Siamo lieti di inviarle le notizie diffuse nell'ultima settimana da "Vaccari news".
Se desidera conoscerle in tempo reale, in qualsiasi momento può visitare la pagina www.vaccarinews.it, dove può trovare gratuitamente anche:

  • i programmi aggiornati di Italia, San Marino, Vaticano e Smom;
  • l'archivio di tutte le informazioni che abbiamo diffuso nel tempo (è possibile fare ricerche sia in ordine cronologico, sia per parola chiave, sia per area);
  • i comunicati diramati alla stampa;
  • l'elenco dei prossimi appuntamenti (mostre ed eventi).
Buona lettura
Lo staff di "Vaccari news"

Nov 23 2018 - 00:30

Dall'estero

L’anno prossimo? Ci sarà pure Woodstock

La storica Fiera della musica e delle arti, svoltasi mezzo secolo prima, verrà citata in un francobollo degli Stati Uniti. È tra i titoli già annunciati per il 2019

L’omaggio a Woodstock

Dal cuore di fiori all’“Anno del maiale”, dai cactus al cantautore Marvin Gaye, dalla corazzata “Missouri” ai murali presenti negli uffici postali, dai fiumi al poeta Walt Whitman, dalle rane alle fiere locali, dalla barriera corallina all’immancabile bandiera, presente sia come francobollo che come busta postale.

Gli Stati Uniti hanno reso noto il programma delle emissioni previste per l’anno prossimo, almeno per una buona parte di titoli. Tutti -forse esagerando, poiché si vanifica la singola valorizzazione- già con le relative immagini. Complessivamente si parla di cinquantacinque dentelli ed un intero.

Tra gli argomenti individuati, forse quello che si fa notare di più riguarda la Fiera della musica e delle arti di Woodstock, vissuta tra il 15 e il 17 agosto 1969. È stata -commentano da Usps- la più grande manifestazione rock della storia e un’espressione della controcultura giovanile del periodo. L’immagine, progettata da Antonio Alcalá, richiama la colomba del manifesto promozionale realizzato allora da Arnold Skolnick; si aggiunge la citazione “Tre giorni di pace e musica”. Come la stragrande maggioranza degli altri esemplari, sarà un “Forever”, costo attuale 50 centesimi, che dal 27 gennaio crescerà a 55.


Ciò che si sa dell’Italia
Tra le altre emissioni, quella dedicata ai fiumi
Nov 22 2018 - 21:03

Emissioni Italia

Dopo i 120, i 130

Il 31 marzo 2008 l’omaggio alla Federazione italiana canottaggio, il prossimo 1 dicembre se ne aggiungerà un altro

Dieci anni fa

È di Cristina Bruscaglia il francobollo che, dall’1 dicembre, promuoverà la Federazione italiana canottaggio ed i suoi centotrent’anni (sic!) di attività. Ricordando che già aveva ottenuto un 65 centesimi il 31 marzo 2008, quello per il centoventesimo.

La vignetta della nuova carta valore raffigura due imbarcazioni, specialità di punta “quattro senza” femminile, durante una gara, nella cornice di un paesaggio naturale caratteristico della disciplina. In basso al centro è riprodotto il logo del sodalizio.

Si tratta di un “B”, che quindi sarà in vendita a 1,10 euro e potrà essere impiegato essenzialmente per gli invii ordinari nazionali di primo porto, ovvero compresi nei venti grammi. Inserito nella serie “Lo sport”, è autoadesivo, stampato in un milione e duecentomila esemplari; i fogli sono da ventotto.


I dettagli del francobollo emesso nel 2008
Il sito federale
Nov 22 2018 - 17:42

Notizie dall'Italia

Occhio ai vaglia clonati

È la nota della Slp-Cisl, secondo la quale i falsi sarebbero difficilmente evidenziabili alla vista e al tatto. Quindi, l’azienda non dovrebbe imputare la responsabilità all’addetto che li ha accettati

Occhio ai vaglia postali clonati. È l’allarme lanciato dalla Slp-Cisl, che resta il maggior sindacato del settore. Il quale lamenta le contestazioni di addebito verso i colleghi allo sportello da parte di Poste italiane, poiché non avrebbero individuato le irregolarità bloccando quindi il pagamento.

“Facciamo presente - è la nota- che dette irregolarità descritte sono affidate a valutazioni soggettive di ogni singolo operatore in quanto la valutazione del colore più o meno tenue e dei rilievi calcografici risulta alquanto aleatoria vista l’estrema similitudine agli originali anche se ognuno presenta varie diversità difficilmente riscontrabili all’occhio e al tatto”.


Anche i francobolli hanno i loro falsi. Persino in Svizzera
Il problema segnalato dal sindacato riguarda l’accettazione allo sportello di vaglia postali clonati
Nov 22 2018 - 13:27

Notizie dall'Italia

Violenza di genere: se ne parlerà al Roma Vr

È il convegno voluto da Poste italiane e in programma per domani coinvolgendo il Dipartimento per le pari opportunità. Sarà valorizzato con un annullo speciale

L’annullo

La “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne” si svolge ogni anno il 25 novembre, ma questa volta nella Città Eterna si anticiperà al 23, così da inserire l’iniziativa anche nella “XVII Settimana della cultura d’impresa”.

Venerdì, infatti, si terrà il convegno “Violenza di genere. Istituzioni e aziende si confrontano”, voluto da Poste italiane (che lo ospiterà presso la sede di piazza San Silvestro 19, quindi al Roma Vr) in collaborazione con il Dipartimento per le pari opportunità attivo presso la Presidenza del Consiglio dei ministri.

Non è forse un caso se tre giorni fa è stato sottoscritto il documento interno “Dichiarazione ai sensi dell’accordo quadro sulle molestie e la violenza nei luoghi di lavoro del 26 aprile 2007”. Stando ad esso, “le aziende del gruppo Poste italiane ritengono inaccettabile ogni atto o comportamento che si configuri come molestie o violenza nel luogo di lavoro, e si impegnano ad adottare misure adeguate nei confronti dei soggetti che le hanno poste in essere”.

