lo stand dell'Azienda autonoma filatelica e numismatica alla recente “Milanofil”

Arriverà il 16 giugno l’infornata successiva a quella, già nota, dell’8 maggio. Rispetto alla versione iniziale, diffusa a novembre, il programma 2009 contiene diverse novità.

A livello di argomenti si aggiunge il tributo all’associazione calcistica del Bologna, che compie cent’anni. Inoltre, ricompare il “Meeting per l’amicizia fra i popoli”, ricordato nel 2004 per il quarto di secolo ed ora, in occasione del trentesimo, valorizzato pure da Roma. Confermate la congiunta con Italia e Vaticano per il “Festival della filatelia” e il cambio di impostazione per la serie degli animali, che non cita più l’arte antica ma gli attuali compagni domestici.

L’uscita di giugno comprenderebbe, oltre alla serie per gli scrittori (0,36, 0,85 e 1,40 euro), la terza parte del percorso biennale dedicato ai vini (sei esemplari da 60 centesimi in foglietto), il saluto ai “Giochi del Mediterraneo” (0,60, 1,40 e 1,70 euro) e il ricordo per Louis Braille (1,50 euro). Quest’ultimo avrà un formato piuttosto grande, affinché possa comprendere le scritte, sovrapposte a quelle tradizionali, nel sistema puntinato dovuto al filantropo francese.

Nel periodo del “Meeting” di Rimini (che aprirà il 23 e chiuderà il 29 agosto) e del convegno filatelico a Riccione (28-30 agosto), il 25 agosto arriverà il successivo contingente, con gli omaggi per l’appuntamento cattolico (taglio da 2,00 euro), il Bologna (1,00 euro in fogli da dodici con bandella), l’Associazione volontari sammarinesi del sangue e degli organi (trasformato da cartolina a francobollo in vendita a 1,50 euro) e l’“Anno internazionale della innovazione e della creatività” (sei esemplari da 1,00 euro).

Il 2009 dovrebbe chiudersi il 21 ottobre, giornata inaugurale di “Italia 2009”. Quando usciranno la congiunta per il “Festival” (60 centesimi), il Natale (1,50 e 2,00 euro in foglietto, due tagli anomali per gli auguri) e l’esito del concorso riguardante gli animali domestici (un libretto contenente due esemplari da 36 centesimi, altrettanti da 60 e da 1,00 euro).

Naturalmente, si tratta di ipotesi che potrebbero evolvere in corso d’anno. Ad esempio aggiungendo una sottolineatura per la manifestazione collezionistica che la stessa Azienda organizza in settembre. Forse una citazione al 150° anniversario dei francobolli di Romagne?


La prima bozza del programma
La prossima emissione, prevista per l'8 maggio
Il concorso per la serie “Animali domestici”
Il “Meeting per l'amicizia fra i popoli” ritorna. Qui il foglietto sammarinese del 20 agosto 2004
Apr 09 2009 - 23:13

Notizie dall'Italia

Poste mobile dà 10 euro di traffico ai clienti dell’Aquilano

Entro domani la ricarica automatica. Intanto, al ministero dello Sviluppo economico sono state raggiunte altre decisioni

Non solo la devoluzione della tassa postale per quanti versano i contributi alla ricostruzione attraverso il ccp 10.400.000, conto richiesto dalla Regione Abruzzo. Il gruppo Poste interviene con un’altra iniziativa, questa volta legata alla telefonia. La società Poste mobile ha deciso di accreditare gratuitamente 10,00 euro di traffico a tutti i propri clienti dell’Aquila e provincia. La ricarica verrà effettuata entro domani.

Iniziative analoghe, come ricorda il ministero allo Sviluppo economico, toccano le restanti aziende del settore. Oggi, presso il dipartimento delle comunicazioni, il sottosegretario Paolo Romani ha presenziato al tavolo di coordinamento con i principali operatori. Dopo aver promosso l’attivazione del numero unico da rete fissa e mobile - il 48.580- con il quale è possibile devolvere 1,00 euro da cellulare e 2,00 euro da rete fissa a sostegno dell’attività in Abruzzo (si tratta di donazioni che non hanno alcuna trattenuta da parte delle compagnie telefoniche né sono soggette ad imposizione fiscale), sono state definite ulteriori iniziative di supporto.

Fra queste, la consegna alla Protezione civile di 30mila ricariche da distribuire ai cittadini sfollati dell’Aquila e provincia, di importo pari a 20,00 euro, oltre a cellulari e totem utili per le apparecchiature elettriche.

Decisa, inoltre, la sospensione delle bollette telefoniche (riguardanti le reti fissa e mobile) per il bimestre in corso in tutta l’area interessata dal sisma.

“Ringrazio gli operatori di telecomunicazioni -ha dichiarato il ministro Claudio Scajola- per la rapidità e l’impegno con cui, sin dalle prime ore e ciascuno per la propria parte, hanno dato un importante supporto strategico alla Protezione civile, garantendo la continuità delle comunicazioni e offrendo alla popolazione così duramente colpita dal terremoto la disponibilità di credito telefonico”.

Tutte le case dell’Aquila sono state dichiarate inagibili ed in serata si è sentita un’altra, potente, scossa.


La decisione -annunciata oggi pomeriggio- di devolvere le spese postali
In Abruzzo si cerca di riorganizzare una vita normale (foto: “Corriere dell’Umbria”)
Apr 09 2009 - 20:11

Notizie dall'Italia

Ristrutturato il Cmp di Novara

Le nuove macchine capaci di lavorare 30mila lettere all’ora. Quattro i milioni investiti

È “uno dei più avanzati d’Italia ed il più importante del Piemonte Orientale”. Così viene definito il ristrutturato centro di meccanizzazione postale di Novara, nel quale la società ha investito quattro milioni.

Le apparecchiature installate nella sede di via Monte Rosa adottano tecnologie di ultima generazione “che incrementano considerevolmente la capacità di lavorazione della corrispondenza”. Trattano ogni ora fino a 30mila lettere con una potenza quotidiana pari a 630mila unità.

La corrispondenza in arrivo dalle province di Novara, Verbania, Vercelli e Biella viene inserita nelle linee produttive, riconosciuta e smistata dalle macchine, i cui sensori ottici garantiscono un elevato grado di lettura e riconoscibilità degli indirizzi, anche se scritti a mano. L’indirizzo eventualmente incomprensibile viene trasformato in un’immagine ottica ed inviato ad un operatore a distanza che provvede a digitare i codici corrispondenti alla destinazione.

Un secondo dispositivo serve per la corrispondenza di formato più grande e per le raccomandate: ha una capacità produttiva di 12mila oggetti all’ora, 252mila su base giornaliera.

Spariti i sacchi, sostituiti dai contenitori in plastica già utilizzati in altre sedi.

Nell’impianto lavorano 180 persone. Così, si completa la rete di smistamento del Nordovest dove sono già operativi i centri di Torino e Genova, “ponendosi fra i più avanzati in campo europeo”.


