Siamo lieti di inviarle le notizie diffuse nell'ultima settimana da "Vaccari news".
Se desidera conoscerle in tempo reale, in qualsiasi momento può visitare la pagina www.vaccarinews.it, dove può trovare gratuitamente anche:

  • i programmi aggiornati di Italia, San Marino, Vaticano e Smom;
  • l'archivio di tutte le informazioni che abbiamo diffuso nel tempo (è possibile fare ricerche sia in ordine cronologico, sia per parola chiave, sia per area);
  • i comunicati diramati alla stampa;
  • l'elenco dei prossimi appuntamenti (mostre ed eventi).
Buona lettura
Lo staff di "Vaccari news"

Lug 20 2018 - 00:18

Notizie da Vaccari

Alla ricerca tra i lotti

È quanto propone la società Vaccari riferendosi agli invenduti dell’ultima asta: il materiale resterà disponibile al prezzo base sino al 3 settembre

Dittatura di Garibaldi...

Sorpresa pre vacanziera dalla società Vaccari. Gli invenduti dell’asta svolta in sede il 23 giugno non torneranno immediatamente ai proprietari, ma resteranno a disposizione ancora fino al 3 settembre.

“Questo vuol dire -spiegano dagli uffici di Vignola (Modena)- che si avrà più tempo per esaminare il disponibile ed eventualmente prenotarlo, sempre all’importo base cui aggiungere le spese postali. Ovviamente, trattandosi di oggetti unici, li potrà acquistare chi li ordinerà per primo. Il discorso vale anche quando saremo chiusi per le ferie: le richieste saranno evase alla riapertura, tenendo presente l’ordine di arrivo”.

“Siamo sicuri che ognuno potrà trovare qualcosa di interesse, dagli Antichi Stati alla Repubblica, dalla posta aerea ai cosmogrammi, senza scordare le collezioni intere. Buona ricerca!”.


Il materiale disponibile ad ora
...Ducato di Modena e “Crociera aerea dell’Atlantico” (lotti 157, 109 ed 822): ancora diverse le possibilità di acquisto alla base
Lug 19 2018 - 18:27

Dall'estero

Al via la nuova ordinaria di Francia

Oggi la presentazione ufficiale con un lavoro -dovuto alla graffitara Yz- alto come una casa; i primi francobolli dal 23 luglio

Il francobollo e lo slogan

“Una donna forte, moderna e determinata”. Così La poste ha presentato il soggetto della nuova ordinaria di Francia -non a caso definita “Marianna l’impegnata”- che caratterizzerà i prossimi anni, perlomeno quelli per i quali alla Presidenza della Repubblica siederà Emmanuel Macron.

È stato lui stesso ad averla tenuta a battesimo oggi, di certo in modo originale. Non all’Eliseo togliendo il drappo da un semplice ingrandimento, ma recandosi a Perigueux dove l’opera, rifatta per l’occasione, campeggia enorme (misura all’incirca 16x11 metri) sul muro di un edificio. Autrice risulta la graffitara Yz: è emersa fra una trentina di artisti rinomati o comunque promettenti, i cui lavori sono stati selezionati ed otto portati dal capo dello Stato, il quale ha effettuato la scelta finale.

“La donna rappresentata sembra spinta da un impulso, un desiderio di agire per spostare i riferimenti. Trae la bellezza dal suo coraggio, dalla sua indipendenza, dalla sua energia”, commenta l’artefice.

Ad incidere l’immagine per le cartevalori è stata Elsa Catelin. Insomma -sottolineano da Parigi- questa volta, ed è la prima nella storia della serie, vi hanno lavorato due donne! I tagli debutteranno il 23 luglio.

Sempre oggi Macron ha visitato la stamperia che l’operatore ha a Boulazac.


L’autrice (sito in francese)
Il debutto, più tradizionale, della precedente ordinaria
Street art: tra le ormai tante citazioni, quelle del Belgio
La casa di Perigueux su cui compare l’opera, dovuta ad Yz e svelata oggi
Lug 19 2018 - 16:12

Emissioni Italia

“Una mattina di marzo del 1898”...

È in questo modo che, nel bollettino illustrativo, il commissario straordinario Roberto Fabbricini evoca la nascita della Figc. Emesso oggi il francobollo

È triste dirlo ma, ancora una volta, vecchio è bello. Nel caso specifico: i francobolli del 19 maggio 1973 -peraltro non particolarmente entusiasmanti- attirano di più l’occhio di quello emesso oggi. Protagonista è il sodalizio che -carte alla mano- ancora adesso si chiama Federazione italiana giuoco calcio. Allora venne ricordato a tre quarti di secolo dalla fondazione ed ora nel centoventesimo anniversario.

“Una mattina di marzo del 1898, alcuni pionieri si riunirono in un emporio di Torino e diedero inizio ad una storia grandiosa: la storia della Federazione, che ha fatto del calcio lo sport degli italiani”, annota nel bollettino illustrativo il commissario straordinario della stessa Figc, Roberto Fabbricini. Essa ha accompagnato l’evoluzione del settore dai suoi albori alla dimensione globale che caratterizza l’età contemporanea, organizzandosi come l’associazione delle società e dei sodalizi di settore. Settore costituito da “una piramide dalla base amplissima, la cui vetta è rappresentata dalla maglia azzurra con le sue diciannove Nazionali di calcio maschili e femminili, di calcio a cinque e di beach soccer. Un simbolo apprezzato anche all’estero, dove è riconosciuta unanimemente come un’eccellenza tipicamente italiana. Numeri e partecipazione che vogliono dire anche responsabilità: verso i giovani prima di tutto e verso i tifosi e gli appassionati che alimentano tutti i giorni uno splendido sogno”.

La carta valore verrà enfatizzata nel pomeriggio presso lo stadio Olimpico di Roma, partecipi, fra gli altri, i presidenti del Coni Giovanni Malagò e di Poste italiane Bianca Maria Farina. Inserita nella serie “Lo sport”, è autoadesiva, stampata per ottocentomila volte e raccolta in fogli da quarantacinque. Delimitata da due bande orizzontali, riproduce il logo realizzato per il giro di boa. Si tratta di un “B”: indica il primo porto ordinario interno, equivalente a 1,10 euro. L’annullo fdc è stato appoggiato al Roma Prati, in via Mazzini 101.