Per tutta l’apertura dell’ufficio, quindi dalle 8.20 alle 19.05, sarà disponibile l’annullo speciale dedicato all’appuntamento; riprende quello impiegato tre anni fa in sette sedi.


Così tre anni fa
Il tema nei francobolli di San Marino…
…e Spagna
Il programma del 23 novembre (file pdf)
Nov 22 2018 - 10:11

Libri e cataloghi

Da Campo Ligure al fronte

Il centro in provincia di Genova ricorda la Prima guerra mondiale ed i propri caduti, senza trascura il servizio di posta militare

L’iniziativa del Comune

La Grande guerra vista da un centro del Genovese e raccontata attraverso il supporto del Comune di riferimento. È “Campo Ligure e l’inutile strage”, libro firmato da Paolo Bottero e Lorenzo Oliveri.

Conta 192 pagine di formato “A4” con immagini pure a colori, fra cui diverse cartoline (15,00 euro). “Ricorda le centinaia di uomini che furono chiamati alle armi anche dal nostro paese”, annota nella presentazione il sindaco, Andrea Pastorino. “Andarono a combattere per la prima volta «per l’Italia», per una Nazione nata formalmente nel 1861, ma della quale molti non avevano ancora una precisa e fondata percezione”.

Dopo una parte introduttiva a carattere generale, la lente si pone sui 361 soldati locali, 77 dei quali defunti durante il conflitto e rammentati con foto e atti di morte.

Chiude il lavoro la parte dedicata al servizio di posta militare, spiegato puntando all’organizzazione, alla franchigia ed ai contenuti della corrispondenza che recapitava. Senza trascurare altri aspetti, come le comunicazioni dei prigionieri, la censura, la propaganda.


“Il bollettino filatelico” di cento anni fa
Il francobollo del 3 novembre
La posta militare spiegata dall’Archivio storico di Poste italiane (video)
Nov 22 2018 - 00:30

Dall'estero

Per militari e diplomatici, in Usa fanno così

L’operatore postale nazionale dà le indicazioni al pubblico con le date ultime per far arrivare gli invii entro il 25 dicembre. Disponibili confezioni gratuite e tariffe scontate

La confezione assortita

Migliaia di uomini e donne nel corpo militare e diplomatico del Paese saranno in servizio all’estero durante le vacanze di fine anno e la posta “rappresenta un ottimo modo per rimanere in contatto con loro inviando cartoline, lettere, regali e pacchetti per le feste di Natale”. È quanto annuncia l’operatore statunitense, Usps, rivolgendosi al proprio pubblico.

Per garantire la consegna puntuale entro il 25 dicembre, è stata diffusa una tabella con le date ultime in base alle destinazioni, destinazioni caratterizzate da un codice numerico preceduto da una sigla, che può essere Apo (indica gli uffici postali dell’Aeronautica o dell’Esercito), Fpo (della Marina) o Dpo (quelli diplomatici). Vietato indicare lo Stato finale.

Sempre pensando a soldati e feluche, speciali scatole -prodotte in Usa, come viene evidenziato- possono essere richieste gratuitamente presso gli sportelli o via internet. Vi sono persino le confezioni che comprendono gli oggetti da corrispondenza più richiesti (due scatole standard, quattro medie, etichette a nastro per la posta prioritaria, quelle per gli indirizzi, formulari doganali).

Previste inoltre tariffe più basse: i pacchi prioritari spediti oltre gli oceani scontano una cifra di 17,40 dollari, con un risparmio di 1,50.


Anche nel Regno Unito i suggerimenti per i recapiti puntali
La posta per militari e diplomatici statunitensi pensando alle feste
Nov 21 2018 - 19:09

Smom

È bis per “Il barbiere di Siviglia”

Anche lo Smom -come l’Italia- cita la partitura autografa conservata al Museo bibliografico musicale di Bologna. Tre le emissioni fissate al 5 dicembre

Giunti al 21 novembre, il programma 2018 dell’area italiana potrebbe definirsi chiuso, perché nel tardo pomeriggio di oggi lo Smom ha annunciato i dettagli dei titoli mancanti, tre, l’ultimo dei quali a sorpresa. Il debutto è stato fissato al 5 dicembre.

Riguardano Gioacchino (qui nella versione con due “c”) Rossini ad un secolo e mezzo dalla scomparsa (è un francobollo da 2,40 euro associato ad una bandella), il Natale (2,60, 2,90, foglietto contenente due tagli da 2,60 e 5,40) e “Iconografia dei re magi” (tre da 2,40 in striscia, più un altro blocco da 2,60 e 5,40). Insomma, una spesa non indifferente.

Per ciò che concerne l’omaggio al compositore, si aggiunge a quelli, archiviati, di Vaticano (disponibile dal 9 novembre) ed Italia (agli sportelli quattro giorni dopo). Curiosamente, la bandella melitense riprende la partitura autografa per “Il barbiere di Siviglia” conservata al Museo bibliografico musicale di Bologna, già utilizzata dal Bel Paese. La carta valore, invece, cita il “Guglielmo Tell”, proponendo un bozzetto dei costumi presente al Wien museum. Le coppie sono seimila, predisposte in fogli da sei serie.


Il confronto con i tributi di Vaticano…
…e Italia
La bandella ed il francobollo per Gioacchino Rossini
Nov 21 2018 - 16:20

Notizie dall'Italia

Ecco “Postepay connect”

È “la prima soluzione digitale e integrata che coniuga i vantaggi della carta «Postepay evolution» con quelli della sim Poste mobile”, annunciano dal gruppo

Già nominata nel contesto dei programmi del trimestre, in questi giorni la relativa promozione sta arrivando sul territorio (occorre, infatti, attivarla presso uno sportello postale). La notizia riguarda “Postepay connect”, così presentata: è “la prima soluzione digitale e integrata che coniuga i vantaggi della carta «Postepay evolution» con quelli della sim Poste mobile e fornisce possibilità di gestire pagamenti e telefonia in un’unica «app» in modo intuitivo e sicuro”.