La videocodifica in remoto
Una delle apparecchiature del rinnovato impianto
Apr 09 2009 - 16:32

Notizie dall'Italia

Poste aiuta i terremotati. Fattivamente

Cambio di rotta rispetto al passato: la commissione da 1,10 euro finisce in beneficenza

Anche la commissione va a beneficio dei terremotati

Questa volta non è andata come in passato, ad esempio all’epoca dello tsunami del 26 dicembre 2004. Poste italiane -l’annuncio è di pochi minuti fa- dà un concreto aiuto all’Abruzzo terremotato, mettendoci del suo. Devolvendo, cioè, al fondo di solidarietà la tassa di 1,10 euro incassata da ogni utente che, per sostenere con un proprio contributo i sopravvissuti, utilizza il conto corrente postale n°10.400.000.

I titolari Bancoposta -ricordano poi dalla società- possono effettuare gratuitamente le loro donazioni anche dal sito www.poste.it, accedendo all’area pagamenti e cliccando su “Effettua la tua donazione online” - “Poste italiane per l’Abruzzo”.

Gratis (se si è clienti di Poste mobile) è pure l’invio di un “sms” al numero 377.20.48.580, attraverso il quale viene devoluto 1,00 euro.

Intanto, da stamani gli uffici postali mobili dislocati nei campi di emergenza allestisti all’Aquila stanno assicurando il pagamento delle pensioni, come già avvenuto ieri a Paganica. Operano come i tradizionali uffici fissi ed è possibile effettuarvi il pagamento dei bollettini di conto corrente, operazioni di versamento o prelievo da libretto postale, invio o ritiro vaglia, bonifici. I collegamenti alla rete aziendale avvengono via satellite.


La segnalazione firmata da “Vaccari news” ieri
Gli uffici postali mobili sono collegati alla rete generale attraverso il satellite
Apr 09 2009 - 14:12

Dall'estero

I Simpsons? Viaggiano in prima classe

L’iniziativa postale arriverà dagli Usa il 7 maggio. Potrebbe diventare un altro campione di incassi

La storica e stravagante famiglia, veicolata dalla rete televisiva Fox e seguitissima in tutto il mondo, avrà il ricordo dentellato.

Si tratta di cinque francobolli adesivi statunitensi di prima classe, in vendita a 0,44 dollari l’uno dal 7 maggio. Sono confezionati sotto forma di carnet da venti esemplari (quattro le copertine diverse) e ripresi, al prezzo di 14,95 dollari, come cartoline in libretti da quattro serie complete. Quindi, disponibili in tempo utile per l’annunciato aumento tariffario dell’11 maggio, quando il porto base passerà da 42 a, appunto, 44 centesimi.

Le cartevalori propongono i coniugi Homer e Marge Simpsons, nonché i loro tre figli Bart, Lisa e Maggie, raccontati in tv nella vita quotidiana di Springfield, la cittadina dove il padre lavora nella centrale nucleare. Da vent’anni (ma in Italia sarebbero arrivati nel 1991), tra una partita a baseball del capofamiglia, uno scherzo del primogenito e una iniziativa della madre, tengono incollati davanti al piccolo schermo folle di appassionati. Da qui l’auspicio che l’emissione possa diventare presto un caso, in grado di uscire dagli ambiti del collezionismo tradizionale. Un po’ come, nel passato, è avvenuto con gli omaggi ad Elvis Presley o ai Beatles.

Le immagini -precisano da Usps- sono dovute allo stesso ideatore, Matt Groening.


Le grandi icone dello spettacolo in versione dentellata
La nuova serie, che si rivolge principalmente ad un pubblico esterno al mondo filatelico
Apr 09 2009 - 11:58

Giornali, riviste e siti

Così Giulio Einaudi scoprì la filatelia

La testimonianza, oggi conservata alla Fondazione Einaudi, è stata ripresa sulla “Stampa” per i dieci anni dalla scomparsa dell’editore

Giulio Einaudi (foto: “La stampa”)

Se Luigi Einaudi è protagonista della mostra itinerante ora ferma, fino al 26 aprile (poi, dal 27 al 10 maggio, solo su prenotazione), a Torino presso l’Archivio di stato, il quotidiano cittadino, “La stampa”, riscopre una pagina riguardante il figlio Giulio, nato il 2 gennaio 1912. Inedita, conservata presso la Fondazione Einaudi e filatelica. Proposta a dieci anni dalla scomparsa dell’editore, avvenuta il 5 aprile 1999.

Siamo nel capoluogo piemontese, negli anni Venti. L’arrivo -scrive Giulio Einaudi- dei pacchi di volumi provenienti dalla Società delle Nazioni mi rallegrava, “non tanto per i libri, che erano noiosi, quanto per i francobolli svizzeri sovrastampati «Société des Nations», o «Bureau international du travail». Allora io effettuavo degli scambi molto vantaggiosi sia con i miei compagni di scuola sia con piccoli mercanti che a Torino pullulavano... Divenni così, quasi per caso, collezionista di francobolli”.

Cartevalori e relativi contenitori erano conservati in un armadio, accanto agli atlanti geografici, “utilissimi per individuare strani Paesi da cui giungevano pacchi o lettere con bellissimi francobolli... Fu quell’armadio a incuriosire i poliziotti durante la perquisizione della mia camera, nel 1929, distraendoli dal tavolino che conteneva, oltre a francobolli ancora da sistemare, volantini di Giustizia e Libertà”.


La mostra itinerante per Luigi Einaudi, visitata da “Vaccari news”
Apr 09 2009 - 02:51

Vaticano

Autori, istituzioni universitarie e biblioteche

Sono i tre temi toccati dalla serie culturale che uscirà il 20 maggio

La “Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore” si tiene dal 1996 ogni 23 aprile, giorno in cui, nel 1616, morirono Miguel de Cervantes, William Shakespeare e Garcilaso de la Vega. È stata scelta dall’Unesco per celebrare il volume e i suoi autori nel mondo e “per incoraggiare tutti, in particolare i più giovani, a scoprire il piacere della lettura e a rispettare il contributo insostituibile dei creatori allo sviluppo sociale e culturale”. Questa volta la ricorrenza avrà la sottolineatura dentellata vaticana, sia pure postuma. È uno dei tre francobolli inseriti nella serie annunciata per il 20 maggio. Vale 60 centesimi e rende omaggio al libro, “questo formidabile strumento d’educazione, confronto, cultura”. Al tempo stesso, permette di riflettere sugli autori e sull’editoria, evidenziando prospettive e problemi.

Il secondo taglio, da 85 centesimi, celebra il Pontificio istituto biblico, una realtà universitaria della Santa sede che il 7 maggio compie il primo secolo. Venne creato sotto Pio X perché diventasse un riferimento specialistico sulla Sacra scrittura, così da “promuovere il più efficacemente possibile la dottrina biblica e tutti gli studi connessi secondo lo spirito della Chiesa cattolica”. Fin dalla fondazione fu affidato alla Compagnia di Gesù.

Parla invece milanese il terzo esemplare, in vendita a 1,40 euro. Dal 23 al 27 agosto, il capoluogo lombardo ospiterà il 75° Congresso ed assemblea generale della International federation of library associations and istitutions. Fondata nel 1927 ad Edimburgo, la Federazione oggi conta 1.700 membri in 150 Paesi di tutto il mondo. La sede è all’Aia.