L’anticipazione e le cartevalori precedenti
Il francobollo con l’annullo appoggiato al Roma Prati
Lug 19 2018 - 13:43

Appuntamenti

Posta spaziale a Spotorno

Dal 21 al 30 luglio, la cittadina ligure ospiterà la manifestazione “Scienza fantastica” con un denso programma. Non mancherà il collezionismo filatelico, grazie a Silvia Vaccari

L’annullo del 21 luglio

Una grande opportunità per divulgare elementi di scienza, spazio e fantascienza, facendo appassionare sia adulti che giovani. È quanto si propone “Scienza fantastica”, organizzata a Spotorno (Savona) dal Comune. Giunta alla sesta edizione, si svolgerà tra il 21 ed il 30 luglio.

Non mancherà la parte collezionistica. Per l’annullo speciale in uso nel giorno dell’apertura e soprattutto per la presenza, ed è la prima volta, di Silvia Vaccari; presso il suo stand alla sala convegni Palace esporrà e venderà reperti riguardanti la posta spaziale. L’obiettivo è mostrare ad un pubblico completamente nuovo ed esterno le capacità del settore di testimoniare la storia. Ampia selezione quindi di buste commemorative e volate, “con -è la sottolineatura- qualche interessante sorpresa”. Si aggiungeranno, ad esempio, i francobolli ed i foglietti di “Star wars”, omaggi ai ragazzi e tante altre attività anche dedicate all’astronauta Paolo Nespoli (sarà presente il 26 luglio) ed al pubblico che visiterà la manifestazione.

Il programma di quest’ultima conta su numerose iniziative che si terranno pure presso la Casa del turismo ed in piazza della Vittoria, al lungomare. Tra di esse, il concorso letterario (presidente di giuria il giornalista Giovanni Caprara), conferenze, proposte culturali, laboratori, osservazioni astronomiche e le mostre: quella di “Star wars” e la permanente di oggettistica. Ma non solo...


Il programma completo
Il video
Alla manifestazione, Silvia Vaccari porterà posta spaziale
Lug 19 2018 - 11:33

Libri e cataloghi

Missive spedite da un numero di matricola

Il libro “Lettere dal carcere”: in 812 pagine testimonia -attraverso il carteggio- la vita, le preoccupazioni e le speranze del recluso Nelson Mandela. La presentazione il 22 luglio

Libro epistolare

I francobolli (ad esempio quelli di Monaco, Nazioni Unite e Sudafrica segnalati ieri) ed anche il libro per Nelson Mandela. Naturalmente, a contenuto postale ed uscito nel centenario della nascita. È “Lettere dal carcere”, in Italia firmato dal Saggiatore (812 pagine con immagini pure a colori, 26,00 euro).

Per ventisette anni, l’uomo che avrebbe guidato il suo Paese fuori dal regime di segregazione razziale che lo soffocava da quasi mezzo secolo non è stato altro che una sigla: un anonimo numero di matricola che identificava un prigioniero come tanti in una delle strutture di pena. Eppure proprio in quelle celle, nel silenzio dell’isolamento, nella fatica dei lavori forzati, ha preso forma il mito che avrebbe sgretolato il sistema di oppressione dell’élite bianca. Il carteggio -commentano dalla casa editrice- rappresenta “un documento fondamentale del Novecento. La testimonianza unica e in presa diretta della determinazione, delle difficoltà e della fede nel progresso di una delle grandi icone politiche del nostro tempo”. Dal primo, durissimo periodo, quando gli era consentito di scrivere una sola missiva di cinquecento parole ogni sei mesi, agli scambi con le grandi personalità internazionali; dalle umiliazioni, vessazioni e privazioni di Robben island (non gli fu permesso di partecipare al funerale della madre e nemmeno a quello del figlio Thembi), alle struggenti parole d’amore e lotta inviate alla moglie Winnie, anche lei attivista ed anche lei rinchiusa in galera.

Si parlerà del volume alle ore 21 di domenica 22 luglio a Fiorenzuola d’Arda (Piacenza), presso l’ex Macello di largo Gabrielli. Titolo della serata condotta da Luigi Manconi e Seba Pezzani, “Nelson Mandela. L’uomo, l’attivista, il carcerato”.


I francobolli emessi ieri da Monaco...
...Nazioni Unite...
...Sudafrica
Lug 19 2018 - 09:02

Notizie dall'Italia

Giuseppe Conte versione marcofila

Il presidente del Consiglio avvicinato al settore nel tardo pomeriggio di ieri, durante la festa per i vent’anni della Polizia postale e delle comunicazioni

Da vent’anni

Dopo il ministro ad Infrastrutture e trasporti, Danilo Toninelli, è stato il turno del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Nel tardo pomeriggio di ieri, anche lui si è avvicinato al mondo degli annulli speciali, nel caso specifico supportato, tra l’altro, dalla presidente di Poste italiane Bianca Maria Farina. L’occasione è stata offerta dai due decenni raggiunti dalla Polizia postale e delle comunicazioni.

L’appuntamento, “Venti digit@li”, si è tenuto a Roma presso il palazzo La lanterna. Ricordata dal principio la storia della specialità, quando svolgeva servizi di vigilanza presso gli uffici postali e di scorta ai furgoni blindati delle Poste o ai vagoni ferroviari, durante il trasporto di denaro e valori. Per arrivare al 1998, anno in cui è stata trasformata, approfondendo la prevenzione e la repressione dei reati informatici ed il contrasto al cybercrime in tutte le sue forme. “Dobbiamo ringraziare -ha detto il capo della Polizia, Franco Gabrielli- chi vent’anni fa ebbe l’intuizione di innovare”.