Il canone annuo, ora ridotto, costa 70,00 euro. Avviando lo strumento attraverso l’applicazione, i clienti possono trasferire -gratuitamente e in tempo reale- i propri giga da una sim all’altra (purché Poste mobile), inviare denaro tra due “Postepay”, acquistare ulteriori giga addebitando il costo sulla “Evolution”. La “Connect” permette inoltre di rinnovare automaticamente il canone della carta e della sim con addebito sulla “Evolution”. Possibile comprare anche attraverso il circuito Mastercard, ricevere bonifici, farsi accreditare lo stipendio e domiciliare le utenze.

In prospettiva, consentirà l’acquisto di beni e servizi quotidiani riguardanti la mobilità come il carburante, la sosta, i trasporti urbani ed extraurbani presenti in provincia.


L’annuncio del nuovo prodotto
I dettagli spiegati dall’operatore
La fondazione di Postepay spa
Tra supporti diversi
Nov 21 2018 - 13:39

Notizie dall'Italia

Annullo da incorniciare

Festa alla ditta Dosio di Torino, che il 23 novembre celebrerà i centosettant’anni di presenza sul mercato. Non mancherà la sottolineatura marcofila

Classe 1848

Sarà festa, anche marcofila, il 23 novembre presso la ditta Dosio di Torino (si trova in via Venti Settembre 43). Perché l’azienda festeggia le centosettanta primavere. Nacque infatti nel 1848 ad opera di Margherita Dosio, affiancata in seguito dai figli come si evince dalle vecchie guide. Inizialmente commerciava vetri, specchi, campane di vetro, cornici; ai primi del Novecento si aggiunse la vendita di lampadari, appliques, articoli da regalo e dagli anni Trenta, oltre a incrementare la lavorazione delle cornici come attività prevalente, iniziò ad offrire stampe antiche.

“Grazie ad ognuno dei nostri carissimi clienti e amici, abbiamo raggiunto questo straordinario traguardo”, confermano dalla sede. “Abbiamo attraversato tre secoli di storia, abbiamo dato la giusta cornice all’arte preferita, alle passioni, alle emozioni, agli affetti, agli amori, incrociando il nostro destino con quello di tante persone meravigliose. A tutti voi, e a coloro che ci hanno accordato la loro fiducia e benevolenza, vanno la nostra più profonda riconoscenza e l’amicizia più sincera. Il viaggio continua, insieme, con affetto”.

Gli incaricati di Poste italiane saranno pronti, nel negozio, con manuale e francobolli dalle ore 14.30 alle 19.30. Un’ora prima della chiusura si svolgerà il concerto “La musica: una cornice per l’anima”, con Alessandro e Lamberto Curtoni rispettivamente alla viola e al violoncello.


Il sito aziendale
Ditte e marcofilia: le segnalazioni più recenti riguardano la Varnelli…
…e l’osteria D’Ambrosio
Nov 21 2018 - 10:14

Giornali, riviste e siti

“Topolino” riscopre i suoi francobolli

Ad oltre un anno dall’emissione, il settimanale dedicato al celebre roditore proporrà su supporto metallico le immagini impiegate per le cartevalori

Una nuova… “vita” per il tributo postale dedicato a Topolino ed emesso dall’Italia il 3 novembre 2017. Ad oltre un anno di distanza, gli otto disegni reinterpretati da Giorgio Cavazzano si tramuteranno in metallo.

Lo annuncia il settimanale intitolato al famoso roditore, che ha predisposto diverse iniziative per festeggiare il giro di boa delle novanta candeline. Fra cui, appunto, questa.

A partire dal numero 3.288 datato 28 novembre e dal costo di 4,90 euro, per un mese i lettori troveranno due delle otto repliche che impiegano le stesse scene dei francobolli. Con la prima uscita sarà disponibile anche il contenitore ove conservarle; si troverà in fumetteria e sul sito dell’editore, Panini comics, a 3,99.


La serie emessa un anno fa
Quando i francobolli in omaggio erano veri
Anche in metallo
Nov 21 2018 - 00:49

Notizie da Vaccari

Due anniversari, due cartoline e due manuali

Disponibili a “Veronafil” i ricordi per i trent’anni di “Vaccari magazine” e i quindici di “Vaccari news”. Gli annulli speciali in uso il 23 novembre

“Veronafil”, appuntamento allo stand della società Vaccari per venerdì 23 e sabato 24 novembre, quando saranno disponibili anche le cartoline realizzate appositamente per ricordare i trent’anni del semestrale “Vaccari magazine” ed i quindici del quotidiano on-line “Vaccari news”.

Due giri di boa che l’azienda ha scelto di sottolineare con altrettanti supporti postali ed i relativi annulli speciali. Il servizio temporaneo di Poste italiane si svolgerà dopodomani, nel contesto della manifestazione scaligera.

“La cartolina dedicata alla rivista sarà in omaggio per gli abbonati; entrambe, affrancate e annullate, verranno messe in vendita a 5,00 euro ciascuna”, spiegano dalla sede. “In più, ci sarà la possibilità di avere la firma dei rispettivi direttori responsabili: Paolo Vaccari durante i due giorni e Fabio Bonacina venerdì dalle ore 11 alle 12, insieme all’artista che l’ha realizzata, Marco Ventura. Vi aspettiamo…”.

“E chi non potesse venire al convegno commerciale potrà richiederle in seguito”.


