Siamo lieti di inviarle le notizie diffuse nell'ultima settimana da "Vaccari news".
Se desidera conoscerle in tempo reale, in qualsiasi momento può visitare la pagina www.vaccarinews.it, dove può trovare gratuitamente anche:

  • i programmi aggiornati di Italia, San Marino, Vaticano e Smom;
  • l'archivio di tutte le informazioni che abbiamo diffuso nel tempo (è possibile fare ricerche sia in ordine cronologico, sia per parola chiave, sia per area);
  • i comunicati diramati alla stampa;
  • l'elenco dei prossimi appuntamenti (mostre ed eventi).
Buona lettura
Lo staff di "Vaccari news"

Set 21 2018 - 02:21

Dall'estero

Francobollo al prosciutto?

È la proposta fogliettata della Spagna in arrivo oggi per 4,00 euro. Cita due prodotti a denominazione di origine protetta

Un bicchiere di Ribera del Duero ed un piatto di prosciutto di Guijuelo sono la scusa perfetta per un incontro tra amici, per una buona serata, per celebrare i successi ed affrontare i fallimenti. È così che dalla Spagna introducono il foglietto in arrivo oggi dedicato ai due prodotti, entrambi a denominazione di origine protetta ed entrambi finiti in francobolli da 2,00 euro.

Quello a soggetto enologico raffigura vite e bicchiere; l’altro mostra alcune fette del salume insieme ai tipici maiali scuri che vivono in ampi spazi, così da renderli muscolosi e grassi.

Non manca la sorpresa: il retro del blocco è trattato in modo tale da evocare il sapore dell’affettato.


Cinque sensi dentellati: la serie dell’Eire
Il foglietto raggiungerà oggi la rete distributiva
Set 20 2018 - 20:20

Notizie dall'Italia

Dallo sport agli animali. E poi…

Sono oltre trecento i francobolli realizzati da Corrado Mancioli per Italia, San Marino, Vaticano e Somalia. Il ricordo a mezzo secolo dalla scomparsa

Fra i suoi lavori

Morì mezzo secolo fa oggi. È il bozzettista Corrado Mancioli, nato il 23 giugno 1904. Autore di oltre trecento dentelli per Italia, San Marino, Vaticano e poi Somalia: così lo ricordò, nel numero dell’ottobre 1968, la rivista “Filatelia italiana”. Grande appassionato di disegni e di pittura, era abilissimo cartellonista; entrò nel mondo delle cartevalori lungo il 1954. L’esordio riguarda la serie sulla “1ª Mostra internazionale del francobollo olimpico” del 26 giugno 1955, firmata dalla Repubblica del monte Titano; l’epilogo è la “Antilopi e gazzelle” del 10 maggio 1968, realizzata per il Paese africano. In tutto questo periodo, la sua opera praticamente non ha avuto soste.

Sue caratteristiche -hanno scritto nel novembre scorso Riccardo Bodo e Luca Romanini su “Storie di posta”- erano un tratto deciso ed il largo impiego dell’aerografo, con una vasta gamma di sfumature, purtroppo non sempre rispettate in sede di stampa. Inoltre, era famoso per il trattamento delle scritte.

Non si limitò -prosegue il ricordo del 1968- a concepire vignette su commissione, ma cercò nella sua ben fornita biblioteca gli spunti e la documentazione per titoli di sicuro successo. Nacquero così le produzioni sanmarinesi inerenti a caccia antica e moderna, automobile, aeroplano, navigazione, locomotive, giostre e tornei medievali. Nonché, per Mogadiscio, quelle sugli animali (come gli uccelli, le farfalle e i pesci) o le derrate agricole. Senza trascurare il settore sportivo, fra cui i promozionali tricolori per le Olimpiadi invernali di Cortina, disponibili dal 26 gennaio 1956.


Le proposte del monte Titano all’epoca di Corrado Mancioli
L’“invenzione” per il tributo all’Alfa Romeo
Su “Storie di posta” l’articolo di Riccardo Bodo e Luca Romanini
Tre delle cartevalori citate; appartengono alle serie “1ª Mostra internazionale del francobollo olimpico” di San Marino, “Antilopi e gazzelle” di Somalia, “Olimpiadi invernali di Cortina” d’Italia
Set 20 2018 - 18:57

Notizie dall'Italia

Brera, annullo in Pinacoteca

Domani sarà valorizzata indirettamente l’opera di Donato Bramante “Cristo alla colonna”, già impiegata per un francobollo italiano il 22 marzo 2014

L’iniziativa domani

Appuntamento, domani alle ore 11, presso la Pinacoteca di Brera, a Milano. Dove, con il direttore generale della struttura, James Bradburne, verrà presentata una litografia che omaggia l’opera “Cristo alla colonna”, di Donato Bramante. Dipinto già citato nel francobollo da 70 centesimi emesso il 22 marzo 2014 nell’ambito del percorso “Il patrimonio artistico e culturale italiano”.

Non mancherà l’annullo speciale, in uso presso la stessa sede, quindi in via Brera 28; gli addetti saranno al lavoro dalle 12 alle 18.

Interverranno il responsabile di mercato privati per la macroarea Nord-Ovest di Poste italiane, Giovanni Accusani, e la storica dell’arte Cristina Quattrini.

Di fatto, il manuale annuncia le “Giornate europee del patrimonio”, previste per il 22 ed il 23 settembre sotto al tema “L’arte di condividere”. L’iniziativa -è la nota- ha lo scopo di favorire il dialogo e lo scambio in ambito culturale tra le nazioni del Vecchio continente; nel caso specifico prevede un’apertura straordinaria serale per sabato 22, con ingresso a 1,00 euro dalle ore 18 alle 22.15.


I dettagli sul francobollo
Set 20 2018 - 16:38

Emissioni Italia

Padre Pio: oggi il terzo omaggio postale

Si tratta di un “B”, utile per inviare una lettera ordinaria entro i venti grammi diretta in Italia. Calcografico, il francobollo porta la firma di Rita Fantini e costa 1,10 euro

Il francobollo

Quando all’Istituto poligrafico e zecca dello stato si ricorre alla calcografia, i risultati sono sempre buoni, se non ottimi. È il caso del “B” (ora 1,10 euro, utile per un invio ordinario domestico di primo scaglione) emesso oggi con supporto autoadesivo per il mezzo secolo trascorso dalla morte di san Pio. L’autrice, Rita Fantini, ha trasformato una foto -che ritrae il personaggio mentre solleva il calice durante una celebrazione eucaristica- in un’opera d’arte tirata in un milione di copie (i fogli ne contengono ventotto). Naturalmente, l’annullo del primo giorno è a San Giovanni Rotondo (Foggia). Altri due manuali lo rammenteranno domenica, per il centenario delle stimmate e per la scomparsa.

Il bollettino illustrativo, compilato a quattro mani dal rettore del locale Santuario Francesco Dileo e dal responsabile dell’ufficio stampa dei frati minori cappuccini Stefano Campanella, ricostruisce quanto accaduto. Quanto accaduto tra il 21 settembre 1968, quando si ripresentarono quelle che sembravano delle consuete riacutizzazioni della malattia, fino al decesso del 23 ed al momento dei funerali e della tumulazione, avvenuti il 26. L’uomo, che all’anagrafe faceva Francesco Forgione, era nato a Pietrelcina (Benevento) il 25 maggio 1887.