Il debutto del ministro Danilo Toninelli
Polizia postale e delle comunicazioni: l’annullo per il giro di boa
Lo scatto della cerimonia marcofila, pubblicato ieri sera
Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, alla celebrazione (foto: palazzo Chigi)
Lug 19 2018 - 00:48

Dall'estero

Errore costato oltre 3,5 milioni di dollari

È l’esito di una causa che ha opposto Usps all’autore della Statua della Libertà di Las Vegas, la cui immagine è stata impiegata per sbaglio in un francobollo come se fosse quella di New York

Il francobollo contestato

Un banale scambio di immagini, che dovrebbe costare all’operatore postale degli Stati Uniti, Usps, oltre 3,5 milioni di dollari. È quanto ha deciso il giudice Eric Bruggink dopo la vicenda nata l’1 dicembre 2010 e rivelata qualche mese dopo.

Uno dei “Forever” con la Statua della Libertà non rappresenta il celebre simbolo di New York, ma un rifacimento esistente a Las Vegas, collocato davanti ad un albergo-casinò. Così, l’artefice della copia, Robert Davidson, ha portato davanti al tribunale il Governo per aver violato i diritti di riproduzione, in quanto le due sculture appaiono differenti in diversi dettagli.

Secondo fonti giornalistiche, la carta valore, ritirata dagli sportelli nel 2014, avrebbe fruttato dalla vendita al pubblico 70 milioni.

Contattata da “Vaccari news”, l’azienda non si sbilancia, almeno per ora. “Stiamo esaminando la decisione e commenteremo se e quando opportuno”, è la risposta.


I fatti a sette anni fa
La storia, in inglese, su “Linn’s”
Lug 18 2018 - 18:04

Dall'estero

Mandela/3 Resta il simbolo

È quanto sostengono da Monaco, riferendosi alla lotta contro l’apartheid di cui fu il campione. Oggi anche il tributo del Principato

Così Monaco

La Germania, il Sudafrica, le Nazioni Unite, questi ultimi contributi esaminati nelle news precedenti... Naturalmente, il giro di boa attuale, cioè il centenario trascorso dalla nascita del premio Nobel per la pace Nelson Mandela, verrà citato anche attraverso altri francobolli.

Fra quelli noti, ecco Monaco, in attività proprio oggi, nell’anniversario preciso. “Resta il simbolo della lotta contro l’apartheid”, ricordano dal minuscolo Principato. Tra il 1994 ed il 1999, in qualità di primo presidente nero del suo Paese, ha condotto una politica di riconciliazione tra le diverse realtà sociali e per la parità fra i sessi. Ma la sua opera è ben precedente, emersa attraverso un duro impegno e decenni di prigionia, adottando valori profondi nei quali credeva, come la lotta nei confronti della discriminazione, della povertà e della violenza.

La carta valore, costo 1,20 euro, propone il ritratto secondo un disegno di Stéfanie Van Zyl, poi inciso da Yves Beaujard (fine).


Il centenario visto da Germania...
...Sudafrica...
...e Nazioni Unite
Lug 18 2018 - 14:53

Dall'estero

Mandela/2 Dalla “Giornata” al francobollo

Anche le Nazioni Unite hanno ricordato postalmente il personaggio sudafricano. Giunto dalla sede di Ginevra un 2,00 franchi

Il lavoro è di Martin Mörck

Il 18 luglio è anche la “Giornata internazionale di Nelson Mandela”, indetta nel 2009 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite in ossequio al contributo assicurato dall’ex presidente del Sudafrica.

L’Onu riconosce i valori che ha propugnato e la sua dedizione al servizio dell’umanità per risolvere i conflitti, sviluppare le relazioni, la promozione e la protezione dei diritti umani, la riconciliazione, la parità di genere, dei diritti dei bambini e di altri gruppi vulnerabili, come anche nel migliorare le condizioni delle comunità più povere e svantaggiate. Conferma il contributo dato alla lotta per la democrazia in tutto il mondo ed al sostegno di una cultura di pace a livello globale.

Ovvio quindi che l’Amministrazione postale collegata non abbia perso il centenario del personaggio. Oggi la sede di Ginevra ha emesso un 2,00 franchi, illustrato dall’artista Martin Mörck. Vi si legge, tradotto dal francese: “È molto facile rompere e distruggere. Gli eroi sono quelli che fanno la pace e che costruiscono” (continua).


Così il Sudafrica (news precedente)
Lug 18 2018 - 12:28

Dall'estero

Mandela/1 Una strana congiunta

Oggi il contributo del Sudafrica, predisposto così da ricordare il premio Nobel per la pace. Ma l’emissione tedesca è completamente diversa

Alla fine, eccolo: è il contributo del Sudafrica alla congiunta definita insieme alla Germania per Nelson Mandela. Facili il confronto e la nota: di comune hanno solo l’occasione, ossia il centenario trascorso dalla nascita del premio Nobel per la pace; la ricorrenza cade oggi, giorno in cui Pretoria ha cominciato la distribuzione della propria carta valore, dove compare evidente il richiamo scritto al progetto condiviso. Diversi, però, i bozzetti, la grafica e persino la data di emissione (Berlino è giunta il 12 luglio).

Nessuna spiegazione è stata data, ma è probabile che, per un qualche motivo, non si sia arrivati ad un accordo definitivo sul soggetto (non sarebbe la prima volta che accade), così ogni partner ha proceduto per la propria strada, pur mantenendo la forma.

Quanto al Paese che ha dato i natali al personaggio, ha scelto di realizzare un foglietto fotografico. Lo scatto proviene dalla Fondazione lui intitolata ed ha coinvolto l’agenzia Blue media. Poi è stato elaborato da Rachel-Mari Ackermann. La confezione contiene un francobollo per la posta ordinaria, pari a 4,20 rand.

Non basta: lo stesso Sudafrica ha annunciato per il prossimo futuro due ulteriori interventi, uno dei quali in congiunta con l’India (continua).