L’azienda al convegno commerciale
Le mostre previste
Le due cartoline con i relativi annulli
Nov 20 2018 - 19:12

Pubblicità redazionale

  Unificato, il primo catalogo al mondo sulle Once d’Argento

224 pagine, tutte le monete in argento da tutto il mondo. A solo 24 €

La copertina del catalogo “Euro”

Ancora novità dalle Edizioni CIF-Unificato. Questa volta è la numismatica in primo piano, con la presentazione di ben due nuove opere. Mentre il volume dedicato alle monete in euro è “solo” l’edizione 2019 (504 pagine - € 28) dell’affermatissimo catalogo, leader sul mercato italiano, con migliaia di quotazioni cambiate e l’aggiornamento a quasi tutto il 2018, quello dedicato alle Once d’Argento è una prima non solo italiana ma addirittura mondiale! Tutto a colori (224 pagine - € 24), repertoria la produzione delle splendide monete da un’oncia prodotte nel tempo da tutti i Paesi del mondo, quotandole per qualità. Si tratta quindi di un’opera indispensabile, tanto per il collezionista quanto per il negoziante: inoltre, i testi sono stati redatti in tre lingue (inglese, tedesco e italiano), proprio perché in casa Unificato sono arrivate molte richieste anche dai mercati esteri.

Per i filatelici questa volta l’unica novità è il n.18 di “Storie di Posta”, la più bella rivista di filatelia edita in Italia, sicuramente fra le più ammirate ed interessanti al mondo. A soli 18 €, ogni sei mesi è l’appuntamento d’obbligo per quanti vogliono leggere di filatelia ai più alti livelli.

Allo stand G119 di Veronafil 131 sarà come sempre possibile trovare tutte le pubblicazioni CIF-Unificato: vi aspettiamo, anche per rinnovare l’abbonamento annuale a “L’Arte del Francobollo”.


Sito ufficiale delle edizioni Unificato La copertina del catalogo “Once d’Argento”
Nov 20 2018 - 15:48

Emissioni Italia

Inaugurata cento anni fa

È l’aula della Camera dei deputati: la cerimonia si svolse il 20 novembre 1918. Emesso oggi il foglietto da 1,10 euro che ricorda il fatto. L’aggiornamento al programma

L’annullo fdc (un altro, uguale, è al Roma Vr)

La seduta inaugurale per la nuova aula della Camera dei deputati si tenne il 20 novembre 1918, a poco più di due settimane dalla fine delle operazioni belliche della Prima guerra mondiale. In quei giorni, così difficili per l’Italia e per l’Europa, si ultimava il cantiere per l’ampliamento del palazzo di Montecitorio. All’originario impianto barocco, ornato dallo splendido prospetto della facciata di Gian Lorenzo Bernini, l’architetto palermitano Ernesto Basile, riconosciuto maestro dello stile Liberty, aveva aggiunto un altro corpo di fabbrica che, come in una sorta di scrigno, avrebbe ospitato nel suo seno la struttura parlamentare. Colpisce tuttora, in una visione d’insieme, l’armonia fra l’anfiteatro dei banchi che degradano verso quello della presidenza, le arcate delle tribune lungo tutto il perimetro e il velario in vetro e ferro che, nella parte superiore, conferisce una grande luminosità all’ambiente.

Sono alcune delle osservazioni dettate dall’attuale presidente dell’istituzione, Roberto Fico: si trovano nel bollettino illustrativo che accompagna il foglietto autoadesivo emesso oggi. Foglietto stampato in quattrocentomila copie e comprendente un francobollo “B” (quindi dal costo di 1,10 euro, utilizzabile per gli invii ordinari nazionali di primo porto).

Ricorda la sede, appunto, nel centenario dalla sua apertura; la vignetta riproduce un particolare dell’emiciclo, interpretato da Fabio Abbati. La stessa scena è ripresa sul bordo, dove si aggiungono il logo ufficiale (ripetuto nella cornice), la bandiera e lo stemma della Repubblica.

L’annullo del primo giorno è appoggiato agli uffici postali Camera dei deputati e Roma Vr.

Novità anche per il programma 2018: l’omaggio alla Fondazione istituto di ricerca e cura a carattere scientifico istituto neurologico “Carlo Besta” di Milano è stato anticipato dal 27 al 20 dicembre.


L’anticipazione e la scoperta del foglietto
Come si presenta l’emissione, disponibile da stamattina
Nov 20 2018 - 13:04

Dall'estero

Verona/2 Sorpresa dall’Onu

Un foglietto rende omaggio alla città e all’“Aida”. Debutterà il 23 novembre, giorno in cui la manifestazione collezionistica aprirà i battenti

Uno dei tre annulli fdc, quello di New York

Non il semplice annullo di rappresentanza (già noti sono, ad esempio, quelli di Germania, Italia, Lussemburgo, San Marino e Vaticano), ma addirittura un foglietto. È l’emissione che il 23 novembre arriverà dall’Amministrazione postale delle Nazioni Unite per segnalare “Veronafil”. Appuntamento che questa volta -anche se nella carta valore non viene sottolineato- sarà ben più di un importante convegno commerciale.

Attraverso, principalmente, la Federazione fra le società filateliche italiane e l’Associazione filatelica numismatica scaligera, infatti, ospiterà i tre percorsi espositivi di “Italia 2018”, due dei quali a caratura internazionale, come evidenziato nella news precedente.

Il blocco onusiano, dovuto a Chris Thornock, comprende tre francobolli; sono in monete diverse, impedendo quindi un reale impiego postale. Costano 1,15 dollari statunitensi, 2,00 franchi svizzeri e 1,80 euro (il prezzo complessivo è di 6,30 dollari, circa 5,50 euro); insieme propongono il simbolo cittadino, l’Arena. Sul bordo campeggia un altro richiamo, quello per l’“Aida”, l’opera resa immortale da Giuseppe Verdi. Si aggiungono i manuali fdc di New York, Ginevra e Vienna (fine).