L’Italia postale l’ha ricordato in precedenza con l’800 lire del 23 settembre 1998, emesso nel trentesimo dalla scomparsa, e con il 41 centesimi del 16 giugno 2002, riguardante la canonizzazione.


L’anticipazione ed i precedenti omaggi postali
L’annullo del primo giorno e i due previsti per domenica, sempre a San Giovanni Rotondo (Foggia)
Set 20 2018 - 15:44

San Marino

Tre torri, tre buste, tre artisti

Valgono 0,70, 1,10 e 1,15 euro gli interi postali dedicati alle antiche strutture difensive della Repubblica. Portano i nomi di Sergio Ruggeri, Marco Goran Romano, Stefano Morri

L’annullo del primo giorno

Tornano, sul monte Titano, gli interi postali; nella fattispecie si tratta di buste. Buste rivolte soprattutto alle aziende, visto che presentano la finestrella per visualizzare l’indirizzo tratto dal foglio interno.

Soggetti dell’impronta di affrancatura sono le torri che caratterizzano il panorama locale, le “tre penne” come tradizionalmente vengono definite. Ognuna di esse è stata interpretata da un artista diverso. Lo 0,70 euro, con la prima struttura, è dovuto a Sergio Ruggeri; l’1,10, caratterizzato dalla seconda, è firmato da Marco Goran Romano; l’1,15, per la terza, è di Stefano Morri.

L’emissione, tirata in un massimo di duecentomila pezzi per tipo, è inserita nel gruppo di voci atteso per il 16 ottobre.

Saranno questi i plichi che in futuro verranno impiegati dall’Ufficio filatelico e numismatico per inviare agli abbonati le informazioni. L’ha annunciato la responsabile dello stesso, Gioia Giardi, al convegno organizzato due settimane fa a Padova dall’Unione stampa filatelica italiana.


Le anticipazioni di Padova
Tra le uscite, il dentello per la Juventus
Le tre buste; portano i nomi di altrettanti artisti: Sergio Ruggeri, Marco Goran Romano, Stefano Morri
Set 20 2018 - 14:21

Appuntamenti

Mail art a Locorotondo

L’arte postale spiegata al pubblico. L’appuntamento fissato per le ore 17 del 22 settembre a villa Mitolo. Relatori: Franco Altobelli e Laura Agostini

L’appuntamento per il 22 settembre

L’arte postale entra in Comune, come attività riguardante cultura e politiche giovanili: non a caso, coinvolge gli assessorati omonimi, che hanno patrocinato l’iniziativa. Succederà alle ore 17 del 22 settembre a Locorotondo (Bari), nella sala “Don Lino Palmisano” di villa Mitolo, in via Giorgio Almirante. È la conferenza “Creatività & mail art”; l’ingresso risulta libero.

Al tavolo, l’artista e fotografo Franco Altobelli, nonché la visuale e educatrice Laura Agostini. Illustreranno -questa l’anticipazione- il percorso storico della mail art in Italia e nel mondo, con particolare attenzione ai pionieri che hanno contribuito maggiormente alla sua diffusione. Per spiegare meglio, saranno proiettati numerosi esempi di corrispondenze creative ed una piccola mostra li renderà più tangibili.

Una caratteristica tipica di tale espressione -viene ricordato- è “lo scambio non commerciale, democratico, senza giuria e senza critici”. Solitamente gli autori si spediscono opere in forma di lettere o cartoline, caratterizzate da buste decorate o illustrate, magari con francobolli inventati. Si possono aggiungere oggetti tridimensionali, quali pubblicazioni e libri.


Tra le ultime mostre segnalate in argomento, quella di Pontassieve (Firenze)
Alcuni “francobolli” realizzati dal relatore Franco Altobelli
Set 20 2018 - 12:03

Libri e cataloghi

La storia dell’Usfi con altri occhi

Il libro “Cartoline buste annulli dell’Unione stampa filatelica italiana” racconta l’oltre mezzo secolo dell’associazione. È dovuto a Beniamino Bordoni e Claudio Baccarin

La storia del sodalizio vista con le cartoline

Si può scrivere una storia utilizzando le cartoline? La risposta è positiva, nel momento in cui si esamina il libro che Beniamino Bordoni ha scritto con il supporto di Claudio Baccarin. S’intitola “Cartoline buste annulli dell’Unione stampa filatelica italiana” e riguarda il mezzo secolo abbondante vissuto dal sodalizio, esaminato attraverso quanto postalmente realizzato per mostre, riunioni, anniversari.

Più che il repertorio (non vi sono valutazioni economiche), grazie agli approfondimenti dei due giornalisti che spiegano il contesto per il quale un certo omaggio è stato realizzato, conta la narrazione, la quale si sviluppa lungo 172 pagine “A4” con immagini a colori.

“La prima volta in cui ho avuto a che fare seriamente con le cartoline dell’Usfi è stata quando il presidente Danilo Bogoni e il consigliere Renato Dicati decisero di inserire, nel nuovo sito web dell’associazione, le immagini delle cartoline stampate nel corso degli anni”, annota Beniamino Bordoni nella presentazione. “I soci con grande disponibilità aprirono le loro collezioni consegnandomi i documenti originali per realizzare le scansioni e digitalizzare le immagini. Quelle cartoline, spesso arricchite degli annulli celebrativi apposti alle manifestazioni dove l’Usfi era presente, furono una interessante scoperta; si poteva ripercorre la storia del sodalizio e rafforzare il senso di appartenenza ad un gruppo di colleghi e amici che hanno in comune i francobolli come elemento del proprio lavoro ma anche l’amore e la passione verso la filatelia e la storia postale. Un importante passo avanti avvenne grazie alla collaborazione con Claudio Baccarin per il libro «Penne da collezione - Usfi: 50 anni sulla notizia», pubblicato per il cinquantesimo anniversario. Se all’inizio le cartoline e gli annulli dell’Unione mi apparivano come una piacevole curiosità, con l’approfondire delle ricerche ho notato che questa asserzione era limitativa; in realtà stavano diventando un mondo affascinante soprattutto da quando ho potuto consultare la Collezione Apollonio, gentilmente messa a disposizione dalla famiglia”.

Il volume, edito da Prodigi, non ha indicazioni di prezzo.


Il libro ha debuttato alla manifestazione di Padova
Il precedente: “Penne da collezione - Usfi: 50 anni sulla notizia”
Il sito dell’Usfi
La presentazione del volume. Da sinistra, gli autori, Claudio Baccarin e Beniamino Bordoni, insieme a Bruno Crevato-Selvaggi
Set 20 2018 - 10:17

Dall'estero

Topolino/2 Così l’Australia

Niente francobolli ufficiali, ma dei pre personalizzati, al solito in una confezione ampia: contiene venti cartevalori con il cuore ed altrettante vignette dedicate al festeggiato

Pure l’Australia non ha rinunciato a ricordare i novant’anni di Topolino, anche se -a rigore- il titolo non figura nel calendario delle emissioni. Così, ha impiegato la strada alternativa, quella dei francobolli pre personalizzati, già vista localmente per diverse situazioni appetibili dal punto di vista commerciale, come “Star wars”, le principesse della Disney, i minion, Marylin Monroe…

L’omaggio al roditore più famoso al mondo ha raggiunto la rete distributiva il 18 settembre e costa 23,00 dollari locali. Nella confezione, in due fogli, vi sono venti dentelli da 1,00 (sono i tagli con il cuore del 25 gennaio 2016), associati ad altrettante vignette in cui campeggia il festeggiato in diverse pose, tutte diverse (fine).