I francobolli sono raccolti in fogli da dieci pezzi, la tiratura è pari a 200mila serie. Lo stesso giorno arriveranno gli omaggi a santa Francesca Romana e alla PostEurop.


La “Giornata mondiale del libro e del diritto d'autore” (in varie lingue)
Il Pontificio istituto biblico
L'Ifla (in inglese)
Le tre cartevalori
Apr 08 2009 - 21:19

Notizie dall'Italia

“Faccina” verde dai postelegrafonici

I primi risultati del sistema voluto dal ministro Brunetta ed applicato al call center dell’Ipost. Ma soltanto il 14% degli utenti lascia un giudizio

L'Ipost rivela i dati della prima settimana di sperimentazione

Nel giro di una settimana, dal 23 al 31 marzo, sono stati quasi 12mila (esattamente 11.978) coloro che hanno chiamato il call center dell’Istituto postelegrafonici e 1.696, cioè soltanto il 14%, quelli che hanno espresso un giudizio. Accogliendo, così, l’invito del ministro per la Pubblica amministrazione e l’innovazione Renato Brunetta, ideatore dell’iniziativa “Mettiamoci la faccia”.

Tra quanti hanno lasciato un commento, 1.356 (79,95% del totale) hanno scelto la “faccina” verde, 275 (16,21%) quella gialla e 65 (3,83%) la rossa. L’analisi su chi ha messo il pollice verso rivela che il 62% è insoddisfatto per aver ottenuto una risposta negativa, il 22% perché deve riprovare, il 9% non ha apprezzato i tempi di attesa e l’8% la professionalità del referente.

“Ricordiamo -precisano dagli uffici- che il progetto, ancora in fase di sperimentazione, permette di misurare la soddisfazione degli utenti per i servizi forniti dalle Pubbliche amministrazioni” impiegando gli “emoticon”. Ipost, “fra i primi enti pubblici ad avere aderito all’iniziativa”, mette già a disposizione il sistema di giudizio per tutte le prestazioni cui si può accedere telefonicamente, come dettagli previdenziali, dati anagrafici, gestione dei contributi, mutualità, prestiti, assistenza, modulistica.

Da lunedì il sistema viene impiegato anche sul sito istituzionale, mentre il 2 maggio approderà all’ufficio relazioni con il pubblico di viale Asia, a Roma.


L'avvio del progetto
Le ragioni dell'insoddisfazione tra i 65 utenti che hanno scelto la “faccina” rossa dopo aver parlato con il call center dell'Ipost
Apr 08 2009 - 16:48

Notizie dall'Italia

Operativi in Abruzzo i primi uffici mobili

Ma ne arriveranno altri due. Un filmato all’interno di una sede postale documenta la scossa di domenica notte

Uffici postali su ruote, come questo, hanno raggiunto alcune delle zone disastrate

Uno degli uffici postali mobili si trova a Paganica, dove già sono state pagate le prime pensioni, e gli altri sono stati posizionati nelle zone di Piazza d’Armi, Centi Colella, campo sportivo Acquasanta, tendopoli Basilica di Collemaggio, tendopoli di Pagliare di Sassa, multisala Garden di Monticchio e San Demetrio ne’ Vestini.

A Centi Colella è collocato anche l’ufficio mobile che ospita la filiale di Poste italiane. Altri due sono stati inviati e -dice una nota della società- “saranno resi operativi al più presto”.

Mentre il numero delle vittime del terremoto è aumentato ancora (ora i morti raggiungono quota 260), il “Tg5” ha trasmesso una registrazione ottenuta dalla telecamera di sicurezza installata all’interno di un ufficio postale e funzionante durante la scossa di domenica notte. Si vede la cassaforte, pesante circa 15 tonnellate, muoversi violentemente.


Dal sito dell'Adnkronos, il video con la cassaforte durante la scossa
La tragedia di Onna letta attraverso gli orari di apertura al pubblico del suo ufficio postale
Apr 08 2009 - 13:11

Emissioni Italia

Ancora modifiche al programma

Non solo l’anticipazione del francobollo dedicato alla Camera di commercio italiana per la Svizzera. Ecco cosa cambia...

L'annullo fdc per il francobollo dedicato alla gioielleria Bulgari

Attendendo le prossime immagini (ma già si sa che il francobollo per Bulgari proporrà un prezioso collier), l’Italia rivede il proprio calendario.

Oltre ad aver anticipato di una settimana -dal 9 al 2 maggio- il tributo alla Camera di commercio italiana per la Svizzera, trova un riferimento l’esemplare che ricorda i 140 anni dei rapporti diplomatici con la Bulgaria: il 65 centesimi, in probabile emissione congiunta, uscirà il 22 ottobre. Un ulteriore esemplare, dunque, che si aggiunge a quelli già programmati nei giorni di “Italia 2009”.

A livello di data, sono state spostate le cartevalori per il magistrato Emilio Alessandrini (dal 9 maggio al 26 settembre) e per la “Sagra dei misteri” di Campobasso (dall’11 giugno al 22 maggio). Quanto ai nominali, novità riguardano i saluti per la “Coppa del mondo di baseball” (da 1,00 euro a 60 centesimi) e per don Luigi Sturzo (da 0,60 a 1,50). Quest’ultimo dentello, finora indicato genericamente per ottobre, uscirà il 14 dello stesso mese.

Nulla ancora per quanto concerne l’ordinaria. Fonti in genere bene informate parlano di dieci esemplari, suddivisi in due tranche.


Il cambio di data annunciato ieri
La nuova ordinaria: il soggetto
L'elenco aggiornato (file pdf)
Apr 08 2009 - 06:43

Notizie da Vaccari

Ultimi giorni per partecipare all’asta

Le offerte a distanza vanno presentate entro le ore 12 di venerdì 17. Poi, sabato 18 alle ore 9, la vendita all’incanto, che comincia dalla letteratura filatelica e finisce con le cartoline

Un 50 bajocchi di Pontificio ben marginato e con gomma non ossidata; è il lotto 349 e parte da 9mila euro

Ultimi giorni prima dell’asta di Vaccari srl, battuta pubblicamente sabato 18 aprile nella sede aziendale di Vignola (Modena), in via Buonarroti 46.

“Come l’anno scorso -ricorda Silvia Vaccari, coordinatrice generale dell’asta- cominceremo la sessione alle ore 9, proponendo i duecento titoli di letteratura filatelica. Una volta completati questi, ci concentreremo sulla filatelia e sulla storia postale, trattando le 668 voci iniziali del catalogo, riguardanti prefilatelia, Antichi Stati e Regno. Dopo la pausa, alle 14.30, chiuderemo la vendita con l’ultimo migliaio di articoli, relativi ad esempio ad Rsi, Repubblica, Colonie ed Occupazioni, servizi, spazio, interi postali, estero, lotti e collezioni, cartoline”.

“Gli oggetti messi all’incanto -prosegue- possono essere visionati dal 14 al 17 aprile su appuntamento telefonico (059.771.251 o 059.764.106) presso i nostri uffici. Quelli offerti durante la fase pomeridiana dell’asta saranno disponibili anche nella stessa mattinata della vendita”.