Le tre mostre a concorso (news precedente)
Il foglietto che rende omaggio a “Veronafil”
Nov 20 2018 - 10:15

Appuntamenti

Verona/1 “Italia 2018”, tutti i dettagli

Nel contesto della manifestazione voluta dalla Scaligera, dal 23 al 25 novembre saranno proposte tre mostre, due delle quali a partecipazione internazionale. Il programma

Il libro di Lorenzo Carra: è quello che ha ottenuto il maggior numero di medaglie Fip

“Veronafil” non sarà soltanto convegno commerciale. Sotto il nome “Italia 2018”, Federazione fra le società filateliche italiane ed Associazione filatelica numismatica scaligera, con il supporto di Poste italiane, firmeranno tre mostre, le prime due a partecipazione internazionale.

Una è di letteratura, valida sia per le opere cartacee, sia per le digitali; complessivamente in gara sono stati iscritti 300 titoli, con una sezione speciale per le opere che hanno vinto un premio della Federation of european philatelic associations dal 2005 ad oggi. Verrà esposto, inoltre, il libro con il maggior numero di medaglie (dieci) della Fédération internationale de philatélie, ottenute tra il 1996 ed il 2015: è “1866 La liberazione del Veneto”, scritto da Lorenzo Carra e edito da Vaccari. Il confronto vede il patrocinio della stessa Fepa, poi di Académie européenne de philatélie (Aep), Association internationale des journalistes philatéliques (Aijp), Unione stampa filatelica italiana (Usfi) nonché la consulenza scientifica e bibliografica dell’Istituto di studi storici postali “Aldo Cecchi” onlus.

Un’altra rassegna è dedicata a “La Grande guerra”; conta 44 collezioni di interofilia, maximafilia, storia postale e tematica che hanno ottenuto almeno 75 punti in un confronto nazionale. I lavori provengono, oltre che dall’Italia, da Austria, Francia, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito e Svizzera. Conta sulla “recognition” della Fepa e sul patrocinio dell’Aep.

Non mancherà la nazionale: oltre a 3 adesioni -tutte interofile- in classe campioni, si confronteranno 40 studi. Di questi, 12 sono di filatelia tematica, 1 di tradizionale contemporanea, 8 di interofilia, 7 di maximafilia, 12 di storia postale.

Il riferimento è il padiglione 9 della Fiera di Verona, in viale del Lavoro. Ad ingresso gratuito, sarà aperto il 23 novembre dalle 10 alle 18, il 24 dalle 9 alle 18, il 25 dalle 9 alle 13 (continua).


L’annuncio della manifestazione
La presenza della società Vaccari
Il programma (file pdf)
“Veronafil”, e al suo interno “Italia 2018”, saranno ospitati alla fiera cittadina
Nov 20 2018 - 00:06

Emissioni Italia

I conti correnti postali divennero… dentellati

Era il 20 novembre 1968 quando fu emesso il francobollo di Giorgio Belli. Intendeva ricordare il mezzo secolo trascorso dall’istituzione del servizio

Il francobollo

“Roma, 21 dicembre 1918: il servizio dei conti correnti postali vede la luce in Italia facendo timidamente capolino dagli sportelli del primo ufficio ad essi destinato, in un’atmosfera in cui ancora aleggiavano la sfiducia e la prevenzione che ne avevano notevolmente ritardato l’atto di nascita. Proposto, infatti, dal ministro Calissano con un progetto di legge del 1913, il nuovo servizio dovette attendere, per la sua istituzione, il decreto luogotenenziale 5 settembre 1917, n°1.451, e il regolamento approvato il 9 maggio 1918”.

Esordisce così, in qualità di direttore generale delle Poste, Aurelio Ponsiglione, impegnato a presentare nel bollettino illustrativo il 50 lire dedicato al mezzo secolo della prestazione. Il francobollo allegorico, firmato da Giorgio Belli, venne emesso il 20 novembre 1968, mezzo secolo fa oggi.

Dal 1918 -prosegue il relatore- i ccp “hanno segnato un lento ma continuo cammino di espansione e di penetrazione ponendosi sempre più decisamente come strumento rapido, economico e moderno negli scambi, nelle transazioni e in tutti i pagamenti in genere”.

Il contributo offre anche qualche numero: ogni anno venivano contabilizzati 250 milioni di operazioni per oltre 33mila miliardi di lire, nonché postagiri per 6mila miliardi in addebito e altrettanti in accredito, mentre nell’ultimo decennio si era avuto un incremento del 70% nel numero delle operazioni e del 300% per il loro ammontare.


I cento anni degli assegni postali francesi
Una struttura dimostrativa degli anni Cinquanta (foto: Archivio storico di Poste italiane)
Nov 19 2018 - 16:54

Notizie dall'Italia

L’apertura ai piccoli Comuni

Poste italiane accoglie a Roma i sindaci per “agevolare un dialogo diretto e permanente”. L’appuntamento fissato al 26 novembre

Poste italiane apre al confronto con i piccoli Comuni, concretizzando un impegno espresso dall’amministratore delegato Matteo Del Fante e in linea con la recente legge (la 158 del 6 ottobre 2017) dedicata a tali realtà.

“Ha organizzato -comunicano ad esempio dalla sede lombarda dell’Associazione nazionale comuni italiani- per lunedì 26 novembre un evento dedicato ai sindaci” di detti centri; è in calendario presso “La nuvola”, in viale Asia 40, a Roma. “Si tratta di un’iniziativa per avviare un confronto sui bisogni dei territori e le opportunità di crescita e sostenibilità economica e sociale”. L’azienda intende presentare alcune nuove soluzioni pensate proprio per tali comunità; all’evento parteciperanno il presidente del Consiglio dei ministri, Giuseppe Conte, e diversi rappresentanti istituzionali.