Così il Portogallo (news precedente)
L’alternativa al programma ufficiale: le serie per “Star wars”…
…e le principesse della Disney
L’interno della confezione con i due fogli
Set 20 2018 - 00:31

Dall'estero

Topolino/1 Generoso Portogallo

Dodici francobolli (quattro dei quali autoadesivi) e due cartoline festeggiano il personaggio dei fumetti che compie novant’anni

Una delle due cartoline…

Il Portogallo? Si caratterizza per francobolli di qualità mediamente superiore, ma comunicati in modo non ottimale. L’ultimo esempio è il tributo a Topolino nel novantesimo anniversario dalla sua “nascita”. La serie, generosa, è arrivata agli sportelli il 14 settembre, ma solo ieri ne è stata data notizia ai media.

Vi sono otto francobolli raccolti in foglietto, che lo rappresentano in diverse epoche; sei costano 53 centesimi, i restanti 86 e 91. Totale, 4,95 euro. Due di essi, un 53 ed il 91, sono stampati anche in fogli. Il blocco ed i singoli sono raccolti persino in una confezione unica.

Non manca la versione autoadesiva, altri quattro dentelli in libretto ma senza valore esplicitato: servono per gli invii nazionali entro i venti grammi, servizio che ora richiede appunto 0,53 euro.

Infine, ecco due cartoline da 0,45; propongono ulteriori scene.

Il lavoro porta il nome di Mad activities (continua).


Della partita celebrativa anche Francia…
…Giappone…
…Italia
…ed il foglietto. La serie si completa con un libretto
Set 19 2018 - 17:33

Dall'estero

Il… trucco dei “Post & go”

Visti dai collezionisti, non rappresentano che un sistema per ampliare il programma delle emissioni. I recentissimi casi di Jersey e Regno Unito

Uno dei soggetti nautici di Jersey

I “Post & go”? Perlomeno pensando ai filatelisti, si tratta di un abile sistema per estendere il programma delle emissioni. Una riprova si è avuta il 12 settembre con le produzioni autoadesive distribuite in occasione della manifestazione londinese “Stampex”.

Coinvolgendo per i bozzetti Martin Mörck, Jersey ha utilizzato tali affrancature da macchinetta per raffigurare sei nodi nautici, un soggetto davvero inconsueto. La versione realizzata a fini collezionistici comprende tagli per la lettera, sempre entro i cento grammi di peso, destinata al traffico locale e per il Regno Unito, sia nella versione normalizzata (nell’ordine richiedono 50 e 65 pence) che nel formato più grande (82 e 112). Si aggiungono i valori destinati all’Europa (76) ed al resto del pianeta (94); totale: 4,79 sterline. Non paga, ha ripreso il soggetto standard caratterizzato dalla bandiera per celebrare il secolo della Royal air force.

Lo stesso Regno Unito ne ha messi in distribuzione altri sei, dedicati ai vecchi mezzi di trasporto postali. Dopo aver citato i treni (il 15 febbraio 2017), gli aerei (13 settembre) e le navi (14 febbraio 2018), è la volta di moto ed assimilati. I fondini sono stati disegnati da Andrew Davidson, che ha attinto al patrimonio conservato presso il Postal museum: si va dal pentaciclo del 1882 al quadriciclo fuoristrada del 2002. In tale frangente, per gli appassionati viene proposto il prima classe nazionale entro l’etto (4,02 sterline a serie).


L’apparecchio che impiega tali etichette
Il Museo postale di Londra
La serie del Regno Unito dedicata ai mezzi di trasporto dei portalettere
Set 19 2018 - 15:14

Notizie dall'Italia

Alitalia, recapito, uffici

Sono alcuni dei temi toccati ieri dall’amministratore delegato di Poste italiane, Matteo Del Fante, durante l’audizione a Montecitorio

L’ad Matteo Del Fante ieri

Anche Poste italiane si sfila dal nuovo ed ennesimo capitolo riguardante Alitalia. Giorni fa diverse testate avevano individuato la società guidata da Matteo Del Fante quale protagonista, insieme ad Eni e Fs (più, forse, Cassa depositi e prestiti, ma con un altro ruolo) dell’ennesimo rilancio della compagnia, che il Governo ora vorrebbe nazionalizzare. Eni aveva negato subito; poi è stato il turno di Poste. L’ha precisato ieri alla commissione trasporti, poste e telecomunicazioni della Camera dei deputati lo stesso amministratore delegato. “Non abbiamo avuto nessun tipo di interessamento sul dossier Alitalia; quindi lo leggo dalla stampa”.

Tra gli altri temi su cui l’ad si è soffermato nel corso dell’audizione, quello dell’attuale sistema standard di recapito, chiarendo dettagli finora rimasti -chissà perché- sconosciuti. La consegna della corrispondenza avviene al mattino a giorni alterni, i pacchi invece sono portati tutti i pomeriggi fino alle 19.45; al sabato il servizio finisce alle 13. Si aggiunge la domenica, ma solo a scelta dei lavoratori che intervengono in straordinario.

Quanto alla presenza sul territorio, l’operatore “non chiuderà uffici nei comuni minori”. Però, è prevista una razionalizzazione in alcune aree metropolitane, davanti a sportelli distanti tra i cinquecento ed i settecento metri: l’obiettivo è ampliare il supporto in uno e sopprimere l’altro.


Alitalia nel bilancio 2014 di Poste italiane
Il recapito attuale
L’impegno per il territorio
Set 19 2018 - 12:28

Dall'estero

Dudelange-Milan. Ed un pre personalizzato

La prima squadra del Lussemburgo ad essersi qualificata per la Uefa Europa league incontrerà domani i rossoneri. Contemporaneamente, arriverà l’omaggio postale

Il pre personalizzato

Calcio. C’è chi promuove postalmente ad esempio il Campionato mondiale, perché è il Paese ospite (i lettori di “Vaccari news” lo sanno: per “Russia 2018”, Mosca, tra francobolli ed interi, è stata molto generosa), chi lo vince e ricorre, già il giorno seguente, a dei pre personalizzati (la Francia), chi arriva al secondo scalino e festeggia emettendo, con tutta calma, un foglietto (la Croazia).

E c’è chi si accontenta di esiti più modesti, ben consapevole che sul luogo verranno apprezzati comunque. È il caso del Lussemburgo: anche il Granducato ha impiegato i pre personalizzati per celebrare la conquista di una propria squadra: l’F91 Dudelange è la prima compagine a qualificarsi per la Uefa Europa league. Da qui l’idea di enfatizzare il risultato, raggiunto il 30 agosto ai danni della romena Cfr Cluj.