Le offerte a distanza vanno presentate per corrispondenza, fax, e-mail o internet entro le ore 12 di venerdì 17 aprile, ricordando che a parità di offerta prevale quella giunta prima, e che chi partecipa in sala è favorito perché può ottenere quanto desiderato anche solo ad uno scatto di differenza. Le aggiudicazioni non prevedono spese per commissione.

Alcuni degli alberghi presenti in zona propongono soluzioni convenzionate con la società.


I dettagli sull'asta
Il calendario e le informazioni pratiche
I 1.800 articoli in sintesi
La vicenda del dirigibile Italia transita anche da questa busta (lotto 868, base 3mila euro); sotto, una testimonianza postale russa collegata alla stazione spaziale internazionale Iss (lotto 961, partenza 600 euro)
Apr 08 2009 - 02:22

Appuntamenti

Cartevalori? No, “antifrancobolli”

Saggio di “mail art” a Tampa (Florida), dove vengono proposte alcune delle parodie di Steve Smith

L'“antifrancobollo” che richiama Iwo Jima

Il mitico alzabandiera di Iwo Jima diventa un richiamo all’industria petrolifera, mentre le moto della serie uscita il 7 agosto 2006 sono trasformate in... insetticicli. Ecco serviti alcuni degli “antifrancobolli” di Steve Smith, fino al 9 aprile in mostra all’Hillsborough community college di Tampa (Florida). Dove l’ironia, l’umorismo e la parodia si applicano all’arte postale grazie al percorso “Sideshow with postage due”.

“In genere -dice il grafico- realizzo tre o quattro edizioni all’anno”, partendo da immagini lavorate al computer e stampandole su carta non gommata. La dentellatura, invece, è fatta a mano, un lato alla volta, utilizzando un vecchio perforatore Rosback a pedale. Ogni “emissione” è prodotta in alcuni esemplari, così che “i collezionisti possano avere il loro esemplare e condividerlo con gli amici”.


Il sito dell'artista
La parodia della serie per le moto di tre anni fa, paragonata alla versione originale
Apr 07 2009 - 23:32

Notizie dall'Italia

Da Ipost e sindacati altre iniziative per aiutare le vittime

Il fondo per sostenere i nati nel 2009, la devoluzione di un’ora di lavoro, lo stop alle agitazioni, la raccolta di denaro...

Il mondo postale mobilitato per il sisma

Ieri l’annuncio dei 5 milioni a fondo perduto destinati ai lavoratori e ai pensionati di Poste italiane e delle società collegate che hanno subìto danni materiali per il terremoto. Ora, gli altri dettagli da parte dell’Ipost, che ha individuato un percorso privilegiato ed un tasso inferiore a quello normalmente praticato per le domande di prestiti pluriennali finalizzate a ricostruire o a riparare le case. In più, un “bonus bebé”, riconosciuto ai bambini nati nel 2009: ammonta a 3mila euro per le famiglie monoreddito e a 1.500 per le altre, “con l’impegno -precisano dall’Istituto- a coprire tutte le domande delle famiglie abruzzesi”.

I sindacati postali, dal canto loro, fanno proprie le scelte delle segreterie nazionali. In analogia con gli interventi concordati in occasione di altre calamità naturali, Cgil, Cisl e Uil propongono di devolvere un’ora di lavoro, sollecitando i datori a fare altrettanto.

Slp-Cisl e Failp-Cisal hanno richiesto a Poste italiane di erogare in tempi rapidissimi l’anticipo del trattamento di fine rapporto a tutti i colleghi che risiedono nelle zone colpite e ne facciano domanda.

Pure la Ugl raccoglie fondi; “il ricavato sarà utilizzato per aiutare le migliaia di famiglie in difficoltà anche secondo le indicazioni che verranno dalla Protezione civile”. Al tempo stesso, la Ugl comunicazioni “per non intralciare il compito delle autorità sospende/annulla ogni eventuale forma di conflitto di lavoro nella regione, nei settori ove essa è presente”.


L'intervento dell'Ipost
Le iniziative di Poste italiane
Le prime stime dei danni
Apr 07 2009 - 17:47

Notizie da Vaccari

Terremoto, l’azienda in campo

La società ha devoluto 7mila euro per aiutare le vittime

Il logo dell’associazione Mediafriends

L’idea c’era già; il sisma non ha fatto altro che accelerare la decisione. “La nostra azienda -spiega il presidente, Paolo Vaccari- quest’anno intende devolvere una cifra analoga a quella normalmente impiegata per i regali natalizi a delle opere benefiche. Avremmo messo a fuoco i dettagli più avanti, ma quanto è successo domenica notte in Abruzzo ci ha indotto a prendere già ora delle decisioni”.

Oggi pomeriggio l’azienda di filatelia e editoria ha versato 7mila euro in favore di Mediafriends, la onlus costituita dalle società Rti, Mondadori e Medusa che persegue obiettivi di solidarietà sociale. Contribuiranno a finanziare gli interventi per aiutare i sopravvissuti al sisma e per ricostruire gli abitati.

“È un’iniziativa in più -prosegue Paolo Vaccari- che si aggiunge a quelle che già facciamo periodicamente. Da tempo, ad esempio, avevamo annunciato che sosterremo l’associazione di clownterapia “Viviamo in positivo”, raddoppiando l’importo che un determinato lotto nella nostra asta del 18 aprile, il n.928, registrerà”.


L’iniziativa
Il lotto dell’asta che permetterà di aiutare i volontari di “Viviamo in positivo”
La ricevuta del versamento effettuato oggi pomeriggio da Vaccari srl
Apr 07 2009 - 15:13

Notizie dall'Italia

Solidarietà sì, ma a pagamento

Poste italiane attiva supporti volti a raccogliere fondi, ma le tariffe per i trasferimenti rimangono le solite. Intanto, L’Aquila è stata raggiunta da cinque tir; domani in funzione i dieci uffici mobili

Come annunciato ieri sera, la Regione Abruzzo ha visto diventare operativo il conto corrente postale attraverso il quale vengono raccolti i contributi utili ai soccorsi e alla ricostruzione. È il n°10.400.000, intestato a “Poste italiane per l’Abruzzo” (Iban: IT-03-U-07601-03200-000010400000). Il costo del versamento, però, è quello di sempre: 1,10 euro, che scende a 0,50 se si utilizza il postagiro tradizionale o on-line, mentre è gratuito per il “Conto bancoposta click”.

Dai servizi tradizionali alla telefonia. Accanto ai concorrenti, nella gara di solidarietà partecipa Poste mobile, che ha attivato il numero 377.20.48.580. Utile per predisporre bonifici (nel caso la propria “sim” sia associata ad un conto Bancoposta o ad una carta prepagata “Postepay”) o, inviando un “sms”, per devolvere 1,00 euro (il costo dipende dal proprio operatore, nel caso sia Poste mobile è gratuito).

Intanto, questa mattina cinque tir di Poste italiane hanno raggiunto L’Aquila per consegnare migliaia di tende in cui ospitare i senzatetto.