Il contributo della Germania, partner del progetto commemorativo
Il foglietto del Sudafrica. Da notare il richiamo alla congiunta
Lug 18 2018 - 10:03

Appuntamenti

“Appropriarsi” del Museo

È quanto si propone ai bambini tra i sei e gli undici anni. Il laboratorio è previsto a Camerata Cornello (Bergamo) per il 22 luglio

Bambini al Museo dei Tasso e della storia postale, che per il 22 luglio ha organizzato un laboratorio loro dedicato. È “Il mio Museo”, rivolto a partecipanti di età compresa tra i sei e gli undici anni. Presenta la struttura come spazio di produzione creativa e di riflessione sulle collezioni ed il linguaggio degli oggetti esposti.

L’idea ed il titolo -spiegano i promotori- prendono spunto dall’albo illustrato “My museum”, realizzato dalla disegnatrice Joanne Liu e edito nel 2017 da Prestel publishing. Racconta la storia di un piccolo in visita ad una struttura artistica che gioca con quello che vede e costruisce un’alternativa personale. Si riappropria di un luogo e lo rende familiare creando prospettive “altre”, usando cioè l’immaginazione e la creatività.

Questo è anche l’obiettivo del laboratorio in programma domenica: osservare in libertà, interpretare i reperti nelle teche ampliando la visione. Durante l’esperienza, i presenti sceglieranno cosa mettere nella loro “raccolta”, creando disegni e didascalie.

La prenotazione è obbligatoria fino all’esaurimento dei posti chiamando il numero 0345.43.479 (è possibile telefonare dal mercoledì alla domenica nelle fasce orarie 10-12 e 14-18). Comincerà alle 15 e si svilupperà per novanta minuti. Il costo è di 3,00 euro. La sede si trova a Camerata Cornello (Bergamo), in via Cornello 22.


Visite guidate, le prossime il 5 agosto ed il 2 settembre
Il laboratorio si svolgerà il 22 luglio
Lug 18 2018 - 01:17

Note classiche

A Napoli, il giorno dopo

Ufficialmente, i francobolli con lo stemma delle Due Sicilie vennero emessi l’1 gennaio 1858, ma gli esperti non ne conoscono viaggiati in quella data…

Non solo il Ducato di Modena, come evidenziato nella news del 4 luglio scorso. Anche per gli altri Stati preunitari si conoscono invii spediti nel primo giorno di emissione dei francobolli che portano, eventualità particolarmente apprezzata dai collezionisti.

Fanno eccezione le cartevalori di Napoli, quelle con lo stemma del Regno delle Due Sicilie. Formalmente vennero emesse l’1 gennaio 1858, ma il giorno effettivo del debutto risulta il 2. Assume pertanto un interesse particolare la lettera scritta ad Aversa e spedita da Napoli per Castrovillari/Francavilla, in Calabria; è affrancata per 3 grana, impiegando il taglio da 1 e quello da 2. Va notata pure la tariffa, ancora d’epoca prefilatelica.


Il primo giorno di Modena
Spedita il 2 gennaio 1858
Lug 17 2018 - 17:51

Notizie dall'Italia

Da vent’anni contro i reati sul web

Nel modo in cui è strutturata ora, rappresenta il principale campo in cui opera la Polizia postale e delle comunicazioni. Domani a Roma l’annullo speciale

Domani l’annullo

Talvolta al centro di notizie riguardanti la sua riorganizzazione, al tempo stesso protagonista pressoché quotidiana soprattutto in fatto di reati sul web e della loro conseguente repressione.

È la Polizia postale e delle comunicazioni, che -nell’attuale organizzazione- compie vent’anni. Pur mantenendo le vecchie attività tra lettere e pacchi, nel tempo ha visto diventare più importanti quelle inerenti alle reti elettroniche. Tra i campi di impegno che vengono citati figurano analisi criminologica dei fenomeni emergenti, copyright, cyberterrorismo, e-banking, giochi e scommesse on-line, hacking, pedopornografia, protezione delle infrastrutture critiche del Paese.

Il giro di boa temporale è precisato nell’annullo richiesto dal ministero dell’Interno. Verrà impiegato domani, nella capitale, in due luoghi. A palazzo La lanterna di via Tomacelli 157 (ingresso non consentito al pubblico) ed allo sportello filatelico del Roma Vr, in piazza San Silvestro 19 (operativo dalle ore 8.20 alle 19.05).


La razionalizzazione
L’attuale accordo con Poste italiane
L’approfondimento sulla specialità
Lug 17 2018 - 14:27

Notizie dall'Italia

Se il mittente sbaglia la cassetta

L’Agcom sta definendo il problema conseguente; per questo ha diffuso un testo e sei domande alle quali i soggetti interessati possono rispondere. Proroga per un’altra procedura, riguardante i grandi appalti

Nuovo aggiornamento con la procedura che l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha denominato “Condizioni giuridiche ed economiche di restituzione degli invii affidati ad altri operatori e rinvenuti nella rete di Poste italiane”, di cui alla delibera 621/15 che si intende integrare; attraverso la 293/18, ha avviato un’ulteriore consultazione pubblica con sei domande, così da arrivare al quadro che farà da riferimento.

In particolare, l’Agcom propone di: esplicitare gli obblighi gravanti in capo alle aziende terze in merito alla conclusione di accordi individuali con Poste italiane ovvero all’adesione alle sue condizioni generali di contratto; fissare una soglia dei volumi rinvenuti, superata la quale la ditta è tenuta a negoziare l’accesso alla rete di raccolta della società diretta da Matteo Del Fante; rivedere le condizioni economiche della restituzione, basate sul principio dell’orientamento ai costi evitabili. Ulteriori proposte riguardano le condizioni dell’accesso in raccolta, nel caso in cui i volumi rinvenuti nella rete dell’operatore più grande superino il valore di soglia, quelle da applicare alla restituzione degli invii ed una serie di misure a carattere informativo per tutelare l’utenza.

I soggetti interessati hanno tempo sessanta giorni per aderire all’invito e rispondere ai quesiti.

Il Garante, inoltre, ha prorogato di trenta giorni un altro procedimento; concerne la “Definizione del test di replicabilità delle offerte di servizi di recapito di invii multipli di Poste italiane e dei criteri per la sua conduzione”.