Ora l’équipe è finita nel gruppo “F”, dove domani giocherà contro il Milan. E sempre domani, non appare un caso, saranno messi a disposizione il dentello (prezzo: 1,20 euro) e l’annullo, impiegato a Dudelange stessa. Uno raffigura i componenti del team ed i richiami agli sponsor, fra cui si nota la Lavazza, l’altro lo stemma.


Mondiali - L’ultima emissione di Russia…
…la Francia vincitrice…
…il foglietto della Croazia per il secondo posto
Set 19 2018 - 10:04

Appuntamenti

Domenica la giornata dei Tasso

Voluta dal Museo intitolato alla famiglia, si svolgerà il 23 settembre a Camerata Cornello (Bergamo). La partecipazione è libera

Appuntamento al 23 settembre

L’occasione per vedere -qualora non lo si conoscesse già- il borgo di Cornello ed il Museo dei Tasso e della storia postale. Ma anche per scoprire le ultime attività realizzate, i nuovi progetti e visionare la mostra “L’evoluzione animale” (è la collezione tematica di Giuseppe Morabito).

Sono alcuni degli elementi che caratterizzano il programma messo a punto dalla stessa istituzione culturale a Camerata Cornello (Bergamo) per il 23 settembre, in occasione della “13ª Giornata tassiana”.

Si comincerà alle ore 10. È prevista la relazione di Bonaventura Foppolo circa l’iscrizione presente nella locale chiesa; riguarda la visita, avvenuta nel 1849, del maresciallo Federico Thurn und Taxis.

Seguirà la presentazione del volume “«Per essere quest’ufficio la chiave dell’Italia e Germania...». La famiglia Taxis Bordogna e le comunicazioni postali nell’area di Trento e Bolzano (sec. XVI-XVIII)”. È il risultato della ricerca di Francesca Brunet sul ramo della casata che arrivò a controllare le stazioni di posta lungo il corso dell’Adige.

Poi interverrà il miniaturista Simone Algisi, così da raccontare il lavoro realizzato nelle settimane scorse.

Infine, alle 16, si terrà la visita guidata, libera e gratuita, come peraltro lo è il resto delle iniziative. L’evento rientra nelle “Giornate europee del paesaggio”.


La collezione di Giuseppe Morabito
Il lavoro di Simone Algisi
Le altre iniziative di questi giorni
“Giornata tassiana”, il programma completo (file pdf)
Set 19 2018 - 00:51

Dall'estero

Cannes val bene due dentelli

Aland cita il lavoro di Johan Holländer, specialista nei fuochi artificiali. Due anni fa si è fatto notare al Festival internazionale organizzato nella città francese

Tempo di feste e tempo, perché no?, di fuochi artificiali. Come quelli riprodotti nei francobolli emessi ieri da Aland, uno per l’Europa, ora -non è scritto- il servizio richiede 1,50 euro, e da 4,00. A fotografarli è stato Didier Brunel, ma l’artefice dell’esibizione è un locale, Johan Holländer, la cui azienda personale -Joho pyro- venne fondata lungo il 2004, specializzandosi negli spettacoli con musica.

Dopo una serie di confronti qua e là per il Vecchio continente, nel 2016 ha partecipato al Festival internazionale di categoria che si è svolto a Cannes, registrando la prima presenza nordica da mezzo secolo a questa parte e ottenendo due premi. Le cartevalori riprendono tale episodio, per adesso l’esito più significativo fra quelli registrati dalla ditta.


Gli intrattenimenti pirotecnici citati da Australia…
…e Formosa
Il sito dell’azienda (in finlandese e svedese)
Fuochi artificiali
Set 18 2018 - 18:09

Smom

Sei gioielli mediterranei

Dall’Egitto e dalla Grecia classici: sono i soggetti scelti dalle Poste melitensi per la serie “Storia dell’oreficeria”

Sempre alla ricerca di espressioni artistiche differenti, per l’infornata del 27 settembre lo Smom si è fatto convincere anche dai gioielli, aprendo il percorso “Storia dell’oreficeria”.

Sei i tagli pronti al debutto; propongono tre reperti classici provenienti dall’Egitto ed altrettanti dalla Grecia.

Andando nello specifico, ecco un pettorale con scarabeo, disco solare e mezzaluna rinvenuto nel tesoro del faraone Tutankhamon (figura nel francobollo da 5 centesimi), una maschera ritrovata nella tomba 3 di Tanis (15), il pendente dello stesso Tutankhamon (1,10 euro), un fermaglio del sepolcro 2 di Kheniale Tekke, presso Cnosso (1,15), un orecchino a forma di testa femminile (2,00) ed un pendaglio giunto dalla Magna Grecia (2,40).

La tiratura conta su seimila serie complete; i fogli sono da nove.


Nove francobolli per l’“Eneide”
La sintesi di quanto sta per arrivare
I sei esemplari
Set 18 2018 - 15:21

Notizie dall'Italia

Chivasso ricorda Salvo D’Acquisto

L’iniziativa proviene dalla sezione, a lui intitolata, che fa capo all’Associazione nazionale carabinieri. Tre gli annulli complessivamente previsti: saranno impiegati domani

Non nuovo nella cronaca postale, torna il ricordo per Salvo D’Acquisto, che il 23 settembre 1943 -nel pieno della Seconda guerra mondiale- si sacrificò salvando civili rastrellati dai tedeschi. Il vicebrigadiere, cui poi venne conferita la medaglia d’oro al valor militare, è stato citato nel francobollo da 100 lire emesso il 23 settembre 1975 come in diversi annulli, fra cui quello di Castelgandolfo (Roma) dell’8 giugno 2013 e, andando indietro nel tempo, di Figline Valdarno (Firenze) del 21 settembre 2003. Domani la lista andrà implementata.

Protagonista è la sezione di Chivasso (Torino) che fa capo all’Associazione nazionale carabinieri; ha richiesto tre manuali. Uno lo commemora a settantacinque anni dall’episodio che gli costò la vita; gli altri citano l’ottantesimo della medesima sede (a lui intitolata) e il duecentesimo dall’insediamento dell’Arma.

Gli addetti di Poste italiane saranno a disposizione del pubblico tra le ore 14 e le 20; punto di riferimento risulta la chiesa degli Angeli, sita in via Torino 34-36.


Il francobollo del 1975 e l’annullo impiegato a Castelgandolfo (Roma) nel 2013
Il manuale di Figline Valdarno (Firenze), risalente al 2003
Le tre obliterazioni annunciate per domani a Chivasso (Torino)
Set 18 2018 - 12:43

Notizie dall'Italia

Calcolo costo netto, deciso il rinvio

La chiusura del provvedimento, riguardante gli anni 2015 e 2016, è stata protratta di sessanta giorni, così da valutare ed elaborare ulteriori dati ed elementi

L’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni non è ancora pronta, per cui ha deciso un rinvio del procedimento intitolato “Verifica del calcolo del costo netto del servizio postale universale per gli anni 2015 e 2016”.

La scelta -spiega il direttore dell’area che, all’interno dell’Agcom, si occupa dei servizi postali, Claudio Lorenzi- “è giustificata dall’esigenza di valutare ed elaborare gli ulteriori dati ed elementi, recentemente richiesti alla società Poste italiane, necessari per completare l’istruttoria”.

La proroga è di sessanta giorni.