Da domani i dieci uffici postali mobili inviati nel capoluogo abruzzese e negli altri centri colpiti dal terremoto saranno operativi, dopo essere stati posizionati vicino alle tendopoli.


L'annuncio di ieri sera
L'Aquila raggiunta questa mattina dagli automezzi di Poste italiane
Apr 07 2009 - 14:36

Emissioni Italia

Con la Svizzera questa volta è andata meglio

Il francobollo per la Camera di commercio che, da Zurigo, agevola i rapporti bilaterali, riproduce correttamente la bandiera elvetica. Non come tre anni fa...

Il francobollo del 2006 con la bandiera elvetica rettangolare e non quadrata

Questa volta, la bandiera elvetica è citata nel formato quadrato, così come vuole il protocollo. Roma ha fatto tesoro della gaffe precedente, quando l’aveva trasformata in rettangolare per una questione di simmetria. Successe con il francobollo per il centenario del traforo sotto al Sempione, uscito il 18 marzo 2006.

Adesso il drappo, ripreso più volte, figura insieme al logo dell’anniversario e, ancora una volta, al Tricolore nel dentello atteso per il 2 maggio. Non per il 9 come era stato detto. Vale 60 centesimi (non era meglio 65, tariffa per l’Europa e per il Mediterraneo, quindi valevole anche per il Paese d’oltralpe?) e celebra il secolo della Camera di commercio italiana per la Svizzera.

Con sede a Zurigo, l’associazione ha contribuito a sviluppare le relazioni economico-commerciali bilaterali; oggi conta circa 800 soci. “Il suo compito principale -precisano dal sodalizio- consiste nell’assistenza alle imprese dedite all’interscambio” tra l’Italia, la Svizzera ed il Principato del Liechtenstein. È aperta ad ogni assistenza agli operatori economici, avvalendosi delle strutture specialistiche e del know-how acquisiti.

L’annullo sarà impiegato allo spazio filatelia di Roma, mentre il bollettino illustrativo, in modo inconsueto, verrà firmato da un rappresentante di una realtà straniera: è il segretario generale dell’organizzazione, Andrea Lotti.


La Camera di commercio italiana per la Svizzera
L'emissione per il traforo del Sempione
La nuova carta valore: uscirà il 2, non il 9 maggio
Apr 07 2009 - 09:05

Appuntamenti

Doppia personale per la donna

Entrambe le collezioni, dovute ad Anna Maria Zanutto, sono esposte a Treviso: una all’Archivio di stato, l’altra alla Filatelia trevisana

Il francobollo romeno per la minigonna

Pensare che il tema, generalmente inteso, non la entusiasmava più di tanto. Se non fosse stato per la moda e per la voglia di approfondire, due tra le sue passioni, la doppia mostra a Treviso magari non ci sarebbe stata. È andata diversamente, ed ora lo ammette: “Sono tre mesi -commenta l’autrice delle due personali, Anna Maria Zanutto- che non dormo per realizzarle”.

L’impostazione si ispira ai regolamenti tematici, anche se -precisa- non vuole esporre a concorso. “Scrivo a mano, mi faccio i fogli da sola e alcuni giurati non lo gradiscono. Quello che importa, però, è che mi diverta, sviluppando i vari argomenti”. E tutto è documentato, scrupolosamente annotato. “Ho cominciato a collezionare francobolli l’1 maggio 1960”. Prima li classificava per Stati, poi ha sviluppato altri approcci. Come raccolta tradizionale ha continuato soltanto con il Regno Unito e adesso il resto le è servito per creare i due nuovi studi.

Fino al 24 aprile, grazie alla Federazione italiana donne arti professioni affari, l’Archivio di stato cittadino (via Pietro di Dante 11, orari da lunedì a venerdì 8.30-19; sabato 8.30-13.30) ospita il primo lavoro, intitolato genericamente “Donne”. Una sintesi di 72 fogli per esaminare la figura femminile nella filatelia. Partendo dal primo francobollo che, com’è noto, raffigura la regina Vittoria, attraverso le manifestazioni, il suffragismo, i diritti, le ricorrenze, i premi Nobel, l’impegno nei vari campi... Fino ad arrivare al ruolo di Audrey Hepburn e Marilyn Monroe: la prima vista principalmente come ambasciatrice dell’Unicef, la seconda come esempio di persona sfruttata.

Oggi, invece, si apre la seconda tappa: 50 fogli in mostra fino al 9 maggio presso la Filatelia trevisana (via Orioli 8, visitabile da martedì a sabato negli orari 9-12.30 e 15.30-19.30). L’argomento è più specifico: “La donna la moda”. “In questo caso -prosegue l’autrice- ho puntato sull’effimero: la nascita dall’alta moda, il vestirsi nei decenni, gli sviluppi, il made in Italy, i personaggi e così via”. Permettendo di scoprire persino delle curiosità. Il francobollo britannico dedicato alla minigonna uscito all’inizio dell’anno, ad esempio, è stato proceduto da un 31.000 lei proposto il 31 marzo 2004 dalla Romania. La differenza è che uno ha fatto scalpore, l’altro no.


L’Archivio di stato di Treviso
Una delle precedenti esposizioni alla Filatelia trevisana
La serie britannica sul design
Apr 07 2009 - 01:48

Dall'estero

Consiglio d’Europa, il saluto da Andorra la Vella e Madrid

L’istituzione venne fondata il 5 maggio 1949. Non molti, almeno per ora, i Paesi che si sono prenotati per le celebrazioni dentellate

Avrebbe dovuto farlo anche l’Italia, ma all’ultima seduta della Consulta si decise di accantonare l’idea per dedicare un francobollo alle elezioni del Parlamento Europeo, che al momento attuale appaiono decisamente trascurate persino a livello postale.

Così, i sessant’anni del Consiglio d’Europa, fondato il 5 maggio 1949, passeranno sostanzialmente inosservati, almeno a sud delle Alpi. Ma non che le cose vadano meglio a nord della catena montuosa. Ieri sono arrivati gli omaggi di Andorra Spagnola, presente con un 32 centesimi, e della Spagna, che firma un taglio da 62. Scelta quasi obbligata quella di Madrid, visto che il Paese iberico è l’attuale presidente di turno dell’istituzione. Entrambe le immagini, piuttosto simili, richiamano il logo ufficiale scelto per l’anniversario.

Tra gli altri Paesi che interverranno figurano Francia e Romania, le cui emissioni sono previste per il mese prossimo.


Le decisioni dopo l'ultima seduta della Consulta italiana
Il Consiglio d'Europa
I due francobolli, piuttosto simili
Apr 06 2009 - 23:25

Notizie dall'Italia

Anche l’Aicam partecipa alla raccolta fondi

Alle vittime del terremoto destinati 500 euro: la cifra equivale all’incasso complessivo per l’aumento della quota deciso nel 2009

I soci dell’Aicam? Appassionati di affrancature meccaniche, della buona tavola e di qualche ora passata in compagnia, come ancora una volta ha dimostrato, due settimane fa, il raduno di Sasso Marconi.