L’obiettivo -confermano dalla stessa società, che si è offerta di coprire le spese di viaggio e pernottamento dei partecipanti- è “agevolare un dialogo diretto e permanente, per confrontarsi sulle esigenze specifiche dei territori, per attivare servizi dedicati e facilitare la vita di coloro che abitano in luoghi non sempre al centro dell’attenzione”.


La promessa dell’amministratore delegato, Matteo Del Fante
La legge 158 dell’anno scorso
Taglie diverse: parte della pubblicità di Poste italiane sull’appuntamento
Nov 19 2018 - 12:12

Pubblicità redazionale

  San Marino: la serie Natale 2018 ha un sapore rinascimentale

L’Ufficio Filatelico e Numismatico della Repubblica di San Marino sarà presente alla mostra filatelica Veronafil n.131

Annullo speciale Veronafil n.131

L’Ufficio Filatelico e Numismatico di San Marino sarà presente dal 23 al 25 novembre alla Veronafil n.131 con le serie postali emesse il 16 ottobre 2018: San Marino 5G, Juventus Campione d’Italia 2017-2018, tre interi postali con le tre Torri, 100 anni dalla fine della Prima guerra mondiale, 500° anniversario della nascita di Tintoretto e Natale.

La serie del Natale mostra la celebre Pala Oliva, dipinta da Giovanni Santi, padre di Raffaello, e conservata presso la Chiesa del Convento di Montefiorentino. L’opera raffigura la Madonna col Bambino e i Santi Giorgio, Francesco, Antonio Abate e Girolamo; in basso a destra il Conte Carlo Oliva inginocchiato, in alto angeli musicanti.

Il foglietto del Natale è stato presentato alla stampa dal Dirigente dell’U.F.N. Dott.ssa Gioia Giardi domenica 7 ottobre 2018 presso il Complesso Monumentale di Montefiorentino di Frontino (Pesaro Urbino), nell’ambito della prestigiosa manifestazione Premio Nazionale di Cultura “Frontino Montefeltro”, XXXVII edizione, organizzata in collaborazione con l’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo, con il patrocinio e il contributo della Regione Marche, della Provincia di Pesaro e Urbino.

Valori: foglietto formato da n.3 valori da €1,60 cadauno - Tiratura: 40.000 foglietti - Stampa: offset a quattro colori, un Pantone, lamina similoro e inchiostro invisibile giallo fluorescente a cura di Cartor Security Printing - Dentellatura: 13¼x13¼ - Formato francobolli: 30x60 mm - Formato foglietto: 101x137 mm. Per gentile concessione: Comune di Frontino (PU).

La manifestazione filatelica si terrà presso il Quartiere fiere di Verona - Padiglione 9, nei seguenti orari: venerdì 23 ore 10-18, sabato 24 ore 9-18 e domenica 25 ore 9-13.

Presso lo stand saranno disponibili anche francobolli, monete e annulli speciali, gli abbonati potranno reintegrare i depositi per il servizio filatelico e numismatico e i nuovi clienti potranno iscriversi ai servizi e prenotare le nuove serie.

In occasione della fiera verrà impiegato un annullo speciale che raffigura l’Arsenale a Verona.


Ufficio Filatelico e Numismatico di San Marino Modulo d’ordine per le serie postali del 16 ottobre 2018
Serie postale dedicata al Natale
Nov 19 2018 - 09:45

Appuntamenti

La città e il combattente

Due percorsi firmati dalla Società umanitaria raccontano la Grande guerra a Milano. Giovedì 22 la lettura delle corrispondenze spedite dallo storico e politico Riccardo Bauer

Fino al 22 novembre

Due mostre sul centenario del conflitto, una dentro l’altra. È quanto propone, fino al 22 novembre, la Società umanitaria attiva nella metropoli lombarda (l’allestimento si trova all’aperto, in uno dei chiostri di via San Barnaba 48, raggiungibile senza costi dalle ore 10 alle 19).

La prima, a pannelli, è intitolata “Milano nella Grande guerra - Assistenza, lavoro, solidarietà” e racconta lo sforzo bellico assicurato all’epoca dalla città. Tra il materiale riprodotto, un buon numero di cartoline propagandistiche e qualche lettera ufficiale, scelta per avvalorare il percorso e le sue tesi. Curioso uno degli ultimi elementi: è la lista delle strade -davvero tante- intitolate ai personaggi, ai luoghi, alle date di allora.

Attraverso una porta, si accede poi alla stanza che ospita il secondo itinerario, “Dai campi di battaglia - Fotografie e corrispondenze inedite di Riccardo Bauer”. Vissuto tra il 1896 ed il 1982, lo storico e politico viene ricordato come “risoluto difensore della libertà e della democrazia, paladino della giustizia sociale, grande educatore sociale, appassionato costruttore di pace”. Suoi sono i carteggi (presenti solo come trascrizioni e talvolta associati a disegni) spediti dal fronte e individuati tra le decine disponibili; si aggiungono delle foto correlate.

La medesima sede (ma alla sala cinema), giovedì 22 alle 17.30, proporrà “In quanto a pericolo ce la ridiamo”, letture di Rino Curci tratte dalle missive dello stesso Bauer; l’ingresso è gratuito.


Il sito della Società umanitaria
Tra i pannelli del primo allestimento, uno con le cartoline propagandistiche. Il secondo percorso vede al centro le corrispondenze di Riccardo Bauer (nella foto)
Nov 19 2018 - 00:17

Dall'estero

Maglioni augurali

Nella serie natalizia, Jersey riprende un comportamento diffuso nel Regno Unito: indossare, per le festività, indumenti appropriati. Così, pure i francobolli mostrano la scollatura

I maglioni aventi come soggetto il Natale? Nel Regno Unito sono diventati popolari, soprattutto dopo che personaggi dello spettacolo hanno cominciato ad indossarli. Li si portano in casa, a scuola e persino nei luoghi di lavoro, magari durante la giornata ad essi dedicata.