L’avvio della procedura
Si sono rivelati necessari ulteriori dati ed elementi, richiesti a Poste italiane
Set 18 2018 - 09:40

Appuntamenti

Agenda impegnativa l’attuale

Da Pastorano (Caserta) a Ravenna, cinque le iniziative collezionistiche prossime allo svolgimento. I dati di sintesi per ciascuna

Borsa a Pastorano (Caserta)

Settimana decisamente intensa l’attuale, con ben cinque iniziative collezionistiche in svolgimento, tutte ad ingresso libero. Secondo i casi, si tratta di borse, allestimenti, incontri.

Si comincia da Pastorano (Caserta): presso l’hotel del Sole, in contrada Spartimento 1 (è a poche decine di metri dall’uscita di Capua dell’autostrada “A1”), tra il 21 ed il 22 settembre si svolgerà il “5° Convegno numismatico-filatelico campano”, voluto dal Circolo numismatico partenopeo. Fra le ore 10 e le 18 i visitatori troveranno monete e banconote, francobolli e storia postale, cartoline, medaglie, militaria, immagini sacre, antiquariato.

Saluzzo (Cuneo) si è prenotata dal 21 al 23; l’ex caserma “Mario Musso”, in piazza Montebello 1, accoglierà “Le Olimpiadi a Saluzzo”, rassegna proposta dal Circolo filatelico-numismatico “Giovanni Battista Bodoni” con l’Unione italiana collezionisti olimpici e sportivi. Potrà essere visitata venerdì dalle 17.30 alle 19.30, sabato e domenica tra le 10 e le 18.

Ancora gli stessi giorni ed ancora il Piemonte, per la precisione Settimo Torinese (Torino): Associazione nazionale collezionisti annullamenti italiani e Cral Antibioticos firmeranno “200 Anni dell’ufficio postale”, percorso organizzato nel contesto della “Festa del borgo Nuovo”. Proporrà la collezione di Gian Franco Mazzucco “La posta a Settimo Torinese dal Regno di Sardegna al Regno d’Italia”. Punto di riferimento è la sala “Adelaide Aglietta” di via Fantina 21, raggiungibile tra le 10 e le 18.

Il 22 ed il 23 anche Caslino d’Erba (Como) in pista, grazie a fondazione “Gennari” e Circolo filatelico canturium. Insieme segnalano la “Mostra storica museale della comunicazione”, ospitata al centro polifunzionale “La curt” di piazza Mazzini, operativo sabato tra le 11 e le 19 nonché domenica fra le 9 e le 19. Nelle teche, materiale sull’Onu e sulla Basilica di san Vincenzo in Galliano; contemporaneamente si svolgerà il 55° Concorso di composizione italiana in prosa e poesia sul tema “Carta, grafia e filatelia”.

Infine, ecco Ravenna, di nuovo tra il 22 ed il 23. Qui, Circolo filatelico “Dante Alighieri” ed Ascom allestiranno il convegno commerciale “Gifra 2018”, al solito collocato all’Almagià, nella via omonima presso il numero civico 2. Queste le aperture: sabato 9-18.30, domenica 9-14.30.


Ultimi giorni per la mostra di Moneglia (Genova)
La cena di Milano
Le altre iniziative a Saluzzo (Cuneo), Settimo Torinese (Torino), Caslino d’Erba (Como), Ravenna
Set 18 2018 - 00:18

Dall'estero

Serie micologica dai Paesi Bassi

L’emissione, dedicata all’autunno, chiude il percorso “Esperienza natura”. Anche in questo caso, si tratta di dieci francobolli in foglietto

Dopo la Germania, pure i Paesi Bassi dedicano francobolli al mondo dei funghi. Si tratta di una coloratissima serie, organizzata in dieci tagli autoadesivi di classe “1” interna (0,83 euro). Emessa ieri come foglietto, è dovuta a Frank Janse; le foto sono di Pixfactory.

Raffigura esemplari che si trovano sul territorio, introducendo un settore difficile da studiare perché spesso tali esseri sono nascosti ed hanno una vita breve. Tanto per fare un paragone, nell’area si contano quasi 1.800 specie di piante, ma i funghi, visibili o meno, superano quota 5mila! E solo otto grammi di certe terre sabbiose ne possono ospitare più di mille differenti.

Le vignette citano: pterula multifida, amanita muscaria, marasmiellus ramealis, russula fragilis, spinellus fusiger (in cima ad una mycena), clavaria argillacea, plicaturopsis crispa, stropharia aeruginosa, mycena haematopu, sparassis crispa.

L’emissione chiude un percorso intitolato “Esperienza natura”, dedicato alle stagioni. Così, per l’inverno sono stati richiamati (il 2 gennaio scorso) rettili e anfibi, per la primavera (9 aprile) i fiori selvatici, per l’estate (4 giugno) gli insetti. Ogni tappa si compone di dieci esemplari.


La serie micologica tedesca
Le stagioni viste da Israele…
…e Liechtenstein
Dieci valori dai Paesi Bassi
Set 17 2018 - 19:44

San Marino

L’ultimo scudetto bianconero

Rivelata oggi pomeriggio l’immagine del francobollo che San Marino dedica alla Juventus. Sarà disponibile con il 16 ottobre

In ritardo, ma è arrivato. Peraltro con esito non entusiasmante. È il francobollo di San Marino dedicato alla Juventus, cioè alla squadra che, matematicamente dal 13 maggio, ha vinto il precedente Campionato di calcio italiano di serie “A”.

È il settimo scudetto consecutivo, per questo nella vignetta è stata introdotta la scritta, certo non di facile comprensione, soprattutto per chi frequenta poco gli ambienti sportivi, “#My7h - Campioni d’Italia 2017/18”. Autore del bozzetto è Matteo Sammarini.

La carta valore, organizzata in fogli da dodici con bandella a sinistra, è stata tirata in 70.008 esemplari. Arriverà, contro 2,00 euro, nel gruppo di emissioni fissato per il 16 ottobre.


Così l’Italia
Le emissioni del 16 ottobre
Il francobollo e l’annullo del primo giorno
Set 17 2018 - 17:58

Dall'estero

Correos riscopre la via ferroviaria

Venticinque anni dopo l’abolizione, un francobollo rammenta il servizio postale su treno. È disponibile contro 1,35 euro

L’ultimo ambulante postale di Spagna partì dalla stazione madrilena di Chamartín il 30 giugno 1993. Sono passati venticinque anni ma il ricordo resta, perlomeno presso l’operatore Correos. Ed ora anche presso utenti e filatelisti, dato che il 14 settembre è giunto agli sportelli un francobollo autoadesivo da 1,35 euro.

Il servizio venne introdotto nel settembre del 1855 tra la capitale ed Albacete. A bordo, gli addetti non avevano un incarico comodo o facile. Dovevano caricare e scaricare i dispacci alle stazioni mentre, durante il viaggio, che magari si svolgeva di notte, smistavano il corriere. Questo tra gli incessanti rumori e i sussulti del treno. Senza trascurare il freddo d’inverno, il caldo d’estate, la carenza di igiene, gli spazi ridotti e persino i pericoli di incidenti. Naturalmente, nel tempo i locali si sono fatti più accoglienti, offrendo illuminazione, riscaldamento, cucina, letti a castello e docce.