Pronti, però, ad intervenire quando succede qualcosa di grave. È accaduto, ad esempio, con l’alluvione in Piemonte del 1994, il terremoto in Umbria e Marche del 1997, lo tsunami in Estremo Oriente del 2004. E si ripete ora: questa sera il sodalizio ha deciso di destinare 500 euro ai terremotati dell’Abruzzo.

“Ci rendiamo conto -precisa il presidente dell’Aicam, Paolo Padova- che l’importo è modesto, ma rappresenta un contributo ed una testimonianza. Come previsto dal nostro statuto, ogni anno devolviamo il 5% delle quote a scopo benefico. Dopo le notizie susseguitesi oggi, il consiglio direttivo ha deciso di impegnare una somma supplementare per aiutare le vittime del sisma”.

La cifra stanziata rappresenta il maggiore incasso ottenuto dall’aumento delle quote per il 2009.


La manifestazione di Sasso Marconi
L'iniziativa dei meccanofili dopo lo tsunami
I simbolici palloncini lanciati dai soci Aicam due settimane fa
Apr 06 2009 - 19:46

Notizie dall'Italia

Il monitoraggio dalla sede di Roma

Oggi 53 uffici sono rimasti chiusi a causa del sisma. Poste ha inviato sul campo venti specialisti e dieci uffici mobili. Decisa la costruzione di prefabbricati. Dall’Ipost le prime risorse

Mentre il bilancio delle vittime si fa sempre più pesante (in questo momento si parla di almeno 100 morti), Poste italiane ha inviato all’Aquila una task force formata da venti tecnici e ha deciso l’impiego di dieci uffici postali mobili. Saranno installati, inoltre, moduli prefabbricati che ospiteranno le sedi lesionate o distrutte.

Dei 547 uffici esistenti, oggi 53 sono rimasti chiusi per via dei gravi danni provocati dal sisma.

Una unità di crisi è riunita in modo permanente a Roma, così da calcolare l’impatto dell’evento sulle proprie strutture presenti nel capoluogo abruzzese e nei comuni vicini. È stata assegnata massima priorità al completo ripristino dell’ufficio di Coppito, il centro alle porte dell’Aquila dove la Protezione civile ha stabilito la propria sede operativa.

In corso la verifica sugli sportelli automatici postamat per il prelievo di contante.

In campo è sceso anche l’Istituto postelegrafonici, ora guidato dal commissario straordinario Rino Tarelli. L’Ipost -segnala l’Adnkronos- ha deciso “di stanziare immediatamente risorse per assicurare un contributo economico a quanti tra gli associati in servizio o in pensione hanno avuto l’abitazione distrutta”. L’importo darà vita ad un fondo pari a cinque milioni.

Intanto, la macchina della solidarietà si muove, ad esempio organizzando collette attraverso conti correnti postali, nei quali va specificata la causale “Terremoto Abruzzo”. Tra le organizzazioni già mobilitate, la Caritas italiana (via Aurelia 796, 00165 Roma, ccp 347.013) e la Croce rossa (via Toscana 12, 00187 Roma, ccp 300.004). Da domani sarà attivo il conto 10.400.000, richiesto dalla Regione.


I primi dettagli di questo pomeriggio
La control room di Roma
A Roma la centrale operativa di Poste italiane
Apr 06 2009 - 18:06

San Marino

“Shanghai 2010” cambia il palazzo

Il monte Titano costretto a modificare il francobollo con l’omaggio alla manifestazione. Di conseguenza, slitta la data di uscita: dal 14 aprile all’8 maggio

Resteranno a bocca asciutta i collezionisti di San Marino: l’intera infornata di quattro emissioni attesa per il 14 aprile subisce un rinvio all’8 maggio.

Il motivo è il rifacimento del francobollo per “Shanghai 2010”: mentre il panorama proposto nel bozzetto originario non cambia, a mutare è soprattutto l’ingrandimento posizionato in alto a destra. Non rappresenta più il Ren people’s building, ma il padiglione della Repubblica Popolare Cinese, ispirato alle antiche costruzioni in legno locali.

Rivista pure la tiratura, che passa da 100mila a 180mila pezzi.


I dati del francobollo ed il quadro delle emissioni ora rinviate
Le due versioni a confronto; sopra quella definitiva
Apr 06 2009 - 16:20

Notizie dall'Italia

Terremoto - Il 90% degli uffici funziona

Domani verranno attivati i punti mobili

Il francobollo da 30 lire con il castello dell'Aquila

Mezza giornata dopo il terribile sisma che ha colpito l’Abruzzo è possibile una stima iniziale dei danni, anche da parte di Poste italiane.

Il 90% degli uffici postali presenti nella regione risulta funzionare regolarmente. L’azienda -precisa una nota- sta procedendo al ripristino dei collegamenti per i punti al momento non funzionanti.

I primi interventi sono concentrati a Coppito, situato nella zona scelta come sede dalla Protezione civile. “Sono stati predisposti anche speciali uffici mobili che saranno operativi già da domani”.

Finora i morti sarebbero oltre 50 e almeno 1.500 le persone ferite. Senza contare i danni al patrimonio immobiliare. Tra gli edifici storici danneggiati figura il castello dell’Aquila, che ospita il Museo nazionale d’Abruzzo. Venne citato attraverso il 30 lire uscito il 20 agosto 1981 nell’ambito della serie ordinaria.


Apr 06 2009 - 09:23

Libri e cataloghi

Si decide il francobollo per la Repubblica romana

Era il 6 aprile 1949: la nota tra gli appunti di Giulio Andreotti editi da Rizzoli

Il 100 lire per la Repubblica romana

Sottotono, almeno a livello postale, il 60° anniversario del Patto atlantico, sottoscritto il 4 aprile del 1949 a Washington anche dall’Italia. “Giorno storico” lo definisce Giulio Andreotti in “1949 L’anno del Patto atlantico”, ma in Consiglio dei ministri, già due giorni dopo, si parla d’altro. Ad esempio, occorre “puntare di più sul turismo che sull’industria, dove la concorrenza internazionale sarà sempre più difficoltosa per noi”.

Nella stessa seduta -proseguono gli appunti del senatore a vita, editi da Rizzoli- “c’è da emettere un francobollo commemorativo del primo centenario della Repubblica romana. Nessuno ha eccepito”.

Il decreto presidenziale arriverà tre giorni dopo, il francobollo il 18 maggio, restando in corso sino al 31 dicembre successivo. Prodotto in un milione di esemplari, propone la villa del Vascello presso porta San Pancrazio, dove le truppe garibaldine resistettero ai francesi. A farsi notare, però, è un altro dettaglio: il valore nominale, pari a 100 lire. Anche in tempi di inflazione, una bella cifra, visto che il porto base per l’interno era di appena 20 lire. Diventerà uno dei francobolli chiave di tutta la Repubblica.

Tornando al Patto atlantico, sabato è uscita una sottolineatura dentellata croata. Vale 8 kune e celebra l’ingresso nella Nato, avvenuto due giorni fa insieme all’Albania. Fonti giornalistiche indicano un’analoga iniziativa proveniente da Tirana.