Partendo da questa situazione, ecco la serie augurale di Jersey, disponibile con oggi. Disegnata da True north con effetto visivo del lavorato a mano, non solo propone soggetti allegri o tipici delle festività, ma, per richiamare il capo da indossare, gli otto francobolli autoadesivi sono tagliati in alto, idealmente per far passare il collo. Questi i valori facciali: 44, 50, 57, 65, 76, 82 e 94 pence, 1,12 sterline.


Segnalate le interpretazioni di Andorra Spagnola…
…Liechtenstein…
…e Svizzera
Pronti da… indossare
Nov 18 2018 - 00:53

Libri e cataloghi

Chiusa l’“altra” Africa

Con il secondo volume, la Yvert & Tellier affida ai collezionisti la catalogazione completa del Continente nero. Perlomeno delle aree non francofone

Continente nero

Curiosamente, utilizzando la lingua di Honoré de Balzac, i capitoli riguardanti l’Africa non francofona appartengono soprattutto alla seconda parte dell’alfabeto. Così, dopo il volume che arriva al Ghana articolato in 648 pagine, è giunto quello che completa il repertorio, ma che di pagine ne ha richieste ben 1.080. Con immagini quasi sempre a colori, testi scritti in francese, valutazioni nella moneta comune.

Considerando solo gli Stati ancora esistenti, ecco listati puntualmente: Guinea-Bissau, Guinea Equatoriale, Kenya, Lesotho, Liberia, Libia, Malawi, Mauritius, Mozambico, Namibia, Nigeria, Ruanda, Sant’Elena, São Tomé e Príncipe, Seychelles, Sierra Leone, Somalia, Sudan (il Sud Sudan non è stato inserito ancora), Swaziland, Tanzania, Tristan da Cunha, Uganda, Zambia ed infine Zimbabwe.

Cui, ma è ovvio, si aggiungono le realtà non più attive, fra le quali Biafra, Ifni, Natal, Orange, Somalia Italiana, Togo Tedesco.

Nel Bel Paese il volume è venduto a 59,50 euro.


Yvert & Tellier - Africa - secondo volume La scheda
La prima parte del lavoro
Nov 17 2018 - 10:10

Notizie dall'Italia

Poste/2 Opportunità e consolidamento

È quanto prevede il gruppo diretto da Matteo Del Fante a proposito del settore finanziario e di quello assicurativo. I tagli al personale

Tra i cardini, il risparmio postale

Nella news precedente, le linee per i servizi postali e di bancoposta relativi a questo trimestre. Quanto al settore finanziario -prosegue il rapporto aziendale- si intendono cogliere le opportunità derivanti dalle recenti innovazioni normative, valorizzando gli attuali punti di forza: base clienti, rete e marchio.

Allo stesso tempo, il risparmio postale beneficerà dell’accordo con Cassa depositi e prestiti, siglato a dicembre 2017. Inoltre, la strategia per la gestione attiva del portafoglio di strumenti finanziari è mirata a stabilizzare il rendimento complessivo, determinato per lo più da interessi attivi e plusvalenze. Il consolidamento del rapporto con Intesa Sanpaolo porterà al lancio di due strumenti a protezione del credito e dell’immobile oggetto del finanziamento erogato.

Quanto a Poste vita, proseguirà nell’offrire prodotti di risparmio e investimento, al fine di consolidare la propria posizione e incrementare il collocamento di prodotti assicurativi a capitale non garantito. Pure nel comparto danni il gruppo supporterà gli obiettivi di crescita rappresentati nel piano strategico, con particolare interesse nel ramo infortuni e nel mercato del welfare.

Confermati infine i tagli al personale: si parla di una riduzione di 15mila persone, considerata anche l’assunzione di circa 10mila (fine).


L’analisi dei servizi più tradizionali (news precedente)
Gli accordi: con Cassa depositi e prestiti…
…e Intesa Sanpaolo
Consolidare il settore assicurativo
Nov 17 2018 - 01:21

Notizie dall'Italia

Poste/1 L’impegno di questi mesi

Il gruppo tra commercio elettronico, rinnovo della flotta, pagamenti digitali: il punto fino al termine del 2018

I programmi per questi mesi

Una progressiva implementazione del modello per le consegne “joint delivery”; proseguirà -inoltre- l’impiego di nuove tecnologie a supporto dei processi produttivi, con l’obiettivo di aumentare efficienza e qualità delle prestazioni, massimizzando le sinergie del network logistico-produttivo e valorizzando le potenzialità del gruppo, nonché migliorando il posizionamento competitivo sul mercato dei pacchi.

È la “bussola” orientativa di Poste italiane per il presente trimestre, nonostante l’azienda sia stata declassata da Standard & Poor’s (il giudizio è sceso da “BBB” stabile a “BBB” negativo) e Moody’s (da “Baa2” negativo a “Baa3” stabile), a seguito dell’analoga valutazione inerente al Paese nel suo complesso.

La società guarda pure alla flotta: si stanno introducendo, progressivamente, mezzi alternativi ad alimentazione elettrica per il recapito dei colli (veicoli a tre ruote), in grado di migliorare le condizioni di sicurezza sul lavoro, valorizzando altresì il percorso di mobilità ecologica.

Grazie a Postepay spa -costituta l’1 ottobre come istituto di moneta elettronica- lo scopo è diventare la più grande piattaforma di pagamenti digitali che, in sinergia con la rete di distribuzione più capillare, cioè quella degli uffici postali, permetterà di consolidarsi quale “motore di sviluppo e di innovazione per il Paese”. L’ultima nata “intende intercettare e guidare il cambiamento delle abitudini dei consumatori e delle imprese” creando canali, prodotti e servizi integrati. Il primo elemento è “Postepay connect”, offerta congiunta di carte prepagate e prestazioni telefoniche (continua).