La vignetta propone l’esterno di una carrozza serie 1.500; girando l’esemplare, si scopre l’interno.


L’ambulante tra Napoli e Roma nel 1870
Le due “facce” della carta valore (ma si tratta di un bozzetto) illustrano l’esterno e l’interno del vagone postale
Set 17 2018 - 15:17

Notizie dall'Italia

Mangiare/2 Attiva da 75 anni

È l’osteria D’Ambrosio di Bergamo, dalla Regione Lombardia considerata negozio storico. Il 19 settembre l’annullo

Se il 20 settembre a Milano la filatelia tornerà a mettersi a tavola (news precedente), il 19 a Bergamo risulterà il settore dell’alimentazione ad entrare nella marcofilia. Anche in questo caso, non è una novità, ma per la protagonista sarà di certo la prima volta.

È l’osteria D’Ambrosio, che festeggia i suoi settantacinque anni di servizio (guarda caso, la Regione Lombardia ha inserito l’esercizio tra quelli storici). Per questo ha commissionato l’intervento di Poste italiane: gli addetti si troveranno nella sede di via Broseta 58 dalle ore 20 alle 21 (fine).


L’appuntamento di Milano (news precedente)
La trattoria tra i negozi storici lombardi
Annulli e locali: il caffè Poliziano di Montepulciano (Siena)
Nel manuale è stato ripreso l’ingresso con la vecchia insegna
Set 17 2018 - 12:36

Appuntamenti

Mangiare/1 Al via le cene filateliche

Dopo quelle di Roma, si comincia a Milano. La prima fissata per il 20 settembre alle ore 20. Dietro, la Collezionisti italiani francobolli ordinari

Saverio Imperato

Dopo le cene filateliche di Roma ideate da Aniello Veneri, la proposta raggiunge Milano, grazie al presidente della Collezionisti italiani di francobolli ordinari, Claudio Ernesto Manzati. Il primo appuntamento si svolgerà alle ore 20 del 20 settembre presso l’osteria del Sass, in via Cascina dei Prati 7 (si trova non lontano dalla sede che il Politecnico ha alla Bovisa).

L’iniziativa -spiega l’interlocutore- “è aperta a tutti gli amanti della filatelia e della storia postale, abbiamo già ricevuto numerose adesioni, rimangono solo alcuni posti disponibili”. Qualora si intendesse prendervi parte, meglio darne subito conferma via e-mail (c.manzati@virgilio.it) o telefono (339.84.081.89). Il costo è di 30,00 euro.

L’incontro -viene anticipato- sarà l’occasione per consegnare un premio a Saverio Imperato (continua).


Claudio Ernesto Manzati, imminente la conferenza
Set 17 2018 - 10:24

Appuntamenti

Il grand tour passa da Montepulciano

La cittadina in provincia di Siena si confronta con Roma, tra le mete principali dei viaggi d’antan. Ne emerge una mostra che propone dipinti ma anche attrezzature, da viaggio e da lavoro

La litografia “In viaggio”, presente nel catalogo…

“Montepulciano e la Città Eterna - Paesaggi e vedute dall’estetica del grand tour alla metà del XX secolo”. S’intitola così la mostra che il Museo civico pinacoteca Crociani, nella cittadina in provincia di Siena, sta offrendo al pubblico (e lo farà fino al 7 ottobre).

Voluta dal Comune e curata da Roberto Longi, pone a confronto due luoghi, nell’immagine che di essi hanno trasmesso protagonisti e comprimari degli itinerari lungo la Penisola. L’ambito temporale indagato è prevalentemente quello dell’Ottocento, dai suoi albori sino al trasbordare nell’epoca successiva, ultimo, grande periodo del fenomeno che aveva avuto, soprattutto nel Settecento, uno dei momenti epici.

Gli oltre cento oli, disegni, acquerelli, incisioni selezionati propongono vedute urbane o dell’ambiente agreste circostante; talvolta non mancano carrozze ed altre modalità di trasporto. Se per alcuni lavori a prevalere è l’interesse documentario, molti altri spiccano pure per il livello artistico. Tra gli autori, Salomon Corrodi, Juan Gimenez Martin, Carlo Labruzzi, Karl Lindemann-Frommel, Michelangelo Pacetti, Luigi Petrassi, Samuel Prout, Ettore Roesler Franz, Ranieri Rossi, Giulio Aristide Sartorio.

Accanto, il visitatore trova i materiali che, condotti dal servitore, accompagnavano il “tourista” nel suo percorso. Testimonianze di un’epoca e di uno stile di vita: dallo scrittoio da viaggio ai calamai portatili, dalle farmacie, indispensabili in tempi di malaria, agli utensili per organizzare, strada facendo, uno spuntino. Il viaggiatore nobile doveva essere perfetto in ogni occasione, ed ecco allora lo stira cravatte, gli astucci per i gioielli e il porta fragranze, il pesa sterline, le piccole scacchiere. Poi bussole e compassi, senza trascurare gli immancabili bastoni, che all’occorrenza potevano trasformarsi in un’efficace arma da difesa o preservare una riserva segreta di liquore.

L’ultima sezione documenta gli strumenti da lavoro: le scatole per i colori ad olio e quelle per gli acquerelli, le tavolozze, i materiali delle tecniche grafiche, gli album da disegno, le cartelle dove conservare le opere.

Che il grand tour venisse programmato con molta cognizione di causa lo confermano le edizioni del “Baedeker’s central Italy”, con tanto di piante, e le molte, diversissime “guide” che recano anche firme illustri, come quelle di Charles Dickens o di Johann Wolfgang von Goethe.


Per saperne di più
La Toscana all’epoca del grand tour
Fra i protagonisti, Johann Wolfgang von Goethe
…il dipinto “Veduta della chiesa di sant’Agnese”, di Michelangelo Pacetti, in mostra
Set 17 2018 - 00:11

Dall'estero

Il turno del ceramista

Il francobollo, in vendita agli sportelli da oggi contro 1,30 euro, appartiene al percorso che la Francia dedica ai mestieri d’arte

Ceramista

A pochi giorni di distanza, la Francia torna sulla ceramica di Sèvres (venne citata il 31 agosto per i servizi da tè), questa volta attraverso un’emissione praticamente dedicata. Un vaso, un piatto ed una rosa creati nella celebre manifattura della cittadina pagano tributo, infatti, al ceramista. Insomma, è una nuova tappa del percorso dedicato ai mestieri d’arte.

È dal 1740 che l’azienda invita i professionisti a raggiungere la sede per creare oggetti. Sapendo che le tecniche produttive tradizionali sono messe al servizio dell’innovazione, per migliorare le forme esistenti e crearne di nuove. Dietro, ventidue aree che accolgono trenta competenze differenti, dalla progettazione alla cottura. Tre le prerogative essenziali garantite: esclusività, eleganza e contemporaneità.

Dal punto di vista postale, si tratta di un francobollo da 1,30 euro, con l’immagine dovuta a Florence Gendre poi incisa per intervento di Line Filhon. Il dentello è stato messo in prevendita il 15 settembre, mentre la disponibilità agli sportelli scoccherà oggi.