Spedizioni errate: così nel novembre scorso
Grandi appalti, il test di replicabilità
Il numero degli invii riguardanti i concorrenti trovati nelle cassette di Poste italiane (la stima per il 2017 è stata effettuata sulla base dei valori relativi ai primi otto mesi dell’anno); elaborazioni Agcom sui dati degli operatori
Lug 17 2018 - 10:08

Appuntamenti

Due le proposte

Verona sta ospitando una mostra dedicata a Giovanni Guareschi, Champoluc (Ayas, provincia di Aosta) accoglierà il raduno dei meccanofili

A Verona Giovanni Guareschi

Il francobollo uscirà il 21 luglio, ma la mostra collegata è aperta già e lo resterà fino al 31 del mese. S’intitola “Francobolli e cartoline illustrate per raccontare vita e opere di Giovannino Guareschi”. È ospitata presso lo spazio filatelia di Verona, collocato in via Teatro Filarmonico 11 (il negozio di Poste italiane risulta aperto dal lunedì al venerdì nella fascia oraria 8.20-13.35, il sabato dalle 8.20 alle 12.35). Nelle vetrine, la collezione di Renzo Maistrello, membro dell’Associazione filatelica numismatica scaligera. Offre francobolli, annulli e cartoline in argomento.

Dopo il Veneto, ecco la Valle d’Aosta. Tra il 20 ed il 22, Champoluc (è una frazione di Ayas) accoglierà il raduno dell’Associazione italiana collezionisti di affrancature meccaniche. Presso Monterosaspa, in piazzale Ramey 1, verrà offerta la “37ª Esposizione nazionale di affrancature meccaniche”, raggiungibile venerdì (inaugurazione alle 17.30) e sabato dalle 17 alle 19 e dalle 21.15 alle 23.15, domenica tra le 15.30 e le 19. Nelle teche figurano ventidue collezioni di “rosse”, dedicate soprattutto alla regione ed alla montagna. Domenica alle 10.30 si svolgerà il 37° Congresso nazionale del sodalizio.

Entrambe le iniziative sono ad ingresso libero.


Il francobollo per lo scrittore, giornalista ed umorista. I primi dati
Gli espositori dell’Aicam (file pdf)
Meccanofilia a Champoluc (Ayas, provincia di Aosta)
Lug 17 2018 - 01:00

Dall'estero

Il vecchio ed il nuovo

L’Estonia ricorda i cento anni dei francobolli nazionali con un dentello specifico. Pone l’attenzione sulla carta valore dei primordi

Secolare

Agli sportelli arrivò il 24 novembre 1918, espresso ancora nella vecchia moneta russa: è il 5,00 copechi che diede il via alla produzione dell’Estonia, uno dei Paesi sorti quale conseguenza della Prima guerra mondiale. Nel caso specifico, nato dall’implosione dell’Impero zarista.

Tallinn, ovviamente, non ha perso di vista il giro di boa secolare: la carta valore di cento anni fa compare nel nuovo francobollo che ha debuttato il 13 luglio.

Senza particolari contenuti la vignetta del progenitore (vi campeggia una decorazione che potrebbe essere definita floreale, ma quello che importa è la scritta centrale, “Eesti post”, vale a dire “Posta estone”) ed altrettanto essenziale appare il bozzetto impiegato per l’erede.

Dal costo di 65 centesimi, il taglio odierno porta la firma del “solito” Indrek Ilves.


L’analogo giro di boa visto dalla Repubblica Ceca
Lug 16 2018 - 17:52

Dall'estero

Pastori e pellegrini lungo la strada

Dalla Spagna francobollo per il “camino de la lana” un percorso poco conosciuto ma che si intende promuovere. E la carta valore dà il suo contributo

Da valorizzare

Da Alicante e Valencia verso Burgos, è il “camino de la lana”, segnalato dalla Spagna oggi attraverso un francobollo inserito nella serie “Tradizioni e costumi”; risulta in vendita a 1,35 euro.

Si tratta di un percorso seguito dalle greggi, ma pure da allevatori, tosatori e commercianti specializzati lungo il XVI ed il XVII secolo. Vi erano anche i pellegrini, documentati già nel 1624 e nel dentello segnalati dallo zaino appoggiato al monumento eretto a Monteagudo de las Salinas (da notare, sul vicino bastone, la presenza della conchiglia, richiamo a san Giacomo il Maggiore).

L’itinerario attraversa lande, città e paesi che meritano di essere raggiunti per gli aspetti naturali, storici e culturali. L’emissione contribuisce a riscoprire la strada, peraltro ora poco nota e destinataria di progetti tesi a valorizzarla.


Nel nord della Spagna, verso Santiago
Tra Norcia e Cassino con il recentissimo annullo
Il foglietto italiano per la transumanza
Lug 16 2018 - 15:31

Emissioni Italia

Non solo il ritratto

Per Giovanni Guareschi ci sarà anche la firma, applicata su una pagina originale relativa ad un racconto inedito: protagonisti, don Camillo e Peppone

Non più il solo ritratto, già impiegato nel 60 centesimi emesso l’1 maggio 2008 nel centenario dalla nascita. Questa volta è associato alla firma autografa, posta in evidenza su una pagina originale, dattiloscritta dallo stesso scrittore, giornalista ed umorista. Riguarda un racconto inedito, che vede al centro don Camillo e Peppone; il reperto è tratto dall’archivio lui intitolato ed esistente a Roncole Verdi (Busseto, provincia Parma). La molteplicità di dettagli ricorda un po’ l’1,40 euro sammarinese, emesso il 22 agosto di dieci anni fa.