Recapito - Il modello “joint delivery”
L’attenzione alla flotta
L’istituzione di Postepay spa
La rete di distribuzione più capillare: è quella degli uffici postali
Nov 16 2018 - 17:35

Giornali, riviste e siti

Gli zerbini? Possono essere… interessanti

In rete diversi articoli che, con differenti misure e materiali, raffigurano buste, lettere, cartoline, annulli

Segnalare già il proprio interesse a chi arriva attraverso uno zerbino, quindi… postale? Si può, e basta dare un’occhiata su internet per scoprire alcuni dei prodotti esistenti. E magari -si vedrà nei prossimi giorni se le rispettive aziende aderiranno alla promozione- approfittare del “black friday” per acquistarli ad un prezzo scontato.

Curioso notare come anche tali articoli abbiano quali riferimenti privilegiati i mercati statunitense o francese, forse perché più attenti al settore. Lo si capisce dai soggetti -che spesso richiamano cartoline e annulli- e dai testi utilizzati. Diversi i materiali impiegati come le misure.

Andando nello specifico, in questo momento, ad esempio, ci sono quelli commercializzati da Best & cheap (costa 10,00+6,50 di spedizione), Esschert (26,29), Fantazio (29,81+4,55), Jvl (14,99), Kitchor (24,90+5,50) e Relaxdays (22,90). Ma la rete è… infinta ed altre scoperte sono possibili!


Richiami postali nei vestiti…
…a tavola…
…con i magneti
Gli zerbini citati di Best & cheap, Fantazio, Esschert, Jvl, Kitchor e Relaxdays
Nov 16 2018 - 13:16

Notizie dall'Italia

Consegna pacchi, la situazione

La situazione e le aspettative di Poste italiane da qui al 2020. L’obiettivo è estendere la rete attraverso la quale il pubblico può ritirare quanto desiderato ed eventualmente restituirlo

Il commercio elettronico visto da Poste italiane: lungo il 2018, la gestione del recapito delle merci (o la loro resa al mittente) è stata ampliata secondo strade diverse.

Innanzitutto, adattando gli uffici postali a luogo di deposito, dove il destinatario può andare a ritirare quanto atteso.

Con lo stesso scopo, da maggio si sono aggiunte due alternative: le sedi delle controllate Kipoint (secondo l’ultimo censimento, ora sono quindici i negozi che prestano tale supporto, undici dei quali nelle stazioni ferroviarie) e Indabox (trentaquattro tra Milano e Roma).

In più, ed è la vera novità dopo molti mesi di tentennamento, ecco i puntoposte (tecnicamente definiti locker) posizionabili anche in esterno, silentemente introdotti da febbraio. Adesso tredici sono a firma diretta dell’operatore, mentre duecentottantasei appartengono ad Inpost.

Attraverso reti esterne, entro il 2020 dovranno essere attivi settemila punti (fra cui una selezione di tabaccai) e quattrocentoventi armadietti.


Indabox, l’ingresso di Poste italiane
I puntoposte e la collaborazione con Inpost
L’accordo con i tabaccai
La pubblicità dell’operatore
Nov 16 2018 - 10:44

Dall'estero

Accordo con Uni global union

È la federazione internazionale dei sindacati presenti nei servizi, che ha stretto un’intesa con l’Unione postale universale

Partner dell’Upu

Sviluppo durevole, un concetto che deve mettere radici anche nell’ambiente postale, e non solo quando si parla di illustrare francobolli. Da tale obiettivo, l’accordo tra Unione postale universale e Uni global union, la federazione internazionale dei sindacati presenti nei servizi, quindi anche tra lettere e pacchi.

Il comparto -annota il direttore generale dell’agenzia onusiana, Bishar Hussein- “è un datore di lavoro importante nel pianeta (5,3 i milioni di persone che coinvolge, ndr) e un elemento attivo della società. Questa collaborazione chiarirà come gli operatori designati possano confrontarsi non solo con i dipendenti, ma anche con le comunità nelle quali sono partecipi”.

“Attraverso la rivoluzione digitale -ha aggiunto il segretario generale della controparte, Christy Hoffman- il settore si confronta con numerose difficoltà, ma in fondo le questioni essenziali restano le stesse: il diritto ad un lavoro decoroso e quello di organizzarsi e negoziare collettivamente”.

Tre i punti di riferimento che le strutture affronteranno insieme: sviluppo durevole, lavoro per la popolazione, statistiche di impiego. Toccando temi come la salute, l’invecchiamento, la formazione professionale, l’avvio di iniziative per sensibilizzare negli aspetti ambientali, economici e sociali.


Sviluppo durevole: tra i francobolli di Francia…
…il concetto citato al 26° Congresso postale mondiale
Se ricevete questa mail è perché vi siete iscritti a Vaccari news
Per ISCRIVERSI, CANCELLARSI o MODIFICARE l'indirizzo email basta collegarsi qui http://www.vaccari.it/_ISCRIVITIVNEWS

Copyright © 2019 - 2003 Vaccari srl - tutti i diritti riservati
registrazione Tribunale di Modena n. 1854 del 4 dicembre 2007
direttore responsabile Fabio Bonacina
Tutto il contenuto di questa newsletter, incluse le pagine html e le immagini, è protetto da copyright.
In caso di pubblicazione e/o riferimenti si prega di citare sempre la fonte e di avvisare la redazione: info@vaccari.it

Vaccari srl non si ritiene responsabile di eventuali errori di collegamento nei link proposti, che vengono verificati solo all'atto dell'inserimento.
Sarà gradita la comunicazione di eventuali cambiamenti per poter aggiornare i dati. Redazione: info@vaccari.it

VACCARI srl - Via M. Buonarroti, 46 - 41058 Vignola (MO) - Italy
Tel. (+39) 059.77.12.51 - (+39) 059.76.41.06 - Fax (+39) 059.760157