La serie dei servizi da tè
Mestieri d’arte, il precedente richiamo
Il tema affrontato dalla Spagna
Set 16 2018 - 22:51

Giornali, riviste e siti

Gina Lollobrigida ed i “suoi" francobolli

Secondo quanto riportato nell’intervista pubblicata oggi dal “Corriere della sera”, la serie del 2007 sarebbe il riconoscimento più apprezzato

Il taglio del 1996

“A quale riconoscimento tiene di più?”. “Ai quattro francobolli che San Marino ha fatto stampare con la mia faccia. È un privilegio destinato ai re e alle regine”. La dichiarazione è di Gina Lollobrigida, intervistata da Elvira Serra per un ampio articolo pubblicato oggi dal “Corriere della sera”.

Il riferimento è alla serie del 23 gennaio 2007, in cui figurano un autoritratto dell’attrice (è nel taglio da 0,65 euro) e tre aspetti meno noti delle sue attività: fotoreporter (0,85), scultrice (1,00), ambasciatrice dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (3,20).

Ma c’è il precedente, non rammentato: un valore del 22 marzo 1996, sempre emesso sul monte Titano: la cita, sia pure indirettamente, perché il disegno utilizzato è suo. Si tratta del 750 lire PostEurop dedicato alle donne celebri e, nella fattispecie, a madre Teresa di Calcutta. Dieci anni dopo l’originale venne donato all’antica Repubblica.

Combinazione, poche ore fa la donna -classe 1927- è stata ricoverata in ospedale per un incidente casalingo.


L’articolo di Elvira Serra
La cerimonia sul monte Titano del 2006
L’emissione dell’anno seguente: i dettagli
La serie del 2007, citata nell’intervista
Set 16 2018 - 00:45

Libri e cataloghi

La Sicilia secondo Paolo Vollmeier

Il poderoso volume considera gli aspetti postali dell’isola arrivando all’introduzione del francobollo. Buona parte delle 688 pagine dedicata al catalogo

Un’isola e la sua corrispondenza

Tra i tanti studi lasciati da Paolo Vollmeier, figura il poderoso “The postal history of Sicily from its beginnings to the introduction of the postage stamp”. È organizzato in 688 pagine di formato “A4” con immagini (corrispondenze ma anche stampati d’epoca, come avvisi e tariffari) a colori, cui si aggiungono cinque tavole. Edito da Bolaffi nel 1998, è scritto in inglese (venne tradotto da Roy Dehn) ed ora risulta in promozione: costa 51,00 euro in luogo di 170,00.

Secondo l’esperto elvetico, l’evoluzione del servizio può essere suddivisa in quattro periodi: fino al 1535, quando venne introdotta la prima normativa di settore; entro il maggio del 1786, fase in cui si affidò la gestione ai privati; dal giugno seguente al 31 marzo 1820 con la conduzione pubblica; dall’1 aprile dello stesso anno al 31 dicembre 1858, periodo caratterizzato dalla nuova regolamentazione, operativa sino all’arrivo del francobollo (1 gennaio 1859).

In cinquantaquattro capitoli tratta aspetti quali i maestri di posta, le strade impiegate, i manuali, l’ufficio postale, le staffette, le conseguenze delle rivoluzioni registrate nel 1820-1821 e nel 1848-1849, le esenzioni, le lettere assicurate, quelle tassate male, non distribuite ed a credito, le vie di mare, le procedure sanitarie, il telegrafo, i falsi…

Una buona parte del lavoro è basata sul catalogo: analizza i bolli località per località, dividendoli in quattro categorie temporali e dando loro una valutazione economica su quattordici livelli.


“The postal history of Sicily” La scheda con l’indice
La scomparsa dell’autore
Set 15 2018 - 10:25

Dall'estero

Emergenze/2 L’intervento di Ottawa

Ad un giorno di distanza dagli Stati Uniti, pure il Canada cita l’argomento, dedicandogli cinque francobolli. Sono disponibili come foglietto o carnet

Anche il Canada, al pari degli Stati Uniti (news precedente), dedica francobolli, cinque, agli interventi d’emergenza. Francobolli emessi ieri, ad un giorno di distanza da quello di Washington.

Sono dei valori permanenti per il regime interno (adesso costano 0,85 dollari locali cadauno), riguardanti altrettante professionalità. Seguendo l’ordine presente nel foglietto con una serie (ma vi è pure il libretto da due, in questo caso autoadesive), concernono militari, paramedici, pompieri, poliziotti, specialisti nel ritrovare e salvare persone.

Alle immagini ha lavorato Shiro Nishiguchi, mentre l’impaginazione porta il nome della William Lam design. Le cartevalori -è il commento diffuso dall’operatore postale- “esprimono il rispetto e la gratitudine dei cittadini per gli uomini e le donne che li proteggono, a volte con rischio per la propria vita, evidenziando competenza, dedizione e sacrifici” (fine).


L’omaggio Usa (news precedente)
La versione a foglietto; vi è anche il libretto, ma con due serie
Set 15 2018 - 00:47

Dall'estero

Emergenze/1 I primi soccorritori

Dagli Stati Uniti omaggio postale a queste persone, parte delle quali opera a livello di volontariato. Il francobollo è stato emesso due giorni fa

Il francobollo

Di certo non è una coincidenza; strano però che il francobollo sia stato emesso il 13 settembre e non l’11, così da ricordare in modo indiretto gli attacchi del 2001 alle Torri gemelle ed al Pentagono. È l’omaggio per quelli che vengono definiti primi soccorritori, professionisti e volontari. Ossia vigili del fuoco, addetti delle Forze dell’ordine, specialisti.

Il francobollo è un “Forever” nazionale (ora 50 centesimi di dollaro) realizzato da Brian Stauffer, esperto nel dare un approccio concettuale ai problemi sociali; ha lavorato con l’art director Antonio Alcalá e con il designer Ricky Altizer.

Quotidianamente -viene ricordato- si verificano emergenze di tutti i tipi e di tutte le grandezze, dai crimini agli incidenti, senza trascurare gli incendi. Tali situazioni critiche richiedono uomini e donne che possiedano la formazione e le conoscenze per salvare le persone in pericolo, curare i feriti, ripristinare la sicurezza e l’ordine (continua).


Gli annulli nel decimo anniversario dell’11 settembre
Set 14 2018 - 17:21

Notizie dall'Italia

Anche Nonantola riapre

L’Abbazia del paese in provincia di Modena festeggerà la conclusione dell’intervento post sisma il 16 di settembre. Proclamato un Anno santo giubilare e richiesto l’annullo

L’annullo di domenica

Dopo Modena, anche la vicina Nonantola riaprirà una chiesa in seguito ai lavori di sicurezza per affrontare meglio gli eventuali terremoti che si potrebbero registrare in futuro. Pure in questo caso, il fatto verrà solennizzato con un annullo speciale, disponibile nella piazza antistante tra le ore 15 e le 20.

La notizia riguarda la Basilica abbaziale, nel passato citata da tre francobolli. Se il 25 ed il 90 lire natalizi del 10 dicembre 1971 propongono immagini tratte dal codice “Evangelario di Matilde” lì conservato, il 41 centesimi del 6 settembre 2003, inquadrato nel percorso “Il patrimonio artistico e culturale italiano”, punta al complesso e in particolare alla facciata.