La pagina web della Nato con i Paesi membri (anche in inglese e francese)
Il francobollo croato uscito sabato per l'ingresso nella Nato
Apr 06 2009 - 00:47

Dall'estero

Crema per la validità permanente

Dopo tre anni, Monaco sostituisce il francobollo senza tariffa esplicitata. A distinguere le versioni è il colore dello sfondo

La versione del 2006

Dal bianco al crema: cambia così il francobollo monegasco a validità permanente, da oggi in vendita a 70 centesimi e buono per spedire una lettera di peso inferiore ai 20 grammi nei Paesi Ue o in Svizzera.

La nuova versione offre ancora una volta lo stemma della famiglia Ranieri, però con lo sfondo giallino. Sostituisce la precedente, caratterizzata dal campo bianco, uscita il 6 aprile 2006 nel primo anniversario della salita al potere di Alberto II, e da sabato scorso ritirata dalla vendita. All’epoca del debutto era commercializzata a 55 centesimi.

Ancora precedenti sono le tirature con il blasone su tinta verde (12 luglio 2005, prezzo iniziale 0,48 euro) e rossa (2 dicembre 2000, 3,00 franchi). Tutte sono adesive e confezionate in libretti da dieci pezzi.


Il carnet di quella attuale
Apr 05 2009 - 02:24

Libri e cataloghi

L’ultimo lavoro di Fortunato Marchetto

È la seconda edizione dello studio riguardante carta bollata e marche da bollo di Lombardo-Veneto, aggiornata ed integrata con le produzioni per i Kronland

Dice tutto il titolo, “Carta bollata e marche da bollo del Regno Lombardo Veneto e dei Territori italiani passati all’Impero Austriaco - 1813-1871 con valutazioni”. È l’ultimo lavoro di Fortunato Marchetto, che -dopo oltre vent’anni di collaborazione con Vaccari srl- non ha potuto vedere l’esito della propria fatica poiché scomparso mentre lo studio era in stampa.

“Questa seconda edizione -scrive l’autore nella pagina introduttiva- è stata indirizzata alla ricerca ed allo studio degli usi della carta bollata e delle marche da bollo dell’austriaco Regno Lombardo-Veneto e anche di quelle in uso nei Territori italiani, passati direttamente dal Regno d’Italia napoleonico all’Impero Austriaco, dal novembre 1813 al 1871”. Dopo la sconfitta delle armate francesi, nel Regno di Sardegna, in Lombardia e nel Veneto per qualche tempo venne impiegata la carta bollata precedente, almeno fino a quando non fu predisposta quella aggiornata.

Organizzato in 280 pagine in bianco e nero (28,00 euro), riprende il catalogo uscito nel 2001. Rispetto a questo, offre i prezzi in euro, ma le integrazioni più vistose sono a livello editoriale, con gli aggiornamenti ed una riorganizzazione dell’insieme. Nuova è poi la parte dedicata ai Kronland, dove si ragionava in carantani e fiorini. Erano i territori periferici del Lombardo-Veneto e da questo staccati durante il Congresso di Vienna del 1815 per essere attribuiti direttamente all’Impero Austriaco.

Fortunato Marchetto è stato il creatore della “fiscalfilia”, specialità che abbraccia, fra l’altro, la storia fiscale e quella filatelica.


La scheda e l’indice
Libri e saggi di Fortunato Marchetto
La scomparsa dell’esperto
Copertina e controcopertina
Apr 04 2009 - 22:17

Appuntamenti

A Luigi Maria Impallomeni il “Pantani”

Il premio, firmato dall’Aspot, attribuito nell’ambito della manifestazione di Empoli

Luigi Maria Impallomeni

“Da tempo appassionato collezionista, ha esordito quale organizzatore di manifestazioni filateliche in occasione del 150° anniversario dell’emissione dei francobolli granducali, profondendo da allora -noncurante dei sacrifici- il proprio entusiasmo in convegni e manifestazioni connesse, che ogni anno costituiscono la più importante iniziativa del settore nella regione, ponendo con questo la Toscana ai primi posti nell’impegno per la diffusione della filatelia e restituendole l’importante ruolo svolto in buona parte del ‘900”.

È la spiegazione principale con cui questa sera il consiglio direttivo dell’Associazione per lo studio della storia postale toscana (presidente Roberto Monticini, vicepresidente Alessandro Papanti, segretario Leonardo Amorini, consiglieri Giovanni Guerri e Lorenzo Veracini) ha attribuito a Luigi Maria Impallomeni il premio “Piero Pantani” per il 2009.

Oltre a queste proficue attività -prosegue il commento- “ha sviluppato il proprio impegno nella ricerca e nel collezionismo, giungendo a porsi in breve tempo fra coloro che rappresentano nel modo migliore la storia postale toscana a livello internazionale”.

La cerimonia si inserisce nel complesso di “Toscana 2009”, l’appuntamento ospitato ad Empoli (Firenze) presso il palazzo delle Esposizioni. Sarà visitabile ancora domenica, dalle 9 alle 14.


I dettagli su “Toscana 2009”
Apr 04 2009 - 18:31

Notizie dall'Italia

Pioggia di annulli in vista della Pasqua

Domani in quattro località sarde sarà citata la domenica delle Palme. Per tutto il mese uova obliteranti agli spazi filatelia

Manca ancora una manciata di giorni a Pasqua, ma le sottolineature marcofile annunciate sono già numerose: una quindicina, senza contare le probabili code.

In Sardegna gli uffici postali saranno mobilitati già domenica delle Palme, con i manuali impiegati a Bono e Pozzomaggiore (entrambi in provincia di Sassari), Monti e Oschiri (Olbia-Tempio)

La Settimana santa, invece, verrà ricordata giovedì a Sessa Aurunca (Caserta), venerdì ad Arce e Castrocielo (Frosinone) nonché a Trapani. Non mancherà la contestuale sottolineatura per la “Via crucis” di Roma, cui parteciperà Benedetto XVI. Lunedì dell’Angelo toccherà ad Orsogna (Chieti).

Fin qui, i richiami principalmente religiosi e tradizionali. Per tutto il mese di aprile, invece, i quattro spazi filatelia di Milano, Napoli, Roma e Venezia avranno a disposizione un annullo, identico e raffigurante un uovo augurale.


Alcuni dei manuali in uso in questi giorni
Apr 04 2009 - 11:34

Dall'estero

Nel Regno Unito tornano gli automatici

Cinque, corrispondenti alle principali tariffe, le combinazioni disponibili. Le macchine prodotte dalla Wincor-Nixdorf

Royal mail distratta dal “G20” ospitato a Londra? Probabile, perché solo con ritardo -contrariamente alle abitudini- presenta la serie “Post & go”. E non si tratta di una notizia di secondaria importanza: dopo il saggio del 1984 realizzato con la Frama e rapidamente accantonato, ora Londra rilancia le macchine automatiche. Prodotte dalla Wincor-Nixdorf (realtà attiva anche in Italia), sono state installate in alcuni uffici postali, cominciando nell’ottobre scorso da Bristol.

Il periodo sperimentale è stato superato positivamente e il progetto viene applicato su larga scala. Adesso gli apparecchi sono 54, ma l’obiettivo è implementarne il numero. Permetteranno al pubblico di acquistare quanto desiderato senza fare la fila allo sportello.