Così, il 21 luglio l’Italia rammenterà Giovanni (o Giovannino) Guareschi nel mezzo secolo dalla morte, avvenuta il 22 luglio 1968; per l’obiettivo ha coinvolto la bozzettista Silvia Isola. Il tributo (appartiene alla serie “Il patrimonio artistico e culturale italiano”) sarà autoadesivo, organizzato in fogli da ventotto e tirato addirittura in un milione di esemplari. Quest’ultimo dettaglio è spiegato dalla tariffa, sintetizzata tramite la sigla “B-50g”. Ovvero, serve per il secondo porto ordinario nazionale, quindi per gli invii tra i venti ed i cinquanta grammi di peso; tale prestazione adesso è assicurata contro 2,60 euro.


Il nuovo esemplare - La decisione ultima su data e nominale
Le sue “Lettere ai posteri”
I francobolli del 2008, d’Italia e San Marino
Lug 16 2018 - 12:16

Dall'estero

Francia in festa per la nuova stella

Disponibile da oggi la sottolineatura postale riguardante la vittoria al Campionato mondiale di calcio “Russia 2018”. Si tratta di due pre personalizzati

Una delle proposte “Mon timbre en ligne”

Rapidissima la Francia nel festeggiare la vittoria per 4 a 2 contro la Croazia, finale giocata ieri nel contesto del Campionato mondiale di calcio “Russia 2018”. E che ha dato al Paese il secondo trionfo nella popolare competizione (il primo l’ottenne nel 1998, quando operava in casa).

Il tributo postale è disponibile già da stamattina: si tratta di un raccoglitore con quattro francobolli autoadesivi pre personalizzati ed utili con la lettera “verde” nazionale entro i venti grammi (ora 80 centesimi): ecco il motivo della velocità con cui l’articolo è stato realizzato. Due i tipi: in entrambi campeggiano il ringraziamento agli artefici (“Merci les bleus”) ed i colori nazionali; in uno vi è la coppia di stelle a citare le conquiste, nell’altro compaiono anche la folla, i palloni e le bandiere. Il prezzo complessivo è di 5,00 euro. Non manca l’annullo speciale.

Una linea produttiva molto simile (è il “Mon timbre en ligne”) è stata impiegata nei giorni scorsi per ottenere digitalmente cartevalori già predisposte e riguardanti -tramite le “faccine”- ad esempio la squadra o le diverse partite sostenute. In questo frangente, il costo minimo è di 77 centesimi al pezzo.


L’avvio delle partite con il foglietto della Russia
La confezione di pre personalizzati: i soggetti sono due
Lug 16 2018 - 10:12

Appuntamenti

Donne ticinesi tra i pennelli

È la mostra “Arte e diletto”, ospitata alla Pinacoteca “Giovanni Züst” di Rancate (Mendrisio) e disponibile sino al 26 agosto

Una delle cartoline esposte

Quadri a soggetto postale e cartoline. È quanto trova -oltre ovviamente ad altro materiale- chi visiterà la mostra “Arte e diletto - Valeria Pasta Morelli (1858-1909) e le pittrici del suo tempo” allestita a Rancate, sobborgo di Mendrisio (Svizzera), e raggiungibile sino al 26 agosto.

Due in particolare i dipinti di settore, entrambi oli su tela. Il “Ritratto maschile” del 1854 è dovuto a Bernardino Pasta (1828-1875); il “Fanciulla con fotografia” (o “La lettera”) venne realizzato attorno al 1890 dalla protagonista, Valeria Pasta Morelli. Il primo -viene spiegato- raffigura un personaggio che non è stato possibile identificare, ma che si presume appartenesse alla borghesia imprenditoriale: lo testimoniano le località vergate sulle lettere appoggiate sul tavolo. La presenza epistolare nel secondo associata allo scatto, invece, evoca la distanza che separa mittente e destinataria.

L’idea del percorso, curato da Mariangela Agliati Ruggia, Stefania Bianchi e Sergio Rebora, nasce da un’importante donazione -trentaquattro tra opere a pennello, anfore, album di studi, medaglie e diplomi- riguardante una delle rare donne pittrici che il Ticino conti: appunto Valeria Pasta Morelli. Rare ed oltretutto spesso confinate nell’ambito familiare. Anche per questo motivo quasi sempre dimenticate. È stata la nipote a destinare, alla sua morte, il lascito alla Pinacoteca “Giovanni Züst”, sede dell’esposizione attuale.

Fu una delle poche ragazze a frequentare l’Accademia di Brera. Raccolse premi e riconoscimenti, mentre in patria la “Gazzetta ticinese” la celebrava come “esimia giovane artista”; il matrimonio con un alto funzionario dell’Esercito italiano chiuderà tuttavia le ambizioni. La rassegna intende far luce sulla sua personalità, non mancando di contestualizzarla nel particolare ambito nel quale si muoveva. Lo zio, ad esempio, era proprio Bernardino Pasta, inserito nella cerchia degli Induno che godette di buona fama.

Una sezione presenta inoltre lavori di altre signore attive contemporaneamente nell’area, come Adele Andreazzi, Marie-Louise Audemars Manzoni, Giovanna Béha-Castagnola, Olga Clericetti, Regina Conti, Elisa Rusca, Antonietta Solari. Appartenenti quasi tutte a famiglie della borghesia locale, non frequentarono le accademie né le scuole di disegno. Coltivavano privatamente la loro passione, come un hobby piuttosto che come un lavoro, e si esercitavano perlopiù negli studi dei professionisti.


I dettagli sulla mostra
L’approfondimento (file pdf)
Due gli oli su tela a soggetto postale presenti. Sono di Bernardino Pasta, “Ritratto maschile” del 1854, e di Valeria Pasta Morelli, “Fanciulla con fotografia” databile al 1890 circa. Appartengono alla Pinacoteca “Giovanni Züst”
Lug 16 2018 - 01:27

Dall'estero

Dall’isola a tutto il mondo

La Jersey overseas aid compie mezzo secolo e le Poste locali la gratificano attraverso sei francobolli; riguardano altrettanti progetti umanitari concretizzati di recente nelle aree più disastrate

La Jersey overseas aid ha mezzo secolo e l’isola dotata di autonomia postale ha deciso di festeggiarla con ben sei francobolli, lanciati il 12 luglio. Messi in pagina dall’agenzia Tpa, illustrano come la struttura operi all’estero per aiutare chi ha bisogno.