L’appuntamento è alle 16 del 16 settembre presso la torre dei Modenesi, cui seguirà, nel tempio, la funzione religiosa. Sarà sottolineata dall’avvio di un Anno santo giubilare (si potrà transitare dalla speciale porta fino al 31 dicembre 2019). Quindi, lo svelamento delle opere d’arte restaurate in occasione degli interventi di recupero, poi la visita guidata e la proiezione di un documentario. Documentario dovuto a Carlo Battelli, Stefano Caselli e Fabio Fasulo, dedicato ad una chiesa “viva, che continua il suo cammino nel mondo da quasi 1.300 anni, avendo conosciuto nella sua storia forme di vita diverse. Da monastero benedettino a cistercense, poi chiesa cattedrale e oggi concattedrale dell’Arcidiocesi”. Alle 21, infine, si potrà apprezzare il gioco di luci creato per valorizzare l’immobile.

Il Museo benedettino e diocesano sarà accessibile gratuitamente dalle 15 alle 22 ed al piano terra del palazzo abbaziale potrà essere scoperta la mostra fotografica “Dettagli d’Abbazia” con immagini di Alessandro Orrea che, salendo sui ponteggi del cantiere, ha potuto entrare in contatto da vicino con le pietre. Da questo incontro privilegiato sono emersi particolari nascosti e tracce di colore che documentano il passato della struttura.


L’iniziativa del 2 settembre a Modena
La carta valore del 2003
La Basilica abbaziale
I tre francobolli che richiamo il complesso
Set 14 2018 - 14:00

Emissioni Italia

Torna il francobollo per i migranti

Ieri la scomparsa dal programma dell’omaggio postale al monumento “Lampedusa porta d’Europa” aveva fatto scalpore. Ed oggi è stato aggiunto di nuovo

Il tema nel 1975

Un modo per far parlare i quotidiani di francobolli è toglierne uno dal programma. Non uno qualsiasi, ma possibilmente quello che può avere dei rilievi politici. È capitato ieri.

Come “Vaccari news” aveva evidenziato, l’omaggio al monumento “Lampedusa porta d’Europa” era scomparso dalla lista del 2018. Nonostante fosse inserito nella serie “Il senso civico”, il ministero allo Sviluppo economico aveva reputato non fosse necessario spiegare il motivo di tale, improvvisa scelta (anche questo sarebbe senso civico).

Giusto o sbagliato che fosse, i media generalisti hanno ripreso subito la notizia, dandole un significato preciso: “Passa la linea Salvini anche sui francobolli?”, si è chiesto l’“Huffington post”, mentre “La Sicilia” ha replicato con un altro quesito: “Sparito il francobollo dedicato alla Porta d’Europa?”. “Migranti, cancellato il francobollo ideato per celebrare Lampedusa «porta d’Europa»”, ha aggiunto “La repubblica”. Le ha fatto ecco, certo da un diverso punto di vista, “Il giornale”: “Scompare il francobollo per ricordare i migranti: «Decisione del governo»”.

Forse, qualcuno aveva pensato di eliminare il problema cancellando la carta valore. Naturalmente non è così semplice; basta citare un’ulteriore testata, “Rai news”, che oggi ha titolato: “Migranti, 184 sbarcati a Lampedusa”.

Pochissimi minuti fa la sorpresa: il dicastero, diretto dal grillino Luigi Di Maio, ha reintrodotto la voce. In data da definire.


La notizia di ieri tra le righe dell’aggiornamento al programma
Il francobollo per il Museo nazionale dell’emigrazione italiana
Set 14 2018 - 11:59

Appuntamenti

A Milano le basi derivanti del polo Nord

La conferenza, tenuta da Claudio Ernesto Manzati, si svolgerà alle ore 15 del 18 settembre presso l’auditorium Aldai di Milano, sito in via Larga 31

Tornano le conferenze presso l’auditorium dell’Associazione lombarda dirigenti aziende industriali, collocato in via Larga 31 a Milano. Il prossimo appuntamento, sempre aperto a tutti, si svolgerà il 18 settembre, titolo “Le basi derivanti russe al polo Nord”. Sul palco, alle ore 15, salirà il presidente della Collezionisti italiani di francobolli ordinari, Claudio Ernesto Manzati.

La relazione si avvia citando la missione segreta sovietica che coinvolse quattro uomini dotati di un’attrezzatura minima: tenda e radio trasmittente. Rimasero su un blocco di ghiaccio alla deriva per otto mesi, dal 21 maggio 1937 al 18 febbraio 1938. L’esperienza aveva un carattere scientifico (meteorologico e medico) ma soprattutto militare, intendendo verificare il comportamento psicofisico dell’uomo in condizioni estreme, sperimentare nuovi materiali e tecnologie d’avanguardia, effettuare prove tecniche sulle trasmissioni. Tutto questo risultò propedeutico all’organizzazione dei primi voli spaziali dell’Urss che, fino agli inizi degli anni Sessanta, mostrò una netta supremazia sugli Stati Uniti.

I presenti riceveranno libri di letteratura filatelica offerti dalla società Vaccari.


La precedente esperienza
Appuntamento al 18 settembre
Set 14 2018 - 10:21

Notizie dall'Italia

Notificazione atti, il decreto

Pubblicato in “Gazzetta ufficiale” il testo che apre al mercato la consegna degli avvisi riguardanti gli atti giudiziari e le violazioni al Codice della strada

È in “Gazzetta ufficiale” l’annunciato decreto del 19 luglio intitolato “Disciplinare delle procedure per il rilascio delle licenze individuali speciali per l’offerta al pubblico dei servizi di notificazione a mezzo posta di atti giudiziari e comunicazioni connesse e di violazioni del Codice della strada”. Si tratta di sette articoli, pubblicati nel numero del 7 settembre.

Il testo precisa, fra l’altro, le quattro tipologie di autorizzazioni possibili: per la notificazione a mezzo posta degli atti giudiziari e delle violazioni al Codice della strada in ambito nazionale (fattispecie individuata come “A1”) e in ambito regionale (“A2”); per la notificazione, sempre a mezzo posta, delle sole violazioni al Codice della strada, ripartite in ambito nazionale (“B1”) o regionale (“B2”).

Una volta che l’azienda interessata avrà fatto la domanda, l’ufficio preposto del ministero allo Sviluppo economico (si trova presso la divisione VI, quella dei servizi postali, che fa capo alla direzione generale per i servizi di comunicazione elettronica di radiodiffusione e postali) ha tempo quarantacinque giorni per rispondere, positivamente o negativamente.


L’annuncio della firma
Il regolamento collegato
La modulistica
Contemplate pure le violazioni al Codice della strada
Se ricevete questa mail è perché vi siete iscritti a Vaccari news
Per ISCRIVERSI, CANCELLARSI o MODIFICARE l'indirizzo email basta collegarsi qui http://www.vaccari.it/_ISCRIVITIVNEWS

Copyright © 2019 - 2003 Vaccari srl - tutti i diritti riservati
registrazione Tribunale di Modena n. 1854 del 4 dicembre 2007
direttore responsabile Fabio Bonacina
Tutto il contenuto di questa newsletter, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati. Redazione: info@vaccari.it

VACCARI srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel. (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157