Sin dall’inizio impiegano speciali francobolli in cinque versioni diverse, equivalenti alle tariffe più comuni: prima classe normale e ingombrante, Europa fino a 20 grammi, resto del pianeta fino a 10 e fino a 20 grammi. I prezzi di vendita sono rispettivamente 36, 52, 50, 56 ed 81 pence, ma da lunedì aumenteranno a 39, 61, 56, 62 e 90 pence.

Il soggetto è la solita testa di Elisabetta II interpretata da Arnold Machin, che sostanzialmente circola immutata dal 1967. Il formato, però, è rettangolare e il disegno è applicato su un tappeto di sicurezza con il richiamo, stile onda, alle Poste britanniche.


La Wincor-Nixdorf (sito in inglese e tedesco)
Le cinque versioni del francobollo e uno degli apparecchi che li distribuisce
Apr 04 2009 - 01:21

Smom

Il “grand tour” alle Poste magistrali

Nuova tappa della serie dedicata agli antichi costumi e alle tradizioni

Il direttore delle Poste magistrali, Marcello Baldini

Non solo l’ordinaria per fra Matthew Festing. Il 20 aprile lo Smom arriverà con altre due serie. Fra cui la “Antichi costumi e tradizioni”, che già annovera tre tappe uscite in passato, l’ultima il 16 ottobre 2006.

I soggetti sono tratti da gouache raffiguranti costumi regionali, databili tra la fine del XVIII e gli inizi del XIX secolo.

“L’usanza delle gouache -spiega a «Vaccari news» il direttore delle Poste magistrali, Marcello Baldini- risale al periodo in cui il «grand tour» era di moda. I ricchi viaggiatori raggiungevano Roma, Napoli e i dintorni. Attorno a loro si formava un gruppo di pittori specializzati in vedute e costumi; i loro lavori erano molto apprezzati, e venivano acquistati come souvenir”.

Nel caso specifico, i soggetti dell’emissione riguardano Terra di Lavoro (francobollo da 1,50 euro), Aquila, Abruzzo, Ultra (2,00 euro) e Basilicata (2,20). I fogli sono da dodici, la tiratura è pari a 12mila serie.


L'ordinaria per fra Matthew Festing
“Antichi costumi e tradizioni”, la serie 2006
La serie con le gouache prodotte per i turisti d'antan
Apr 03 2009 - 20:41

Notizie dall'Italia

Incentivare i dipendenti, fidelizzare i clienti

L’Italia del Nord interessata da due iniziative sperimentali: la prima per il ritiro a domicilio della corrispondenza, la seconda per agevolare un’indagine di mercato

Il portalettere è il mezzo con cui avvicinare potenziali utenti per nuove prestazioni

Sviluppare i contatti già esistenti, così da proporre un maggior numero di prodotti. Anche tenendo presente la prossima liberalizzazione del mercato.

È da queste premesse che nascono le iniziative sperimentali di incentivazione, messe a punto da Poste italiane e rivolte al personale interno, prevedendo un riconoscimento economico in funzione dei risultati.

Come quella che interessa le province di Padova, Rovigo e Verona. Riguarda “Posta pick up”, il supporto per il ritiro a domicilio della corrispondenza da spedire, ma nella versione “light”, che ha come obiettivo indurre il consumatore alla prova del servizio e fidelizzarlo al suo impiego. L’offerta è rivolta a piccole e medie imprese o a professionisti con volumi bassi e non affrancati di corrispondenza, quantificabile fino a due chili di posta ordinaria, raccomandata, assicurata od atti giudiziari. In cambio, il diretto interessato paga 35,00 (con passaggio a giorni alterni) o 65,00 euro (quotidiano) al mese. L’esperimento si svolgerà dal 6 aprile al 31 luglio coinvolgendo 80 portalettere.

Da lunedì 6 al 16 o al 21 aprile, a Brescia e Milano, verrà introdotta un’altra promozione, “Sales link”. Il primo cliente a saggiarlo è “Il sole 24 ore”, interessando 700 postini. Questi ultimi dovranno consegnare a circa 7.000 clienti abbonati al quotidiano economico un questionario di “customer satisfaction”, illustrandone brevemente il contenuto. A distanza di qualche giorno ritorneranno per ritirarlo compilato.


Il servizio “pick up”
Apr 03 2009 - 10:46

Notizie dall'Italia

Uicos - Maurizio Tecardi presidente per altri quattro anni

Confermato l’intero gruppo di lavoro uscente, ora si guarda ai prossimi appuntamenti

L'ultimo numero di “Phila-sport”

Squadra vincente non si cambia? È andata così per la squadra filatelica per antonomasia, quella cioè che fa capo all’Unione italiana collezionisti olimpici e sportivi. I cui circa duecento soci hanno confermato per altri quattro anni alla presidenza Maurizio Tecardi, mentre come vice figura Pierangelo Brivio, segretario Pasquale Polo e tesoriere Alfiero Ronsisvalle. In consiglio siedono, inoltre, Luciano Calenda, Gianni Galeotti e Stefano Meco.

Intanto, si lavora alle prossime iniziative. La 14ª Fiera mondiale del collezionismo sportivo questa volta si terrà tra il 27 ed il 29 maggio a Varsavia, così da festeggiare il 90° anniversario del Comitato olimpico nazionale. Gli azzurri saranno rappresentati con due collezioni calcistiche, dovute a Pierangelo Brivio e Stefano Meco, e da una sulla palla ovale di Pasquale Polo: “Football history”, “Italia 90”, “Il gioco della città di Rugby”.

L’impegno maggiore, però, è concentrato su Pescara, che dal 26 giugno al 5 luglio ospiterà i XVI “Giochi del Mediterraneo”, sostenuti da un’emissione italiana ed un’altra sammarinese. L’Unione organizzerà una mostra ad invito e uscirà con un numero unico dedicato alla storia della manifestazione. Intitolato, appunto, “I giochi del Mediterraneo”, verrà predisposto da Luciano Calenda e Pasquale Polo.

Senza dimenticare “Italia 2009”, sulla quale interviene il presidente, Maurizio Tecardi. “Numerosi sono stati, stando alle informazioni in mio possesso, gli iscritti all’Uicos che hanno chiesto ufficialmente di partecipare. Mi auguro che tutti vengano accettati e che tutti possano fare bella figura”.

Quadro economico e giudizio dei soci alla mano, il trimestrale interno, “Phila-sport”, resterà a colori: i due numeri di prova usciti finora nella nuova veste hanno superato l’esame e convinto dello sforzo.


Un momento dell'assemblea, svoltasi nella cornice di “Milanofil”
Se ricevete questa mail è perché vi siete iscritti a Vaccari news
Per ISCRIVERSI, CANCELLARSI o MODIFICARE l'indirizzo email basta collegarsi qui http://www.vaccari.it/_ISCRIVITIVNEWS

Copyright © 2019 - 2003 Vaccari srl - tutti i diritti riservati
registrazione Tribunale di Modena n. 1854 del 4 dicembre 2007
direttore responsabile Fabio Bonacina
Tutto il contenuto di questa newsletter, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati. Redazione: info@vaccari.it

VACCARI srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel. (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157