La sua missione -ricordano dagli sportelli- è ridurre la povertà nonché fornire aiuti umanitari in caso di disastri ed emergenze in tutto il pianeta. Così facendo, aumenta anche la consapevolezza del proprio ruolo all’interno del territorio, spesso invitando i residenti a prendere parte ai progetti.

Le immagini propongono alcune delle ultime attività, svolte in Ruanda (il richiamo figura nel 50 pence e cita l’allevamento), Sud Sudan (65, fame), Uganda (76, malattie tropicali), Nepal (82, sviluppo economico), Madagascar (94, mezzi di sussistenza rurali), Kenya (1,12 sterline, costruzione di una diga in sabbia).


Il sito (in inglese)
Sei francobolli per altrettanti progetti
Lug 15 2018 - 00:55

Libri e cataloghi

Per cominciare...

Dall’Unificato un nuovo manuale e dizionario filatelico. S’intitola “Francobolli & collezionismo dalla «A» alla «Z»”

Manuale e dizionario

Le cose cambiano, il pubblico cambia ed anche il settore deve essere capace di cambiare. O, perlomeno, di approcciare il mondo esterno in modo adeguato.

È con tale obiettivo che l’Unificato ha redatto una nuova guida rivolta a chi non conosce il settore e, incuriosito, desidera accostarvisi. S’intitola “Francobolli & collezionismo dalla «A» alla «Z»”.

Rappresenta -lo si legge in copertina- un manuale e dizionario, diviso in quattro parti. Le prime due si soffermano sul collezionismo e sul collezionista: sono illustrati il retroterra storico, le specializzazioni, le abitudini, così da “fornire un’idea complessiva di questa realtà”. Poi l’attenzione si concentra sulla carta valore, passando dalle caratteristiche tecniche a dove trovarla, dalle sue condizioni alla stampa, dagli interi ai prodotti firmati Poste italiane. L’ultima sezione riguarda il dizionario filatelico e postale: comincia dalla parola “abbonamento” ed arriva a “vignetta”; è aggiornato al “drone”.

La pubblicazione conta 72 pagine con immagini a colori e costa 11,00 euro.


“Francobolli & collezionismo dalla «A» alla «Z»” La scheda
Droni e servizio postale: l’ultima notizia
Lug 14 2018 - 23:26

Emissioni Italia

Gli spalti ed il calciatore

Sono i due elementi che caratterizzeranno il nuovo francobollo per la Juventus, in arrivo il 28 luglio. Si aggiungono scudetto e logo della società

Nuovo omaggio alla squadra

Sullo sfondo degli spalti inerenti l’Allianz stadium, raffigura un calciatore bianconero durante un’azione di gioco, affiancato dallo scudetto tricolore; in basso è riprodotto il logo della società.

È il bozzetto, firmato da Claudia Giusto, che verrà impiegato per caratterizzare il quattordicesimo francobollo dedicato alla Juventus, questo in qualità di squadra vincitrice dell’ultimo Campionato di calcio riguardante la serie “A”. Sarà disponibile con il 28 luglio.

Inserito nella serie “Lo sport”, risulta autoadesivo, stampato in ottocentomila esemplari con fogli da quarantacinque. Il nominale è sostituto dalla lettera “B”, indicante il servizio ordinario interno per un invio compreso nei venti grammi; ora richiede 1,10 euro.


I precedenti
La decisione sulla data
Lug 14 2018 - 11:12

Dall'estero

In Italia/2 Quella notte del luglio 1943

A settantacinque anni dai fatti, Malta ha ricordato l’operazione “Husky”, quella che permise agli alleati di invadere la Sicilia provocando la caduta di Benito Mussolini e poi l’armistizio

Se Nevis ha ricordato attraverso i francobolli la visita compiuta in Italia nel 2017 dal presidente statunitense Donald Trump (news precedente), il 10 luglio La Valletta ha rammentato i settantacinque anni di un’altra “visita”, di genere ben diverso. È l’operazione “Husky”, attraverso la quale, nella notte tra il 9 ed il 10 luglio 1943, gli alleati sbarcarono in Sicilia. Fu uno degli elementi focali della Seconda guerra mondiale, che portò al cambio governativo con l’arresto di Benito Mussolini (il 25 luglio) e l’armistizio (8 settembre).

Malta, in precedenza più volte minacciata da un’invasione da parte di Roma, ebbe un ruolo importante poiché, in vista dell’attacco, accolse navi ed aerei. Le forze Usa erano guidate dal generale George Patton, quelle del Regno Unito dal collega Bernard Montgomery. Dall’altra parte del fronte trovarono i pari grado Alfredo Guzzoni e Hans-Valentin Hube.

La serie si compone di tre francobolli in striscia, nominali da 1,00 euro al pezzo. Propone foto del tempo: la pianificazione delle mosse (il secondo da destra è Montgomery); il generale Dwight David Eisenhower mentre ispeziona i soldati sotto il comando del maggiore generale Walter Hayes Oxley; ancora Eisenhower, questa volta con il governatore John Vereker ed il maresciallo capo dell’aria Arthur Tedder.

Non senza polemiche, il Bel Paese commemorò l’impresa attraverso una cartolina postale da 700 lire il 24 settembre 1993; in essa viene richiamata, fra l’altro, una celebre foto di Robert Capa. Rimase lettera morta, invece, la richiesta di un francobollo nel settantesimo anniversario (fine).


La visita di Donald Trump in Italia (news precedente)
La cartolina del 1993 e la richiesta per un francobollo
I tre francobolli firmati da Malta; riprendono i protagonisti alleati dell’epoca
Lug 14 2018 - 00:37

Dall'estero

In Italia/1 Dopo un anno, i francobolli per Donald Trump

Sono tre e provengono da Nevis: uno cita la visita al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, due ricordano il “G7” tenutosi a Taormina (Messina)

La visita in Italia si è consumata in due parti. Il 24 maggio 2017 incontrò papa Francesco, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ed il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. Poi, dopo un salto a Bruxelles, il 26 ed il 27 dello stesso mese si recò a Taormina (Messina) per il “G7”. Protagonista risulta il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump.

Lo ricorda Nevis, che il 5 giugno scorso ha emesso un foglietto dedicato all’esperienza. Si compone di tre francobolli da 5,50 dollari locali; ripropongono altrettante fotografie. La prima e la terza riguardano il summit accolto nella cittadina siciliana (tra gli altri personaggi, si vede l’allora interlocutore di palazzo Chigi); nella seconda, invece, l’ospite è ricevuto dal capo dello Stato. Sullo sfondo dell’insieme, il foro Romano (continua).


Il francobollo italiano per il “G7”
Il foglietto; proviene da Nevis
Lug 13 2018 - 17:20

Notizie dall'Italia

Spenti prima del tempo i server

Il servizio certofax venne accantonato nel 2015. Restava l’impegno contrattuale di Poste italiane di assicurare per dieci anni l’archivio. Le cose, però, pare siano andate diversamente...

Un servizio accantonato da Poste italiane nel 2015, con l’impegno a mantenere in archivio i documenti, per dieci anni dalla data di trasmissione. Concetto che ancora adesso compare sulla relativa pagina del sito aziendale. Ma le cose sarebbero diverse, e Poste italiane -a domande dirette- non risponde.

A quel che risulta a “Vaccari news”, Postel, era il 2001, già impiegava, attraverso una fornitura a noleggio, la piattaforma di messaggistica Mfs della società Lyra. Sigla un accordo con Poste italiane per la sub fornitura della stessa struttura, così da erogare il servizio di invio fax denominato certofax.

Sebbene il traffico risultasse costante, nel settembre di tre anni fa il supporto venne interrotto nella modalità di invio, ma rimase attivo per tutti coloro che, in ottemperanza al contratto, avrebbero voluto recuperare, appunto entro i dieci anni, i messaggi inoltrati.

Nel dicembre del 2017, Lyra comunicò a Postel che non era nella condizione di poter continuare a noleggiare la piattaforma Mfs e propose la vendita della stessa. Fino al 30 giugno la fornitura delle prestazioni è stata garantita da un contratto semestrale, in attesa che si concludessero le trattative. Ma il gruppo diretto da Matteo Del Fante non ha replicato più, nemmeno agli interlocutori. Così, il 6 luglio i server sono stati spenti ed anche la prestazione di archivio è stata... archiviata.


Nel 2015 la chiusura del servizio
La pagina sul sito di Poste
Ancora adesso si può leggere l’impegno a fornire, per dieci anni dall’invio, copia del documento spedito
Lug 13 2018 - 14:15

Appuntamenti

Arte postale per il sismologo

A Faenza (Ravenna) omaggio a Raffaele Bendandi. La Casa museo a lui intitolata, fino al 31 luglio, raccoglie interventi di mail art che interpretino il tema “Terremoti”. Poi ci sarà la mostra

Raffaele Bendandi

Nuova... chiamata per i mailartisti. Purché siano rapidi, in quando il bando scade il 31 luglio. È stato firmato dalla romagnola Casa museo Bendandi.

Il soggetto scelto è “Terremoti”, in omaggio al sismologo Raffaele Bendandi, vissuto tra il 1893 ed il 1979. Il tema dovrà essere interpretato impiegando una cartolina dalle dimensioni pari a 10 per 15 centimetri, poi da spedire anche in busta alla sede (si trova in via Manara 17, 48018 Faenza, provincia di Ravenna). Senza dimenticare nome, cognome, indirizzo, e-mail.

L’invito è aperto a tutti, indipendentemente da età, tecnica impiegata e competenze in materia di arte postale; non sono previsti costi e giuria, mentre i materiali resteranno di proprietà degli organizzatori. L’obiettivo è pubblicare i contributi su una pagina Facebook specifica, prima di arrivare alla mostra vera e propria. Questa si svolgerà dal 31 agosto al 2 settembre nella stessa sede della struttura, aperta gratuitamente venerdì dalle ore 16 alle 20, sabato dalle 10 alle 22, domenica dalle 10 alle 20. Ed ora, mano a matite e pennelli!


La pagina Facebook di riferimento
Così il Comune di Faenza (Ravenna)
Lug 13 2018 - 11:09

Giornali, riviste e siti

“Clienti unici”

È il commento del sindaco di Desulo (Nuoro), davanti alla foto di una signora in abiti tradizionali all’ufficio postale per un’operazione

Oggi non capita molto spesso di vedere persone nei costumi tradizionali affaccendate con le pratiche di tutti i giorni. Neppure nella Sardegna più interna. È evidente, ad esempio, a Desulo, duemilacinquecento abitanti scarsi in provincia di Nuoro, unico paese alpestre dell’isola: il suo territorio -spiegano in Comune- è per il 90% montano.

Sulla propria pagina Facebook, il sindaco, Gian Luigi Littarru, ha inserito una foto eloquente, che ha attirato l’attenzione persino della stampa attiva nell’area. Vi figura una signora anziana nello sgargiante abito tipico, impegnata a compiere un’operazione presso l’ufficio postale. Sintetico il commento del primo cittadino: “Clienti unici. #desulonelcuore #paesitudine #quotidianità”.


Ferentino (Frosinone): in posta la festa per i centodue anni
La foto pubblicata dal sindaco di Desulo (Nuoro), Gian Luigi Littarru
Se ricevete questa mail è perché vi siete iscritti a Vaccari news
Per ISCRIVERSI, CANCELLARSI o MODIFICARE l'indirizzo email basta collegarsi qui http://www.vaccari.it/_ISCRIVITIVNEWS

Copyright © 2019 - 2003 Vaccari srl - tutti i diritti riservati
registrazione Tribunale di Modena n. 1854 del 4 dicembre 2007
direttore responsabile Fabio Bonacina
Tutto il contenuto di questa newsletter, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati. Redazione: info@vaccari.it

VACCARI srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel. (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157